Scelte decisionali su impianti alimentati da fonti rinnovabili: se ne parla al Demm

Nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile, che si svolge in Italia dal 4 al 20 ottobre, l’Università degli Studi del Sannio organizza un incontro di approfondimento su “Le scelte decisionali per la realizzazione di impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili. Valutazioni tecniche, giuridiche ed economico-finanziarie”. L’evento, promosso dalla RUS – Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile, si svolgerà a Benevento il 19 ottobre 2022, alle ore 9.30, presso l’Aula 3 del plesso universitario di Via delle Puglie 82. Sono previsti i saluti di Gerardo Canfora, rettore dell’Università del Sannio e di Massimo Squillante, direttore Dipartimento DEMM UNISANNIO. Modera Roberto Jannelli, docente dell’ateneo sannita. Intervengono Giuseppe Marotta, prorettore dell’Università del Sannio, Fabio Amatucci, Delegato RUS; Maurizio Sasso, del Dipartimento di Ingegneria UNISANNIO e Maria Carmela Serluca, assessore al Bilancio del Comune di Benevento.

Il tema dall’approvvigionamento e la conversione dell’energia coinvolge da tempo i paesi occidentali sia per i problemi dell’inquinamento locale e delle emissioni climalteranti che per le opportunità legate alla diversificazione delle fonti, a causa del progressivo esaurimento di quelle tradizionali. Ad oggi, il consumo energetico è basato essenzialmente su combustibili fossili, responsabile in gran parte dell’impatto ambientale. Da anni si susseguono accordi e protocolli atti a contenere le criticità  legate alla conversioni energetiche dei combustibili fossili e aumentare l’incidenza delle fonti rinnovabili. La priorità d’azione è legata alla sostituzione dei combustibili tradizionali con altre forme di energia primaria, promuovendo l’energia rinnovabile in tutte le sue forme con particolare riferimento al solare termico e fotovoltaico, all’eolico ed allo sfruttamento delle biomasse.

È essenziale inoltre promuovere le diverse tecnologie di sfruttamento non convenzionali in funzione della disponibilità di ciascun Paese di fonti alternative, anche per limitare la dipendenza energetica come le recenti vicende stanno drammaticamente evidenziando. Per realizzare tale disegno è necessario superare gli ostacoli allo sviluppo delle energie alternative, quali in primo luogo la mancanza di chiare regole autorizzative (soprattutto per la realizzazione di impianti eolici) e una realtà eterogenea, con Regioni che promuovono la realizzazione di fonti rinnovabili e altre che prevedono limiti severissimi che ne impediscono lo sviluppo scoraggiando gli investitori. 

Un altro limite alla diffusione di tecnologie di sfruttamento di fonti energetiche rinnovabile è la criticità di accettabilità sociale degli stessi spesso osteggiati dai cittadini. Le Comunità Energetiche Rinnovabili, previsti dalle norme comunitarie e nazionali, ridisegneranno il rapporto della società con l’energia attraverso una compartecipazione attiva dei cittadini e la condivisione delle scelte e dei vantaggi legati all’esistenza di impianti di conversione energetica. In futuro i benefici della transizione ecologica ricadranno dove sono più importanti, a livello locale, aprendo la strada a un futuro più pulito, più equo e più sostenibile permettendo di raggiungere gli ambiziosi obiettivi del PNRR. La giornata vuole analizzare le prospettive nel settore energetico, analizzando gli aspetti tecnici dei differenti impianti, le valutazioni di natura giuridica nonché gli elementi di sostenibilità finanziaria delle diverse fonti.

Comunicato stampa

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.