Rubano: “La Morgante salvi l’ospedale di Sant’Agata”

“Ho sempre riservato parole molto positive sull’operato della manager dell’azienda ospedaliera San Pio. Tuttavia, mi dispiace prendere atto di una sua nuova e sorprendente impostazione istituzionale, poco decorosa da parte sua, sia nella forma che nella sostanza. Nel corso dell’ultimo periodo ho costantemente cercato di contattare il Dg Maria Morgante, al fine di discutere questioni rilevanti e cruciali afferenti agli ospedali sanniti. Purtroppo, nonostante i miei sforzi reiterati, ho ricevuto qualche misera risposta esclusivamente tramite messaggi. Una pochezza senza precedenti”. Così in una nota a sua firma l’onorevole Francesco Maria Rubano.

“Sono profondamente preoccupato per la scelte recentemente attuate sul dimensionamento del personale dell’ospedale di Sant’Agata de Goti. Sembra che ci siano problemi significativi che richiedono attenzione immediata e pronta risoluzione. La mancanza di sinergia in questo ambito è inaccettabile. Ritengo che la gestione degli ospedali debba riflettere i valori di responsabilità, integrità e trasparenza. Attualmente, non vedo tali valori incarnati nella gestione in atto.

Inviterei il dg Morgante – prosegue il parlamentare sannita – ad attuare scelte celeri e risolutive su Sant’Agata dei Goti adottando magari la stessa celerità e determinazione che ha avuto per altre scelte “dubbie” in materia di personale che mi sono state segnalate e sulle quale faremo degli opportuni approfondimenti in tutte le sedi. Con i competenti rappresentanti istituzionali di Forza Italia abbiamo deciso di avviare un processo di verifica approfondita sulla gestione del personale e su altri aspetti critici dell’amministrazione ospedaliera. Resto aperto al dialogo e alla collaborazione con tutte le parti interessate al fine di affrontare queste preoccupazioni e trovare soluzioni appropriate.

Sulla questione di Sant’Agata dei Goti farò battaglia così come ho sempre fatto dal primo giorno della mia elezione e quindi in circostanze non elettorali come è certificato da atti pubblici con date certe. Su questo aspetto è bene dare un  chiarimento anche alla luce di alcune dichiarazioni lette sugli organi di stampa.  Ognuno faccia la propria parte perché la salute è un bene da tutelare e da difendere in ogni sede. Da parlamentare – conclude Rubano – e da esponente politico farò la doverosamente del mio meglio come ho sempre fatto in ogni momento della mia attività”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.