“L’amministrazione comunale di San Giorgio del Sannio, nella persona del presidente del consiglio Gaudino, ha provveduto a convocare una seduta di Consiglio Comunale urgente per domani 10 settembre 2019. Tutto lecito, fino a quando però non ho preso visione dei punti all’ordine del giorno: Approvazione dell’atto costitutivo e statuto dell’Azienda consortile d’ambito B2; Conferimento di ben quattro cittadinanze onorarie e vari titoli”: a scriverlo è la consigliera Francesca Pedicini.

“L’ennesima beffa – accusa la consigliera del “Gruppo Misto” – per i cittadini di San Giorgio del Sannio, che da mesi ormai son costretti a far fronte ad un’emergenza rifiuti, sulla quale oltre ai soliti “comunicati” l’amministrazione è risultata assolutamente silente. Io non ci sto. Pertanto annuncio che domani sarò assente al Consiglio Comunale, perché per quanto mi riguarda son ben altri i temi che meritano “urgenza”. Proprio in tal senso sono ancora in attesa di risposte alle interrogazioni presentate il 30 Luglio (c.p.l. andavano discusse al primo consiglio comunale utile), sulla sospensione dei lavori in Via San Giacomo per la presenza di Amianto, e sull’affidamento dei lavori all’ex Giudice di pace”.

“Acqua, Commercio, Ambiente, Rifiuti sono le questioni di cui la cittadinanza ne chiede le risposte agli amministratori. Risposte che sin ora si son tradotte in “Essenza dell’Assenza” così il 30 giugno all’incontro organizzato dalla ConfCommercio, come anche il 26 agosto al consiglio provinciale straordinario sull’emergenza rifiuti, dove il Comune di San Giorgio del Sannio ha preferito non prender parte. Scarso interesse? Altre priorità? Scelta politica? Nel frattempo la macchina amministrativa è ancora ferma ai box in attesa del tagliando” conclude la Pedicini.