Dopo gli annunci giunti nella giornata di ieri, questa mattina in una conferenza stampa svoltasi presso Palazzo Paolo V, Fratelli d’Italia ha presentato nella loro prima uscita ufficiale i due candidati alle prossime elezioni regionali.

Domenico Matera, sindaco di Bucciano, e la giovane Francesca Pedicini, consigliera di opposizione a San Giorgio del Sannio, sono i due volti sui quali si punta per avere la meglio sull’attuale governatore De Luca. Non si nascondono i candidati e nemmeno i rappresentanti e i vertici del partito di Giorgia Meloni, convinti di poter fare la voce grossa e di non essere più un partito minoritario, pronti a prendersi la Campania: lo afferma con determinazione il deputato e Presidente del Direttivo Nazionale di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli, giunto nel Sannio accompagnato dal portavoce provinciale Federico Paolucci, che ha aperto i lavori. Insieme a Cirielli, anche il consigliere regionale Michele Schiano ha partecipato a quella che è stata ribattezzata “l’onda del cambiamento”. Un cambiamento che si basa sui programmi, secondo il deputato di FdI, ma soprattutto conta superare “la cattiva amministrazione di De Luca”. “Fratelli d’Italia – afferma – è riuscita a ottenere risultati importanti senza avere ruoli di prim’ordine. L’ambizione è di creare un grande partito patriottico non per forza di centrodestra”. Con un pizzico di protagonismo si autocandida qualora dovesse ritenersi opportuno, e traccia le differenze con la Lega (“non siamo la stessa cosa altrimenti staremmo nello stesso partito, noi siamo una destra sociale”), inviando qualche frecciatina a Mastella: “Non sappiamo dove si colloca, se a sinistra con Renzi o a destra con Berlusconi, è difficile seguirlo. Ma onestamente non è una nostra preoccupazione”.

Paolucci rimarca la questione delle aree interne, sia politica che sociale ed economica, puntando il dito contro il presidente De Luca, il quale “è venuto tre volte nel Sannio: una volta per distruggere la sanità, dato che ora abbiamo due mezzi ospedali che non sono di eccellenza. Per l’alta capacità: è venuto a dirci che è opera sua ma non è così. Venirci a dire che non siamo più orfani ed è un successo della Regione, è eccessivo”. In merito alla Regionali: “Siamo un partito che si sta aprendo e sta crescendo, l’unica decisione che ho preso da solo è stata quella di non candidarmi. La proposta di candidatura di Mimmo Matera è assolutamente vincente, il suo è stato un percorso coerente dalle Provinciali alle Europee. Francesca Pedicini, infine, è stata la più attiva e determinata”.

Il candidato Domenico Matera parte da lontano, quando aderì a Fratelli d’Italia “con una lista osteggiata da tutti”. Sindaco di Bucciano da 12 anni, si dice “orgoglioso di poter rappresentare l’orgoglio sannita” e lancia la campagna elettorale “porta a porta” nei 78 Comuni della Provincia di Benevento attraverso un team formato da 100 persone: “Sarò molto attento alle istanze che vengono dal basso e da chi ha determinate necessità. Siamo convinti di poter raggiungere l’obiettivo, abbiamo bisogno dell’impegno e della collaborazione di tutti”. Dagli asili nido gratuiti al reddito di cittadinanza che ha degli aspetti positivi ma anche negativi che lo fanno diventare puro assistenzialismo, fino al federalismo responsabile e sociale e non sulla scia di quello imposto dalla Lega, Matera annuncia anche i preparativi per le Comunali del 2021: “Saremo attivi e presenti con la nostra punta di diamante Federico Paolucci”. Segue a ruota la candidata Francesca Pedicini, che rilancia l’ondata di cambiamento giovane e rosa della politica, proclamando il massimo impegno per la propria terra e chiosando con una citazione di Almirante. Michele Schiano è convinto: “Vinceremo le Regionali e dimostreremo che si può fare meglio partendo dalle aree interne”. Il guanto di sfida è lanciato, Fratelli d’Italia si muove per tempo alzando la voce e puntando in alto.