Sciame sismico in atto nel Sannio, chiuse scuole ed edifici pubblici

Sciame sismico in atto nel Sannio negli ultimi giorni e che sta avendo il proprio picco tra la notte e la mattinata di oggi. L’ultimo evento recente risale alle 11.27 con una scossa di 3.2, la più alta di tutto il fenomeno finora.

Da qualche giorno la terra sannita trema, con diversi sismi di lieve entità e non percettibili, fino ad arrivare agli eventi di questa notte con epicentro tra Ceppaloni, Apollosa e Montesarchio: la prima scossa è stata registrata alle 00.24 con magnitudo 2.2. La seconda qualche minuto più tardi, di magnitudo 2.9 della scala Richter. La scossa è stata avvertita a Ceppaloni (BN); San Leucio del Sannio (BN); Chianche (AV); Arpaise (BN); Sant’Angelo a Cupolo (BN); Petruro Irpino (AV); Torrioni (AV); San Nicola Manfredi (BN); Altavilla Irpina (AV); Roccabascerana (AV); San Martino Sannita (BN); Apollosa (BN); Tufo (AV); Pannarano (BN); San Giorgio del Sannio (BN); Pietrastornina (AV); Santa Paolina (AV); San Nazzaro (BN); Montefusco (AV); Benevento (BN); Calvi (BN); Sant’Angelo a Scala (AV); San Martino Valle Caudina (AV); Grottolella (AV); Prata di Principato Ultra (AV).

Lo sciame sismico non conosce tregua anzi sta aumentando ulteriormente con scosse di intensità maggiore: 2.7 prima delle ore 8 di questa mattina e, l’ultima in ordine di tempo, che è stata registrata a mattinata inoltrata. I movimenti tellurici hanno messo in allerta la popolazione sannita, col sindaco Mastella che ha disposto la chiusura degli edifici pubblici e scolastici di sua competenza, convocando per le ore 13.30 una riunione del COC (Centro Operativo Comunale) per fare un esame della situazione alla luce dello sciame sismico attualmente in atto. Nel frattempo il Comune ha già attivato le procedure per effettuare una ricognizione degli edifici pubblici di propria competenza e il sindaco Mastella ha avuto un lungo colloquio telefonico con il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco.

AGGIORNAMENTO – Dopo la riunione del COC tenutasi a Palazzo Mosti, il sindaco Clemente Mastella, a seguito dello sciame sismico in atto, sentita la Protezione Civile e d’intesa con il prefetto Cappetta, ha disposto la chiusura, per la sola giornata di domani 26 novembre, di tutte le scuole e degli uffici pubblici della città per l’esecuzione, in via precauzionale, delle opportune verifiche tecniche da parte dei rispettivi soggetti responsabili.

L’INVITO DEL SINDACO AI CITTADINI
Il sindaco Mastella, tramite un’ordinanza emanata dal Comune di Benevento, ha lanciato un invito alla cittadinanza, premesso che già da qualche giorno si stanno verificando sul territorio comunale una serie di scosse telluriche, seppur di scarsa entità che si sono intensificate nella giornata odierna, ritenuto che il susseguirsi ravvicinato delle scosse configura un vero e proprio “sciame sismico” che sta destando preoccupazione nella popolazione, segnatamente per i luoghi di aggregazione e valutata la situazione, che può comportare rischi per la pubblica e privata incolumità dei frequentatori delle menzionate strutture inviata a non sostare in prossimità degli alberi di alto fusto e di grondaie che potrebbero creare pericolo alle vetture in sosta ed al regolare traffico veicolare; gli Amministratori ed i proprietari di immobili di verificare e provvedere alla stabilità dei cornicioni, degli alberi, delle grondaie, dei tetti e/o terrazzi di copertura, al fine di scongiurare pericoli per i pedoni e di sovraccarico delle strutture; alla massima attenzione alla circolazione stradale nel rispetto del nuovo C.D.S.; a prestare attenzione ad ogni eventuale situazione di pericolo e nel caso informare le autorità competenti.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.