“Il pericolo di essere avvocati”: l’incontro promosso da Ordine e Amnesty

Si è tenuto questa mattina, presso i locali dell’Ordine degli Avvocati di Benevento un incontro promosso dal Comitato Pari Opportunità – Ordine Avvocati di Benevento, Presidente Ilaria Iammarino con la collaborazione del Gruppo Amnesty Italia n. 312 Benevento, responsabile Luigi Marino per discutere de “Il pericolo di essere avvocati” al fine di celebrare degnamente la “Giornata internazionale degli avvocati e delle avvocate in pericolo”.

La Giornata internazionale degli Avvocati minacciati ricorre il 24 gennaio di ogni anno per ricordare il massacro di Atocha, a Madrid, del 24 gennaio 1977, in cui furono uccisi 5 avvocati esperti di diritto del lavoro, “colpevoli” di aver aiutato le lavoratrici e i lavoratori più poveri e vulnerabili a far valere i propri diritti. Organizzata fin dal 2009 dalla Fondazione omonima in collaborazione con diverse associazioni di avvocati, è nata allo scopo di attirare l’attenzione della società civile e dei poteri pubblici sulle minacce, sulle violenze, e in molti casi, purtroppo, sugli omicidi di Avvocate e Avvocati, in diverse parti del mondo e nei cinque continenti, colpevoli solo di aver esercitato in maniera indipendente ed autonoma la loro professione e di battersi per la difesa dei loro assistiti nel quadro del rispetto dei diritti fondamentali e del giusto processo, così come previsti nelle convenzioni internazionali. Il Cnf è componente fondatore e impegnato da anni nelle azioni portanti dell’Osservatorio, consistenti nel coordinamento dei casi segnalati, nell’offerta di sostegno sul campo e nello svolgimento di iniziative formative.

I saluti della Presidente del COA di Benevento, Stefania Pavone sono stati delegati ed affidati all’Avv. Tina Ventorino. Ha preso la parola la Presidente del CPO presso l’Ordine degli Avvocati di Benevento, Ilaria Iammarino che ha ricordato che la Commissione Pari Opportunità del CNF ha invitato i Comitati Pari Opportunità a celebrare il 24 gennaio, concentrandosi sulle figure di Colleghe/i che siano state/i o siano in pericolo per aver difeso le pari opportunità e i diritti umani: così è nato il video realizzato dai CPO, che verrà pubblicato sul canale YouTube del Consiglio Nazionale Forense a partire dal 22 gennaio.

Con il video trasmesso dal CNF, l’Avvocatura italiana intende dare un contributo all’invito contenuto nella lettera che l’Avvocato turco Selçuk Kozagaçli, detenuto nella prigione di alta sicurezza di Silivri, Istanbul, ha indirizzato alle Colleghe ed ai Colleghi di tutto il mondo che celebrano la Giornata del 24 gennaio: “Non smetteremo mai di lottare come avvocati dei poveri e di coloro che reclamano i loro diritti…Se riusciremo a mantenere una forte rete di lotta comune la nostra professione di avvocati potrà continuare a portare speranza e salvezza alle persone oggi soggette a violenza e coercizione aperta.”
La Presidente, inoltre, ha rimarcato l’importanza della figura dell’Avvocato e della scelta, della rete dei CPO, di rendere omaggio alla giornata degli Avvocati in pericolo.

È intervenuta, ancora, la Responsabile delle Campagne Amnesty Italia, Tina Marinari che ha accompagnato i tantissimi Avvocati ed Avvocate intervenuti, lungo un percorso che ha attraversato il mondo intero, offrendo uno spaccato, lucido e preciso, della condizione degli Avvocati in pericolo, affrontando i casi più terribili, tra Turchia ed Egitto, Iran e Cina. Tina Marinari ha raccontato la storia di tanti Avvocati, spiegando quanto sia importante il sostegno di ciascuno di noi e di Amnesty nel resistere ai continui attacchi ai diritti umani. L’incontro è stato reso ancora più toccante dalle letture di alcune di queste storie, tratte dall’Osservatorio Internazionale per Avvocati in Pericolo, a cura dell’Avv. Marvin Tomasiello, accompagnato dal Maestro Fallace Gianvittorio.

Le conclusioni, infine, sono state affidate al Responsabile del Gruppo n. 312 Benevento, Luigi Marino, il quale ha sottolineato l’importanza dell’azione di Amnesty, ha ringraziato la Presidente del CPO, Avvocata Ilaria Iammarino per aver, questa ultima, fortemente voluto l’incontro ed il momento di approfondimento sugli Avvocati in pericolo. Inoltre, il responsabile, questa volta quale Avvocato, ha esortato tutti i Colleghi e le Colleghe intervenuti ad essere orgogliosi della professione svolta, della finalità sociale dell’Avvocato che, ancora una volta, e nel mondo, si ritrova ad essere baluardo nella difesa dei diritti umani, anche a costo della propria incolumità.

Comunicato stampa

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.