La pigna è un dolce pasquale della tradizione del centro-sud Italia, come Ciociaria, Molise, Irpinia, Sannio in particolare la valle del Titerno, conosciuta anche con il nome di casatiello dolce, gemello di quello salato.

Se il Governatore De Luca ci ha invitati all’arte della pastiera, varrebbe la pena di dare un’impastata anche alla pigna. La Pasqua è fatta di case profumate di fragranze dal forno, atmosfere di sapori ricorrenti, quel calore domestico, specchio delle prime temperature calde. Prosperità e abbondonza ne caratterizzano i piatti, ad accompagnare il risveglio della natura che fiorisce.

La pigna ha un sontuoso manto di glassa, come neve ormai lontana dell’inverno, che cede il passo alla primavera fiorita. Sulla glassa, infatti, si posa una pioggia di confettini colorati.

È un dolce che avvolge i sensi, dai colori che catturano lo sguardo, al profumo aromatico, al tatto nella sua morbidezza, data dalle uova e dallo strutto. Ognuno ha la sua ricetta con aromi differenti.

In questa ricetta c’è la Strega beneventana, scrigno di spezie dalla cannella allo zafferano, gli agrumi che ricordano paesaggi d’estati sul mare e il limoncello, tesoro di Sorrento. Il colore, giallo paglierino, è un anticipo cromatico dell’estate che verrà. Presenti, in questa versione, anche l’aroma di fiore d’arancio, già protagonista ricorrente della pastiera e le note agrumate decantate dalla scorza di limone e arancia.

È una preparazione che ha il passo lento, come le cose belle che si fanno attendere con almeno un giorno di lievitazione, prevedendo il lievito madre o il lievitino.

Ingredienti

Lievitino

100 grammi di farina

100 ml acqua

Un cucchiaio di zucchero

Lievito di birra o secco (la quantità varia a seconda dei tempi)

Pigna

400 grammi di farina

5 uova

100 grammi di strutto

150 di zucchero

100 ml di succo di arancia

Buccia grattugiata di limone e arancia

Un bicchierino di strega

Un bicchierino di limoncello

Una fiala di fiori d’arancio

Un pizzico di sale

Glassa

Acqua

Zucchero a velo

Qualche goccia di limone

Decorazioni

Confettini colorati

ovetti di cioccolato

Impastare il lievitino almeno un giorno prima e attendere che cresca, unirlo agli ingredienti della pigna, la consistenza dovrà essere compatta ma simile ad una crema, l‘impasto dovrà triplicare, ci vorranno almeno dieci ore.

Cuocere con forno statico a 180° per 35 minuti, fare sempre la prova stecchino. Farla raffreddare e preparare la glassa. mescolando zucchero a velo acqua e qualche goccia di limone. la glassa deve essere densa, cospargerla sulla pigna, versando tanti confettini colorati, ovetti di cioccolato e attendere che si solidifichi.