Pandemia e volontariato, benemerenze alle Misericordie sannite

Lo scorso 7 settembre, presso la sede della Misericordia di Torrecuso, si è tenuta una cerimonia religiosa nella quale le Misericordie sannite, che hanno attivamente lavorato del periodo di emergenza pandemica, hanno ottenuto un importante riconoscimento dalla Confederazione nazionale, ricevendo attestati di benemerenza e medaglie da appendere ai propri labari o bandiere.

Una toccante manifestazione dai colori giallo-ciano, presieduta dal correttore regionale don Pompilio Cristino e dai sacerdoti don Antonio Fragnito e don Franco Marotta, ha riconosciuto l’alta abnegazione dei tanti volontari che in un periodo di assoluta incertezza non hanno fatto mancare il loro sostegno a chi più ne aveva bisogno. Le ambulanze delle Misericordie, infatti, guidate da centinaia di cittadini sanniti, non si sono mai fermate. Un riconoscimento ai volontari che non hanno mai mollato.

Presenti, tra i numerosi intervenuti, anche Angelo Iacoviello, presidente della Misericordia di Benevento, e il presidente della Federazione Campania delle Misericordie d’Italia, Gabriele Lucido, che ha manifestato viva preoccupazione sul caro benzina: “A costo di autotassarci – ha dichiarato – non possiamo paralizzare il nostro operato. Non trasportiamo sacchi di patate ma persone che hanno necessità particolari”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.