San Lorenzo Maggiore, dichiarato santuario il convento di Santa Maria della Strada

Con una solenne celebrazione eucaristica, presieduta dal vescovo della Diocesi di Telese – Cerreto – Sant’Agata de’ Goti, Mons. Giuseppe Mazzafaro, lo scorso 27 giugno il convento di Santa Maria della Strada di San Lorenzo Maggiore è stato elevato al grado di santuario. Un importante riconoscimento per la sacra struttura dell’entroterra sannita, sita in località Piana del centro laurentino, in occasione dei festeggiamenti in onore della sacra icona bizantina della Madonna della Strada, dai tipici tratti orientali, antecedente all’anno Mille e sicuramente sfuggita agli attacchi dell’iconoclasmo isaurico a firma di Leone III. L’elevazione a santuario è certamente motivo di orgoglio ed evento di pregio per il turismo religioso sannita.

Domenica 3 luglio il santuario sarà ulteriormente al centro dell’attenzione grazie all’attesissima giornata di chiusura dei festeggiamenti in onore della Vergine: come da tradizione, infatti, ogni prima domenica di luglio, l’icona viene venerata dal popolo laurentino e dalle comunità circostanti.

Una lunga processione di carri di paglia e grano, tradizionalmente provenienti da tutte le comunità limitrofe, si recheranno verso la sacra icona come ringraziamento, a imitazione di quei pellegrini che sin dalla Puglia arrivavano alla Piana a omaggiare la Madonna. Essi recheranno una sacra immagine mariana. Una tradizione secolare, probabilmente riferita a culti pre-cristiani eseguiti per propiziare le piogge ed evitare calamità naturali o la distruzione dei raccolti. Dopo la sfilata, i carri verranno scaricati dinanzi alla piazza del santuario e da grano e paglia verrà preparato il covone per la trebbiatura, attività tradizionale delle rurali terre sannite. Un omaggio naturale alla Vergine tanto amata, un atto d’amore e devozione.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.