Rifondazione M5s: nel Sannio il coordinatore campano Micillo. Sullo sfondo le elezioni

Entra nella fase più calda il riassetto del Movimento 5 Stelle a Benevento e di riflesso in tutta la Campania: nel Sannio è approdato il coordinatore regionale Salvatore Micillo per la seconda delle tre tappe previste nel tour di riunioni provinciali programmato nei giorni scorsi e che ha toccato ieri Caserta per poi concludersi domani con l’appuntamento di Avellino. Nel pomeriggio la base grillina sannita ha serrato i ranghi dopo i primi vertici utili a formalizzare i gruppi territoriali e a imbastire le prime discussioni proiettate alle Amministrative (quattordici i Comuni del beneventano al voto nel 2023).

Gruppi territoriali, organizzazione del territorio ed elezioni i tre punti all’ordine del giorno del summit che ha visto le stacanoviste del Movimento, le ex senatrici Danila De Lucia e Sabrina Ricciardi, fare gli onori di casa al coordinatore campano Micillo, accompagnato dalla deputata Enrica Alifano che ha già presenziato alla scorsa riunione tenutasi in quel di Pietrelcina a fine novembre scorso. Dato di partenza quello che ha visto in città e in provincia svettare su tutti i 5Stelle: “Il radicamento sul territorio avviene nel momento in cui si è conosciuti, facendo un percorso con le stesse battaglie che il territorio richiede, dopodiché si arriva alle Amministrative. Se in passato questo non è avvenuto cercheremo con il nuovo corso del Movimento 5 Stelle e con la presidenza di Giuseppe Conte di essere ancora più incisivi, anche perché in Campania siamo la prima forza politica e a Benevento c’è stato un grande consenso. Dispiace non essere riusciti ad entrare alle scorse Amministrative” il pensiero di Micillo.

Rifondazione, sinonimo in questo caso di ripartenza, per una forza scomparsa dal Consiglio comunale e priva di vertici locali che non ha però perso i numeri e che ora attende la designazione di una nuova guida. La struttura di base di ogni gruppo è costituita da trenta persone “ma stiamo cercando di aggregarne il più possibile per dare maggior respiro ai problemi che Benevento e la sua provincia hanno. Nei gruppi territoriali s’incontrano le esigenze dei cittadini che mettono al centro il dibattito”. Dialogo, quello perso con il Pd ma che Micillo non esclude del tutto nelle realtà locali: “Il dibattito avviene sui programmi, sulle idee e sulle condivisioni delle persone. Alle scorse Politiche c’è stato un allontanamento dal Partito Democratico soprattutto per volontà del Movimento di non avere a che fare con una dirigenza che ha fatto di tutto per distruggere il Movimento 5 Stelle. Altra cosa sono i territori, altra cosa sono i programmi e altra cosa sono le amministrazioni: in molte parti condividiamo un percorso insieme, vedi Napoli, e su queste basi si può ragionare”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.