“Vedo un antipatico alternarsi di “botta e risposta” tra esponenti politici e non, che certamente non aiutano l’umore, già depresso e preoccupato dei cittadini. Sono certo che, se vi dovessero essere responsabilità, la Procura già sta facendo il suo corso (e non è certo tenuta a comunicare la sua attività ai cittadini – a meno che non lo ritenga assolutamente necessario). Su questo punto siamo fiduciosi del suo operato.

Quanto ai rappresentanti istituzionali, chiediamo che ognuno faccia la propria parte di competenza. E chiediamo maggiore chiarezza e precisione nella diffusione dei dati da parte dell’ASL di Benevento, che spesso dirama numeri poco chiari o addirittura incompatibili tra loro.

Per parte nostra, siamo contenti di aver dato impulso ad una mancanza di comunicazione che ha caratterizzato i primi 15 giorni successivi al decreto Presidente Conte. Ci siamo limitati a chiedere maggiore comunicazione e maggior rispetto dei protocolli. Certamente va registrato che sono emerse lacune gravi nella tutela del personale sanitario che non può non aver avuto un riverbero nella diffusione del contagio anche ai pazienti ricoverati nelle strutture sanitarie, vicenda tristemente richiamata anche da organi nazionali di informazione, nonché alla popolazione.

Tuttavia, non è il momento di fare polemiche. Avremo tempo per farle. A i responsabili della sanità grava il dovere del rispetto di tutte le cautele e procedure e della corretta informazione. Ai responsabili istituzionali politici, Sindaci, Presidente della Provincia,Parlamentari, grava l’onere di vigilare, per quanto di propria competenza, senza cercare di occupare “palcoscenici” quando il vento è a favore, salvo poi ricordare di non avere competenze, quando il vento è contrario. Anche questo è senso di responsabilità.

A costoro ora compete sopratutto affrontare il disagio economico e psicologico che investe tutti coloro che vivono la difficoltà del protrarsi (necessario) dell’emergenza.Illustrino ai cittadini cosa intendono fare su questo fronte e si assumano il coraggio di schierarsi dalla parte dei cittadini, non del Governo, se serve.
Adesso è l’ora di dimostrare senso di responsabilità. Ciascuno per la propria parte”.

Comunicato Stampa