Il “De Luca Day” a Benevento è iniziato con la visita al “San Pio” e nello specifico all’interno delle rinnovate strutture del “Rummo”, proseguendo poi con un meeting avvenuto presso il Consorzio ASI (Area Sviluppo Industriale) di Ponte Valentino.

Qui il Governatore della Campania, accompagnato dal sindaco Mastella (presente anche al “Rummo”), ha avuto un incontro con Luigi Barone, presidente del Consorzio ASI, e i componenti del Comitato Direttivo e del Consiglio Generale dell’Ente Pubblico Economico. Alla base del confronto, lo sviluppo economico-industriale del Sannio. In tal senso, il presidente regionale e la fascia tricolore del Comune capoluogo sembrano andare a braccetto, rivendicando il secondo un ruolo di centralità del Sannio e rimarcando, il primo, come “mai prima d’ora Benevento stia assumendo un ruolo centrale che faccia da preludio a uno sviluppo importante, grazie soprattutto all’Alta Capacità e ai collegamenti Tirreno-Adriatico”.

Mastella punta a rinnovare la stazione ferroviaria della città: “Con l’Asi, la Regione e RFI faremo una convenzione che ristruttura la stazione di Benevento, con un occhio allo scalo merci. O creiamo infrastrutture e la gente arriva, oppure perché uno deve andare in un mercato distante? Abbiamo chiesto che Benevento diventi centrale dal punto di vista ferroviario. L’alluvione ha inciso, basti vedere gli effetti da noi e in Liguria”. Infine una chiosa sulle ZES: “Devono essere concentrate in zone appetibili come Valle Telesina e Valle Caudina, nel Fortore è complicato. Speriamo sia l’inizio di una collaborazione”.

Sereno il presidente De Luca che parla di giornata importante e di fiducia per il futuro: “Dopo l’alluvione, tornare e vedere la situazione ripristinata è un messaggio di fiducia. C’è stata collaborazione tra le istituzioni”. Anche quest’ultimo si espone in merito ai trasporti ferroviari che coinvolgeranno il capoluogo: “Con le Ferrovie dello Stato abbiamo firmato un accordo di 3 miliardi, avvieremo con loro un’interlocuzione perché se c’è scalo merci ci sono gli investimenti e la Regione Campania se ne farà carico in gran parte. Sulla tratta della Valle Caudina Benevento-Napoli ci sono degli interventi strutturali e sono difficili da realizzare. Il lavoro è in corso ma non dobbiamo creare illusioni e dire la verità alle persone”. Infine sulle ZES: “Con 50 milioni di euro in Italia non partono, siamo senza risorse e bisogna accelerare i tempi burocratici, questo capitolo lo affronteremo in maniera determinata”.

LEGGI ANCHE: