SUD – Dare Non Ci Spaventa: la nota di Carla Crafa

SUD – Dare Non Ci Spaventa: la nota di Carla Crafa

"Basta tasse non significa non pagare più le tasse ma basta agli sprechi delle nostre tasse. Unitevi al nostro progetto"

SHARE

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa di Carla Crafa, coordinatrice Provinciale del Movimento Politico Basta Tasse.

“Sono ormai decenni che si continua con questo continuo sottostare agli eventi, come se questi fossero dettami di un essere sovrannaturale, come se nulla potesse essere fatto per cambiare le cose, per rialzare la testa e mostrare con orgoglio la nostra fronte sudata.
Fortunatamente le cose stanno cambiando, grazie alle campagne di sensibilizzazione ed all’impegno personale di tantissimi volontari che hanno contribuito al professare della Legalità e della Lealtà portando questi valori nelle scuole, nelle comunità negli oratori ed in tutti quei centri vitali che dovevano essere supportati.
Siamo grati del lavoro svolto ma non siamo felici dello stato delle cose. Mentre il senso di Legalità e di Patria sono ormai sentimenti radicati nella nostra gente, ancora troppe cose non funzionano, hanno bisogno d’una energica propulsione verso l’evoluzione per garantire una crescita che porti beneficio a tutti, che migliori la qualità della vita dei cittadini. Non parliamo del reddito di cittadinanza o della flat tax, chi se ne frega di pagare le tasse se percepisci un reddito che ti permette di vivere con sereno decoro!
Molti investimenti europei sono stati perduti con ricadute per gli anni successivi, molti ospedali stanno perdendo competenze e capacità di accoglienza e generano un “turismo sanitario” verso le regioni del nord. Molti lavori socialmente utili vengono percepiti come sussidio di disoccupazione elargito per non produrre nulla.
Crediamo che se ci si vuole risollevare occorre rispolverare tutto l’orgoglio d’essere Campani, non si può accettare con rassegnazione una situazione che toglie prospettive al posto che irrorare di aspirazione i nostri giovani. Non si può tollerare che ci piazzino le ecoballe sotto casa con la promessa che sarebbero state rimosse a breve e ritrovarsi dopo anni col rischio di inquinamento a causa del percolato; piuttosto è meglio un inceneritore che, quanto meno porta benefici energetici ed occupazionali.
In sintesi negli ultimi anni molti cittadini hanno contribuito allo sviluppo morale ed economico della Campania mentre molti politici e loro amichetti hanno cercato di aumentare il dissesto economico e sociale della nostra regione perché è solo in una situazione di degrado che è possibile generare sodalizzi clientelari sottobanco.
Un primo piano di studi per innalzare la qualità di vita dei nostri corregionali prevede: lo studio del sistema di rimozione e/o smaltimento delle Ecoballe. La razionalizzazione delle spese farmaceutiche delle strutture pubbliche con l’eliminazione del sovraccosti da prezzi eccessivi per prodotti farmaceutico-ospedalieri. Messa in servizio reale con elevazione qualitativa dei lavori socialmente utili. Recupero funzionale delle strutture ospedaliere con implementazione dei servizi disponibili.  Innalzamento del livello di controllo nel pubblico impiego elevandone la dignità e l’orgoglio d’essere Dipendenti Pubblici che non dev’essere considerato un posto per imboscati ma il posto nel quale si ha il previlegio e l’onere di gestire la Cosa Pubblica, al servizio del cittadino. Miglioramento delle infrastrutture per aumentare il periodo di fruizione del territorio da parte dei turisti, con incremento dei contratti di lavoro o della loro durata nel tempo. Miglioramento delle strutture ricettive e promozione dei prodotti del territorio, con conseguente aumento dei posti di lavoro Incremento delle politiche sociali atte alla riduzione dell’abbandono scolastico ed all’aumento delle possibilità d’impiego per i giovani con particolare attenzione al supporto delle nuove attività imprenditoriali che possono garantire un armonico sviluppo del territorio.
Basta tasse non significa non pagare più le tasse ma basta agli sprechi delle nostre tasse. Facciamo che vengano impiegate per il benessere di tutti.
Unitevi al nostro progetto che, per quanto possa sembrare utopico, è pensato perché si possa avere tutti una prospettiva di sereno benessere ed un radioso futuro per i nostri figli”.
Comunicato stampa