Pala Unisannio, al via i lavori. De Luca: “Continueremo a investire nella cultura”

Un’altra storica giornata per l’Università degli Studi del Sannio e infatti in mattinata, nonostante la forte pioggia che ha impedito la posa simbolica della prima pietra del Pala Unisannio, nella struttura di fronte del “Cubo” che ospita come noto il Dipartimento di Scienze e Tecnologie, è stato presentato il progetto. Tale opera sarà realizzata con un finanziamento della Regione Campania di 1 milione e 300mila euro e prevede la costruzione nell’ex area Enel di un nuovo edificio che ospiterà al piano terra una palestra e al primo piano nuove aule e laboratori. “Sarà il primo impianto sportivo della nostra università – ha affermato con gioia il rettore Gerardo Canforae sarà a servizio dei nostri. Un altro passo avanti quindi verso la costruzione di un’università che sia sempre più a misura di studente e con gli studenti al centro. Stiamo lavorando, in generale, all’idea del campus Unisannio e crediamo che l’università sia principalmente una comunità e per essere considerata tale ha bisogno di spazi condivisi in cui vivere. Stiamo, quindi, dando una grande importanza alla riqualificazione dei nostri spazi e delle nostre infrastrutture”.

Un progetto di riqualificazione avviato nel 2019 e che che porterà alla creazione, come sottolineato dal direttore generale Gianluca Basile, di un campus urbano con ben sedici sedi nel raggio di trecento metri. “Vogliamo che il centro storico di Benevento sia sempre di più il nostro campus urbano ed esso, oltre ad aule e laboratori, dovrà avere anche spazi per la socialità e attività sportive dei nostri studenti. Stiamo riqualificando anche le facciate delle nostre storiche sedi e altri progetti riguardano la rifunzionalizzazione della struttura al Triggio che ospiterà il Progetto Sheril e la riqualificazione delle residenze universitarie di via Tenente Pellegrini. C’è poi, in sinergia con il Comune, il progetto relativo alla realizzazione di una foresteria nei locali della stazione centrale e che sarà realizzato con i fondi del Pnrr”.

Proprio sulle risorse del Pnrr si è soffermato anche il presidente Vincenzo De Luca e il governatore della Campania, nel corso del suo lungo intervento, ha inviato i tanti studenti presenti in aula a non farsi abbindolare troppo dalle tecnologie, credendo invece sempre nell’uomo e nei suoi valori. “Lo sviluppo delle aree interne della nostra regione è una scelta politica assolutamente non scontata, dato che per decenni abbiamo avuto un’attenzione concentrata soprattutto sulla fascia costiera e in modo particolare sulla realtà di Napoli. Ciò si è avuto anche rispetto al sistema universitario, ma noi abbiamo deciso di investire nella cultura, nelle infrastrutture e nelle politiche sociali per contribuire a frenare questo esodo spaventoso verso il nord e altri Paesi d’Europa. Questa problematica dovrebbe essere affrontata seriamente dal Governo nazionale e per quanto concerne le università i fondi statali sono rapportati alla quantità di sostegno che le regioni danno alle università e avendo le regioni una situazione economica molto differenziata, mi pare ovvio che con questo meccanismo lo Stato finanza le realtà più ricche e deprime le realtà in difficoltà. Noi, quindi, abbiamo deciso di finanziare il sistema universitario anche per contrastare questo meccanismo penalizzante nei contributi statali alle università. Gli investimenti hanno riguardato tutto il sistema universitario regionale e siamo contenti di quanto fatto per l’Unisannio. Questa università è all’avanguardia, insieme a quella di Salerno, per quanto riguarda le residenze e da questo punto di vista siamo molto indietro per quanto riguarda la realtà napoletana. In questi anni abbiamo fatto uno sforzo incredibile per contrastare la dispersione scolastica e la Campania è l’unica regione italiana, pur non essendo la più ricca, che stanzia annualmente quaranta milioni di euro per il trasporto gratuito per gli studenti fino a ventisei anni. Questa scelta ci costa tanto, ma siamo orgogliosi di averla fatta ed è motivo di grande soddisfazione quando mi confronto con i colleghi presidenti delle regioni del nord. Questa misura continueremo a mantenerla”.

Assente all’incontro di stamattina il sindaco Clemente Mastella, con il primo cittadino di Benevento a Bergamo per l’Assemblea annuale dell’Anci e al suo posto il vicesindaco Francesco De Pierro. Presenti in sala anche il prefetto Carlo Torlontano, il consigliere regionale Gino Abbate e i vertici locali delle forze di polizia.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.