1

Rosa: “Obiettivo è piantare alberi, non tagliarli”

“Lo spirito di questa amministrazione e del mio mandato è quello di incrementare il numero di alberi in città. Il nostro obiettivo non è tagliare ma piantare”: lapalissiano l’assessore all’Ambiente Alessandro Rosa che questa mattina ha illustrato ai giornalisti presenti il lavoro svolto in piazza Almerico Meomartini, dove insiste la parrocchia del Sacro Cuore, con la piantumazione di un ulivo donato dagli imprenditori Antonella Tornusciolo e Giovanni Colangelo. Con loro in foto anche il sindaco Clemente Mastella, il vicesindaco Francesco De Pierro e la senatrice Sandra Lonardo.

“Li ringrazio per questa donazione” ha esordito Rosa, spiegando che “verde e decoro sono uno dei nostri punti cardine. Abbiamo già provveduto con la festa dell’albero alla piantumazione di ciliegi insieme al Rotary e al Wwf, e delle querce insieme alla Lipu. Continueremo quest’opera cercando di coinvolgere anche le scuole perché è giusto che i bambini fin da piccoli vengano edotti dell’importanza degli alberi, che sono nostri amici”. Situazione che inevitabilmente coinvolge la questione legata ai pini di viale degli Atlantici, via Pacevecchia e via fratelli Rosselli: “Stiamo gestendo la situazione e per giovedì ho chiamato il nostro consulente di parte che è anche vicepresidente nazionale della Società Italiana di Arboricoltura, cui ho chiesto insieme al dirigente del settore lo stato dell’arte e un quadro sinottico di tutte le piante per adottare tutte le linee da utilizzare per la gestione della problematica che ho ereditato. Qualora dovessimo essere costretti ad abbattere qualche albero per rischio d’incolumità della cittadinanza saremo poi pronti a piantumarne altri”.

“Rosa ha iniziato bene e sta facendo tante cose, producendo uno sforzo tenendo conto delle considerazioni europee che spingono in questa direzione e vedremo se anche in questa direzione ci saranno interventi legati al Pnrr per destinare risorse a Benevento” è il commento del sindaco Clemente Mastella che ha elogiato il lavoro che ha svolto dall’assessore in questi primi mesi d’insediamento, senza dimenticare gli interventi di pulizia e manutenzione a tutte le fontane cittadine. “Abbiamo sempre puntato sul verde nonostante le difficoltà, voglio ricordare Villa dei Papi, un’area incredibilmente bella alla quale daremo ulteriore vitalità così come altre zone dove abbiamo una presenza massiccia del verde. Benevento è attorniata dal verde delle colline nelle contrade dove si respira un’area più salubre grazie agli alberi che eliminano l’anidride carbonica, rispetto alla città dove c’è l’eccesso di polveri sottili che gravano in maniera pesante”.




Alessandro Rosa: “Ambiente patrimonio di tutti, non sia strumento di lotta politica”

E’ il recordman della lista ‘Benevento Bellissima’ con oltre 600 preferenze. Boom di voti alla sua prima discesa in campo che gli ha fatto acquisire i gradi di assessore con deleghe all’ambiente, alla sanità e agli animali domestici.

Il dottore Alessandro Rosa ricopre un settore nevralgico ma ha anche una bella gatta da pelare. “Alla base del mio mandato ci sarà il confronto” ci dice. “Sono pronto a incontrare le associazioni e i movimenti ambientalisti che vogliano fornirmi indicazioni, suggerimenti e segnalazioni. L’ambiente è un patrimonio di tutti, e collaborare tutti al decoro, alla bellezza e alla crescita della nostra città è un dovere, non un’opzione. Disponibilità per tutti dunque, a patto che non si voglia utilizzarlo come strumento di lotta politica.

Quindi la questione pini, con i vari movimenti ambientalisti che hanno già fatto pervenire le loro istanze e una classifica dell’Ecosistema Urbano che ci vede stabili in 57esima posizione ma nei bassifondi per numero di alberi ogni 100 abitanti (meno di 5). Per Rosa “è evidente che possiamo fare molto meglio ma ciò non deve rappresentare un elemento di negatività quanto uno spunto per migliorare. L’idea romantica è coinvolgere anche le scuole cittadine e i più piccoli”. I numeri della differenziata ancora da primato nel Sannio e con Benevento oltre il 65%, che fanno “onore al lavoro svolto dal sindaco Mastella e dall’Asia guidata ottimamente dal dottor Madaro: è un gran risultato ma non dobbiamo accontentarci”.

