La qualità della vita per fasce di età: le classifiche del Sole 24 Ore

In anteprima al Festival dell’Economia di Trento 2024 sono stati presentati gli Indici generazionali del Sole 24 Ore. Questi indicatori misurano le risposte dei territori alle esigenze specifiche dei tre target generazionali più fragili e insieme strategici, i servizi a loro rivolti e le loro condizioni di vita e di salute suddivisi ciascuno da 12 indicatori.

Dalla classifica nazionale, le città del sud restano in coda per i tre target, con performance altrettanto negative per le grandi aree metropolitane, mentre si distingue con numeri positivi gran parte del Nord: al primo posto per la qualità di vita dei bambini c’è Sondrio; per la qualità di vita dei giovani c’è Gorizia e per la qualità di vita degli anziani c’è Trento.

In Campania i numeri non sono del tutto positivi, considerando che Napoli è ultima in classifica per la qualità della vita dei bambini (102), Caserta è 97ª e Salerno 89ª. Si piazza meglio Avellino che è 50ª e a seguirla Benevento che è 56ª nella classifica finale.

Il capoluogo sannita, dando un occhio ai 12 parametri per definire la qualità dei bambini, è 19ª per Spazio abitativo; 37ª per Pediatri; 72ª per Competenza numerica non adeguata; 59ª per Competenza alfabetica non adeguata; 93ª per Bambini che hanno usufruito dei servizi comunali dell’infanzia; 76ª per Edifici scolastici con palestra; 95ª per Giardini scolastici; 7ª per Verde attrezzato; 5ª per progetti PNRR per l’istruzione; 65ª per Indice sport e bambini; 57ª per delitti denunciati a danno di minori; 75ª per Spesa sociale famiglie e minori.

Per quanto riguarda la qualità di vita dei giovani Benevento si piazza al 37º posto, rispetto a Caserta (57ª), Avellino (86ª), Salerno (90ª) e Napoli (95ª). Benevento, dalla pagella definitiva, è 95ª per Residenti giovani; 18ª Quoziente di nuzialità; 96ª per Età media del parto; 10ª per Canone di locazione; 12ª per Laureati; 28ª per Imprenditorialità giovanile; 85ª per Disoccupazione giovanile; 87ª per Trasformazioni a tempo indeterminato; 39ª per Bar e discoteche; 40ª per Concerti; 12ª Aree sportive; 38ª per Amministratori comunali under 40.

In testa alla classifica regionale, per la qualità di vita degli anziani, invece, c’è Avellino al 65º posto e supera Benevento (74ª), Napoli (78ª), Salerno (84ª) e Caserta (98ª).

Dai 12 indicatori per il terzo target esaminato, Benevento risulta 84ª per Speranza di vita a 65 anni; 77ª per Partecipazione civile; 65ª per Utenti dei servizi sociali comunali; 101ª per Consumo di farmaci per malattie croniche; 8ª per Consumo di farmaci per depressione;

71ª per Posti letto nelle RSA; 91ª per Geriatri; 14ª per Infermieri non pediatrici; 94ª per Orti urbani; 29ª per Biblioteche; 14ª per Esposti per inquinamento acustico; 31ª per Persone sole.

Giorgia Zoino

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.