Nomina Picucci nel CdA Gesesa, De Stasio: “Illegittima, venga revocata”

Con un esposto al Prefetto e un’interrogazione consiliare presentata al sindaco Mastella, la consigliera di ‘Prima Benevento’ Rosetta De Stasio chiede la revoca della nomina di Oberdan Picucci a componente del CdA della Gesesa.

L’avvocato ritiene illegittima tale nomina in quanto a suo dire “il sindaco non ha rispettato la procedura prevista per i provvedimenti di designazione e, in particolare, non ha predisposto e pubblicato l’Avviso Pubblico all’Albo Pretorio e sul sito istituzionale dell’Ente al fine di consentire la presentazione della richiesta di candidatura di eventuali altri interessati al fine di effettuare la valutazione dei curricula e dei requisiti dei richiedenti previsti dalla Deliberazione del Consiglio Comunale n.7/2020, per poi procedere alla designazione del nominativo. Pertanto il provvedimento di nomina di Oberdan Picucci è da ritenersi in aperta violazione della vigente normativa, ed è, per tale motivo, illegittimo”.

Un provvedimento di nomina, si legge nel testo inoltrato in Prefettura, “adottato anche in evidente contrasto con i princìpi di trasparenza ed imparzialità che dovrebbero informare l’Amministrazione comunale” e perciò si ritiene “necessario ed urgente un intervento di S.E. il Prefetto di Benevento teso ad invitare il Sindaco di Benevento a revocare immediatamente il suddetto provvedimento di nomina e a dare avvio alla procedura prevista per le designazioni, riportando, così, la questione nell’alveo della correttezza, della trasparenza amministrativa e della legittimità”.

Nell’interrogazione presentata al primo cittadino inoltre, De Stasio chiede di sapere se quest’ultimo “intende adottare in modo immediato il provvedimento di revoca della nomina di Oberdan Picucci quale componente del CdA della GE.SE.SA. SpA, predisponendo poi l’Avviso Pubblico da pubblicare sull’Albo Pretorio e sul sito istituzionale dell’Ente per consentire ad eventuali altri interessati la richiesta di candidatura, da valutare successivamente sulla base dei curricula e dei requisiti previsti dalla deliberazione del Consiglio Comunale”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.