Prime iniziative messe in campo, come l’adesione al programma ‘Mangia Plastica’ con un eco-compattatore che verrà installato a piazza Risorgimento e a ogni rifiuto smaltito corrisponde “una premialità, magari sconti da utilizzare nelle attività cittadine coinvolgendo soprattutto i giovani”. E infine il ruolo del Fido Park, “presidio di civiltà che vogliamo rilanciare fortemente. Il benessere dei nostri animali è cruciale, ma allo stesso tempo deve esserlo il decoro“. 

ARTICOLO LEGGIBILE ANCHE SULL’EDIZIONE CARTACEA DI NOVEMBRE DI CRONACHE DEL SANNIO




Qualità della vita, Rosa: “Perdita posizioni per meri computi statistici”

“Ho letto attentamente le classifiche sulla qualità della vita di Italia Oggi, e gli indicatori che fornisce il quotidiano economico. Naturalmente non entro nel merito della contrapposizione politica che hanno creato, tuttavia, stante la perdita di posizioni in classifica che non mi sembra legarsi a particolari debacle in alcun settore, se non a meri computi statistici, mi preme sottolineare la performance di Benevento nel settore ambiente”: lo afferma in una nota l’assessore all’Ambiente Alessandro Rosa.

“Conscio che il dato è su base provinciale – scrive -, e che anche per quel che riguarda il comune capoluogo la buona performance è naturalmente merito dell’amministrazione precedente, è un piacere vedere Benevento passare dal 70esimo al 44esimo posto nazionale. E’ un piacere vedere che un problema atavico, come quello dei superamenti dei livelli massimi delle emissioni di Pm10, ci trovi oggi virtuosi passando dal 62esimo al 10imo posto, un miglioramento non giustificabile soltanto con i periodi di lockdown che in ogni caso hanno riguardato tutta Italia.

Restiamo primi in Campania per raccolta rifiuti, e saliamo dal 78esimo al 37esimo posto per disponibilità di spazi verdi nel capoluogo, Benevento. Sono molto soddisfatto anche per il dato relativo al sistema sanitario sannita: per il quotidiano economico siamo addirittura nella top ten, passando dal 14esimo all’ottavo posto assoluto in Italia.

Ovviamente sono punti di partenza su cui lavorare alacremente per continuare a migliorare. E per migliorare una posizione in classifica che, al di là del mero computo statistico e della relativa rispondenza alla realtà, vogliamo fortemente migliorare”.




Screening gratuiti a piazza Castello, Rosa: “La prevenzione è sempre la miglior cura”

“Domenica in Piazza Castello, dalle 10 alle 13, sarò in campo, come medico, assieme ai colleghi Carlo Rinaldi e Federica Provenzano, per effettuare screening gratuiti nell’ambito della Giornata Mondiale del Diabete”. Così l’Assessore Alessandro Rosa.

“Effettueremo – afferma – ecocardiodoppler carotidei, test glicemici ed elettrocardiogramma, per consentire ai cittadini di monitorare il proprio stato di salute. La prevenzione è sempre la miglior cura, e in questo periodo in cui il covid ha messo a dura prova anche la stabilità economica delle famiglie è importante che le istituzioni forniscano possibilità di accedere alle cure e ai controlli in maniera gratuita

Da Assessore alle Politiche Sanitarie operare in tal senso, e dunque permettere a tutti di accedere a cure e controlli medici, sarà sempre la priorità. Ringrazio il Comune di Benevento, l’AsDim e la Protezione Civile per il supporto logistico e naturalmente i colleghi medici per aver appoggiato la mia iniziativa. In ultimo un sentito ringraziamento al dg del San Pio Mario Ferrante per aver autorizzato la mia presenza alla manifestazione”.




Pini, De Iapinis scrive a Rosa: “Buon lavoro ma ora bisogna agire”

“Serve capirsi, servono azioni concrete che indichino percorsi per il bene di questa città. Nei fatti che ci saranno daremo le nostre risposte. Non serve incontrarsi e parlare, bisogna agire. Intanto faccio i miei auguri al dott. Rosa, medico valido e apprezzato”: così in una nota Ambner De Iapinis, presidente del movimento ‘Benevento Città Verde’.

