Ospedale di Cerreto Sannita, l’intervento del deputato leghista Zinzi

È sempre un argomento scottante, quello della riapertura dell’ex nosocomio di Cerreto Sannita, almeno come ospedale di comunità. Dibattiti e petizioni sono all’ordine del giorno, e nei giorni scorsi, presso il Palazzo del Genio cerretese, si sono riuniti alcuni dei vertici istituzionali comunali , provinciali e religiosi per poter fare un punto della situazione.

Lo scorso 25 novembre la Fondazione “Salute e Territorio” ha incontrato il neo deputato Gianpiero Zinzi a cui il presidente Alfredo Lavorgna ha manifestato le istanze dell’intero territorio. “Cerreto deve tornare a essere il riferimento della Valle dal punto di vista dei servizi sanitari, ma la Regione Campania continua a essere sorda alle sollecitazioni della popolazione locale che chiede un minimo di servizi”. E ancora: “Se l’Asl non riattiva in breve tempo i servizi minimi, come il Primo Soccorso e/o Ospedale di Comunità, chiederemo di predisporre una interrogazione parlamentare sulle questioni del Presidio Maria delle Grazie”.

L’onorevole Zinzi, in risposta, ha chiesto una relazione in merito alla situazione del presidio ospedaliero cerretese e ha invitato i delegati della Fondazione a inoltrare tali quesiti in primis ai due consiglieri regionali del territorio sannita, invitando innanzitutto loro a intervenire e a farsi carico di un problema che lo stesso Zinzi ha definito “una anomalia sanitaria in Valle Telesina”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.