1

“Partire da Benevento e avere il mondo come aula”. UniSannio spinge sull’internazionalizzazione

Continua l’impegno dell’Università del Sannio per rafforzare le sue attività di internazionalizzazione, attività e progetti che come ci spiega il Prof. Biagio Simonetti, Delegato del Rettore per le azioni Erasmus+/Erasmus, permettono agli studenti dell’ateneo sannita di “partire da Benevento e avere il mondo come aula”.

Progetto Erasmus+  KA107

L’Agenzia Nazionale Erasmus+, nell’ambito del programma KA171, ha finanziato progetti di mobilità UniSannio verso Paesi extra europei per oltre 713mila euro. I progetti che hanno ottenuto l’importante finanziamento consentiranno scambi di formazione e di ricerca riguardanti docenti, studenti e personale tecnico-amministrativo con i Paesi del Madagascar, Nepal, Bhutan, Ucraina e Kosovo.

Progetto UNiCORE (University Corridors for Refugees)

PROGETTO UNICORE: ANCHE UNISANNIO TRA LE 33 UNIVERSITÀ ITALIANE CHE ACCOGLIERANNO 69 STUDENTI RIFUGIATI DAL CAMERUN, NIGER E NIGERIA

Anche UniSannio è tra le 33 le Università italiane che parteciperanno alla quarta edizione del progetto UNICORE – University corridors for Refugees per dare la possibilità a 69 rifugiati di proseguire il loro percorso accademico in Italia. Gli studenti saranno selezionati sulla base del merito e della motivazione, attraverso un bando pubblico lanciato oggi. Il progetto offre ai rifugiati l’opportunità di arrivare in Italia in maniera regolare e sicura per proseguire gli studi, in linea con l’obiettivo dell’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, di rafforzare i canali di ingresso regolari per rifugiati e di raggiungere un tasso del 15% di iscrizione a programmi di istruzione terziaria nei paesi di primo asilo e nei paesi terzi entro il 2030.

Il progetto UNICORE è nato nel 2019 con una prima fase pilota durante la quale sei studenti sono stati accolti da due atenei, per poi espandersi con la partecipazione di 20 e 45 studenti nel 2020 e nel 2021 rispettivamente. Nella sua quarta edizione il progetto si allarga nuovamente per includere per la prima volta rifugiati residenti in Camerun, Niger e Nigeria.

Collaborano al progetto il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, UNHCR, Caritas Italiana, Diaconia Valdese e Centro Astalli, oltre ad un’ampia rete di partner locali che assicureranno il supporto necessario agli studenti durante il programma di laurea magistrale della durata di due anni e favoriranno la loro integrazione nella vita universitaria. L’Università del Sannio ha selezionato 6 studenti con lo status di rifugiato che arriveranno in Italia nel mese di settembre 2022 per iscriversi al corso di Laurea Magistrale in Economia e Management.

L’Università degli Studi del Sannio – ha dichiarato il Prof. Simonetti – sta rafforzando la presenza di studenti internazionali presso le proprie strutture per creare un ambiente di studio multiculturale necessario per garantire agli studenti un più ampio angolo visuale. Collaborazioni con oltre 200 partner europei e 80 extra europei caratterizzano la forte propensione ai rapporti internazionali dell’Università del Sannio