Il successo di ieri sera del Pescara allo “Scida” di Crotone ha rilanciato le ambizioni promozione degli adriatici, con questi ultimi riusciti a centrare la prima vittoria del 2019 dopo aver raccolto soltanto tre punti nelle precedenti quattro gare di campionato. Tale vittoria, arrivata anche grazie a quel pizzico di sfortuna che in questa stagione continua a perseguitare i calabresi, con il direttore di gara, Rapuano della “sezione di Rimini”, che non ha concesso alla truppa di Stroppa un macroscopico rigore al trentesimo della prima frazione, ha permesso anche agli abruzzesi di rosicchiare due punti alle prime della classe, Brescia e Palermo. Il pareggio di venerdì sera del “Barbera” ha di fatto fornito un grande assist, oltre che ai biancazzurri, anche al Benevento, al Lecce e al Verona e di fatto nessuna di queste tre, così come fatto dal Pescara, si è fatta sfuggire l’occasione di avvinarsi alla zona promozione diretta.

La vittoria degli scaligeri ha assunto un significato ancora più rilevante perché ottenuta in casa dello Spezia, con i liguri che li precedevano in classifica e sono invece adesso la prima squadra a guardare con particolare attenzione al treno delle prime sei. Un treno che raccoglie appunto ben sei squadre in soli sette punti e di queste sei squadre soltanto il Benevento e il Lecce hanno una gara in meno rispetto alle altre. Gli stregoni perché hanno già riposato anche nel girone di ritorno, i salentini invece dovranno recuperare la gara rinviata con l’Ascoli, per poi riposare alla penultima giornata. Queste distanze potrebbero ridursi ulteriormente nel prossimo turno, con il Palermo che riposerà, ma ad attendere il Benevento, il Verona e il Lecce ci sono gare con un tasso di difficoltà che non lasciano fare sonni tranquilli ai rispettivi allenatori. Risaputo degli stregoni che saranno di scena allo “Zaccheria” di Foggia, gli scaligeri affronteranno al “Bentegodi” la Salernitana e i granata sono chiamati a confermare quanto di buono fatto contro l’Ascoli se vogliono continuare a coltivare l’obiettivo play off. Tale discorso va esteso anche alla prossima avversaria dei salentini, il Cittadella, con le tre sconfitte consecutive che l’hanno attualmente estromessa dalla zona play off. Più alla portata, almeno sulla carta, sembrerebbe l’impegno che attende il Pescara, con gli adriatici che ospitano il Padova e attenzione allo Spezia che vincendo in casa del Carpi potrebbe approfittare di un eventuale passo falso di una squadra che la precede per rendere ancora più affascinante la lotta alla promozione diretta.