“La strada – scrive – è già indicata, è chiara e semplice. E’ necessario, per primo, individuare un’azienda di manutenzione che sia valida e utilizzi maestranze specializzate, non come la precedente che senza criterio capitozzava alberi secolari contra legem (vedi via Torre delle Catene e stazione di Portarufina). È indispensabile avere un progetto generale con una geografica mappatura del verde in città in particolar modo dei parchi. Villa dei Papi, ad esempio, è stata lasciata nel più completo degrado e abbandono. Bisogna agire per l’immediata cura contro la cocciniglia per i pini mediterranei (pinus pinea) e non solo, con priorità per quelli del Viale degli Atlantici, Via Pacevecchia e Via Rosselli, che sono stati abbandonati. Per questo Mastella si prenderà tutte le responsabilità di eventuali risarcimenti dei danni provocati all’intera comunità, non avendo mai fatto manutenzionare gli stessi, nonostante i ripetuti e costanti solleciti avuti da parte dei movimenti, comitati e cittadini (la giustizia, signori, è lenta, ma arriva).

Ecco, questo è il percorso da fare, dottore Rosa. Mastella glielo lascerà fare? Io ho i miei dubbi. Mastella, ne sono sicuro, traccerà e indicherà ancora la sua linea ossessiva e inesistente, quella dello sterminio in nome di pericolosità già dimostrata inesistente dai superesperti della procura. Dott. Rosa, lei oggi ha in mano una patata bollente e, lungo questo percorso, spero positivo per lei, sappia, ci metterà la faccia. Vorrei ricordare a lei, illustre neoassessore, che se non ci fosse stata la città tutta, quella vigile e non solo i movimenti, a lottare contro questa barbarie, oggi lei avrebbe trovato un cimitero e non meravigliosi alberi che sono ancora lì e che lei, che è di Benevento, conosce benissimo. Sono sculture e monumenti.

Le do un consiglio: vada a leggere o rileggere, per cortesia, la delibera n.41 di marzo 2020 e scoprirà che l’intera Giunta, all’unanimità, firmò, sottoscrivendola, quella delibera “assassina” che dava il via all’abbattimento di tutti, dico tutti, i pini (350 circa) di Viale Atlantici, Via Pacevecchia e Via Fratelli Rosselli e non come, furbescamente, il sindaco Mastella voleva far credere, solo quelli pericolanti, confondendo, come un prestigiatore, l’intera città o chi non voleva capire. E’ scritto, lo legga, è storia. Vorrei ricordarle che su mia personale iniziativa e grazie ad un mio esposto alla Procura di giugno 2020, iniziarono le indagini sull’abbattimento di 12 pini quasi secolari, che, in modo improprio, avvenne da parte del settore che lei oggi rappresenta. Su questo episodio oggi pende un giudizio e una richiesta di rinvii a giudizio.

Sempre personalmente, il sottoscritto, nel mese di settembre 2021, scoprì che dal Comune non erano state inviate le superperizie della Procura (fatto grave sotto il profilo morale e “sgarbo istituzionale” nei confronti della Procura e della Soprintendenza). Fu il sottoscritto ad inviare le perizie all’architetto Leva della Soprintendenza alle Belle Arti perché la stessa era stata tenuta all’oscuro di tutto. E inoltre, con un ulteriore esposto congiunto, riuscimmo, in modo repentino, a far comunicare dalla stessa, al Comune di Benevento, un’ulteriore riduzione dei tagli. Il Sindaco sbandierò una vittoria inesistente. Sì, inesistente perché sconfessata immediatamente dalla stessa Soprintendenza.

Intanto, dottor Rosa, le do un dato: dal rapporto “ecosistema urbano 2021” pubblicato dal “Sole 24 ore” emerge che Benevento è fanalino di coda in Campania, con 4 alberi ogni 100 abitanti e, se è fanalino di coda in Campania, figurarsi in Italia… Chiudo con una domanda: vi è una proposta di variante al PUC, quella cioè di estrapolare Viale Atlantici dal Centro Storico, anche con lo scopo, a mio parere, di avere le mani libere per tagliare gli alberi. Questo il disegno? Lei cosa farà? Già sappiamo cosa faremo noi.

Egregio assessore, le rinnovo i miei auguri, ma lei ha un cammino difficile, non per i movimenti civici, ma da parte del suo sindaco, che fino ad oggi, insieme a chi l’ha preceduta, ha fatto solo danni e disastri. Le auguro, di cuore, un buon cammino”.