Il Premio prevede un’unica sezione con relativi premi di riconoscimento, rivolti agli operatori del mondo dell’informazione sannita, cittadina e provinciale, che si sono particolarmente distinti nella loro attività, testimoniando un impegno notevole nella professione, rendendosi protagonisti del racconto della realtà sannita, tutti apprezzati altresì per le loro qualità umane.
A questi si aggiunge il “Premio alla Memoria” al Giornalista scomparso.

Le premiazioni, su indicazione di un’apposita Giuria, avverranno in una cerimonia pubblica presso Palazzo Paolo V di Benevento LUNEDI 27 MAGGIO 2019 alle ore 17.00, nell’ambito dell’inaugurazione della manifestazione “StregArti”.

Giovanni De Toma era nato a Benevento il 23 aprile 1962, da mamma Anna e papà Alberto.
Molto impegnato nel campo del volontariato e dell’associazionismo, divenne responsabile del settore arbitrale di calcio dell’US ACLI Benevento e dirigente nazionale.
Giovanissimo, collaborò alle redazioni giornalistiche locali di alcune testate, quali “Gazzetta di Benevento”, “Specchio del Sannio”, “Il Giornale di Napoli”. Per motivi di lavoro, all’età di 27 anni, nel 1989, vinse un concorso in Prefettura come Funzionario e si trasferì in Piemonte, precisamente ad Asti, continuando a coltivare la sua passione per il calcio e a dirigere gare del campionato di Eccellenza. L’anno dopo fu nominato dal Presidente della Regione Piemonte, designatore arbitrale della sezione “G. Minà” di Asti.

Iniziò a collaborare con alcuni giornali locali della città piemontese, “Gazzetta D’Asti” e “La Nuova Provincia”.
Estroverso, eclettico, ebbe momenti di celebrità partecipando a note trasmissioni televisive su reti nazionali; ospite di Fabrizio Frizzi e Milly Carlucci, (Scommettiamo che? – vinse la puntata finale con oltre il 90% dei voti da casa contando le lettere di qualsiasi brano e formando periodi da 100 lettere a oltre 800, più veloce del computer. Una mente vulcanica e creativa che sbalordì l’Italia intera ), Maurizio Costanzo (Ospite di Città Spettacolo) Giancarlo Magalli (I Fatti Vostri) , Toto Cotugno (Piacere Rai Uno), Enrico Papi (Sarabanda), Gigi Sabani (Re per una Notte su Italia Uno).

Morì ad Asti il 9 agosto 2003, vittima di un male incurabile. Una sua raccolta di poesie “Rinascere” fu pubblicata postuma nel 2004 durante “Città Spettacolo” a Piazza Santa Sofia e trasmessa su Rai 3 Regionale con un servizio curato dalla Giornalista Annalisa Angelone. Una piazza gremita in ogni ordine di posto con l’incasso che fu devoluto all’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (oltre quattromila euro raccolti in una sola serata).

Comunicato Stampa