Servizio idrico, il centrosinistra chiama all’adunata l’intera provincia

Lettera aperta di Giovanni Cacciano (segretario provinciale Pd), Luigi Diego Perifano (consigliere e presidente di Città Aperta) e Angelo Moretti (consigliere e presidente di Civico22) sulla questione acqua: i tre invitano sindaci e consiglieri della provincia a prendere parte all’evento pubblico indetto per sabato 17 dicembre.

“La questione del servizio idrico integrato per il Distretto Sannita dell’Ente Idrico Campano è, ahinoi, partita evidentemente con tutti e due i piedi storti! Siamo stati chiamati a ridosso delle elezioni politiche – scrivono nella nota congiunta – a dover comporre le liste per il distretto; pochi giorni dopo il coordinatore del distretto ci ha chiamato ad esprimere un “parere al buio” sul modello gestionale del Servizio Idrico Integrato prima ancora che i sindaci potessero approvare, integrare o semplicemente visionare un piano industriale di ambito; nonostante la richiesta pervenuta dai sindaci del PD e dal componente in area Civico22 di un maggior tempo per una decisione che avesse i crismi compiuti della legittimità e della completezza dell’atto amministrativo, la maggioranza del distretto ha approvato una delibera, che riteniamo appunto illegittima, per l’adozione di un sistema pubblico-privato e le conseguenti determinazioni per una gara futura di affidamento ad un gestore unico di distretto.

Ora ci ritroviamo sommariamente in questa condizione: i Sindaci che vorrebbero perseguire la gestione in house del servizio si sentono giustamente minacciati da questa delibera; i Sindaci che intendono presidiare la gestione totalmente pubblica si sentono inascoltati; i Sindaci che devono dismettere le quote dell’appartenenza ad altri consorzi pubblici (ex Alto calore irpino), non conoscono la propria sorte; i Sindaci che temono, per inefficienza e costo del servizio, una gestione totalmente pubblica del servizio idrico integrato sentono di non poter incidere nella scelta di un partner privato che non sia quello di gradimento della maggioranza attuale dell’EIC

Il rischio che abbiamo di fronte, insomma, è di una grande frammentazione sociale e soprattutto di una totale frattura tra rappresentanza politica dei territori e decisioni politiche assunte su una materia così delicata e vitale come la gestione delle acque del nostro territorio e a favore dello stesso. Per questa ragione abbiamo pensato di convocare una conferenza pubblica sull’acqua come forze politiche di Centro Sinistra e come forze civiche per il giorno 17 dicembre 2022 presso il teatro “Libertà” in via Napoli, Benevento. Sarà l’occasione per ascoltare alcune testimonianze di esperti nazionali ed internazionali sul tema dell’acqua e della gestione dei servizi idrici integrati, sarà l’occasione per dare voce a tutti i territori. Vaglieremo insieme anche la possibilità di individuare una terza via tra la gestione assolutamente pubblica e quella mista che vede come principali protagonisti i cittadini-utenti”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.