“La Settimana europea delle regioni e delle città” è un evento, della durata di quattro giorni, che si svolge ogni anno a Bruxelles e che consente a funzionari delle amministrazioni regionali e locali, esperti e accademici di scambiare buone pratiche e competenze tecniche in materia di sviluppo regionale e urbano e contribuisce a sensibilizzare i decisori sul fatto che regioni e città contano nell’elaborazione delle politiche dell’UE.

È il più grande evento pubblico del suo genere in Europa ed è organizzato congiuntamente dal Comitato europeo delle regioni (CdR) e dalla Direzione generale Politica regionale e urbana (DG REGIO) della Commissione europea. L’importanza della manifestazione è dimostrata anche dal suo notevole impatto mediatico: da anni ormai, la Settimana europea delle regioni e delle città vede la partecipazione di oltre 300 giornalisti che vengono a Bruxelles da ogni parte d’Europa per seguire l’evento per la stampa, la radio, la televisione e le piattaforme online. A Bruxelles, domani, 10 ottobre 2019, Angelo Moretti, Direttore generale del Consorzio “Sale della Terra” e Referente della Rete dei “Piccoli Comuni del Welcome” porterà la testimonianza della “buona pratica” dell’azione del “Manifesto per una rete dei piccoli comuni del welcome” che, emanato da Caritas Benevento agli inizi del 2017, oggi si concretizza nella Rete di 29 Piccoli Comuni Welcome e nelle attività di economia civile del “Sale della Terra” (leggi il programma dettagliato qui: https://europa.eu/regions-and-cities/programme/sessions/606).

Le regioni e le città partecipano alla realizzazione della maggior parte delle politiche dell’UE. Gli enti pubblici subnazionali nell’UE sono responsabili di un terzo della spesa pubblica (2.100 miliardi di euro all’anno) e di due terzi degli investimenti pubblici (circa 200 miliardi di euro), che spesso devono essere utilizzati in conformità delle disposizioni giuridiche dell’UE. È per questo che nell’ambito della “Settimana europea delle regioni e delle città”, che si tiene a Bruxelles, ciascun partenariato regionale è invitato a organizzare nel quadro dell’iniziativa L’Europa nella mia regione/città un evento locale, sotto forma di “dialogo dei cittadini” o di dibattito politico e con la partecipazione di un membro del Comitato europeo delle regioni. L’obiettivo di questi “dialoghi dei cittadini” è quello di prestare ascolto ai cittadini e di rendere conto direttamente delle discussioni che si svolgono nelle città e nelle regioni. Gli eventi locali si rivolgono a una vastissima platea di partecipanti (il grande pubblico, i responsabili politici, gli esperti, gli enti locali, regionali e la stampa) al fine di sensibilizzarli in merito all’impatto delle politiche dell’UE sulle regioni e sulle città.

Comunicato stampa