Il Pd attende Decaro, Cacciano all’attacco di Salvini: “L’autonomia è una truffa”

“Stanti le ultime passerelle elettorali nel Sannio, appare doveroso smontare un presunto paradigma che, comprensibilmente, viene portato avanti da esponenti nazionali del Governo di Destra e colpevolmente avallato da politici locali e candidati del territorio”: inizia così la nota di Giovanni Cacciano, segretario provinciale del Partito democratico prossimo ad accogliere il candidato alle Europee Antonio Decaro, atteso in città domenica 2 giugno all’hotel Traiano.

“Salvini – afferma il vertice dei dem sanniti – nel suo ultimo incontro-comizio a Guardia Sanframondi ha rilanciato il refrain, trito e ritrito, che vedrebbe l’autonomia differenziata come panacea dei mali del Sud in base al farlocco sillogismo secondo cui “peggio di così non può andare”. Ovvero, i ritardi e i gap del Mezzogiorno si sono finora accumulati in assenza di autonomia e dunque con la riforma Calderoli si potrebbe fare solo meglio. È falso, naturalmente, e come tutti i trucchi proposti quando si vuol “dare una fregatura a qualcuno” va smascherato anche il disegno leghista, nonostante la esecrabile complicità di taluni esponenti politici meridionali (o presunti tali) e persino sanniti.

Il gioco del “non si può fare peggio” è un trucco grossolano, è ingannevole, non ha alcuna base scientifica se non quella dell’artificio verbale, peraltro banalotto. In verità, con il progetto di autonomia differenziata, ideato dal leghista Calderoli (quello del Porcellum!) e votato da tutti i parlamentari della destra-centro, gli squilibri e i gap del Mezzogiorno d’Italia semplicemente esploderanno come dimostrano gli autorevoli studi dello Svimez, del Censis e persino degli Uffici Parlamentari della maggioranza di Governo!

Spieghi ad esempio Salvini – o qualcuno dei suoi nuovi adepti locali – perché il Governo spende in Sanità per ciascun cittadino campano 322 euro in meno della media nazionale?! Pertanto, i Cittadini stiano in guardia dagli slogan di chi gli vuole venderci l’ennesima fregatura e da chi sul territorio ne tesse persino le lodi. A livello nazionale, sono gli stessi che solo pochi anni fa pagarono le multe delle quote latte degli allevatori del Nord con i soldi del Sud, laddove a livello locale è solo l’ennesima messa in scena di consumati questuanti.

Il PD, con Amministratori attenti, seri e per bene come Antonio Decaro, è fieramente contro la “secessione dei ricchi”, come dovrebbe esser chiamata, con amore di verità, l’autonomia differenziata di matrice leghista. Al contempo, siamo Tutti in guardia contro gli imbrogli e i raggiri che politicanti truffaldini vogliono ancora praticare ai danni del Mezzogiorno e dei Cittadini del Sud Italia”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.