1

Benevento, trovata l’identità il prossimo step è la consapevolezza

La vittoria di venerdì a Terni ha confermato, qualora ce ne fosse stato ancora bisogno, che il Benevento successivo al recente periodo di crisi ha trovato (finalmente) una propria identità di squadra e per continuare a scalare la classifica sarà fondamentale che tale caratteristica appartenga ancora a lungo alla truppa di Fabio Caserta. Il tecnico calabrese, dal canto suo, con il ritorno al tanto caro 4-3-3 e l’aver affidato il centrocampo al trio Ionita – Viviani – Acampora ha contribuito all’importante passo in avanti e una mano all’allenatore l’hanno fornita anche Improta ed Elia. Il recupero del jolly tattico, chiamato subito agli straordinari e il proporre il suo fedelissimo nel ruolo di terzino destro, hanno dato una nuova linfa a un gruppo che ha iniziato concretamente a flirtare con le prime due posizioni. La tanto, quindi, identità di squadra invocata nelle scorse settimane la Strega se l’è finalmente costruita e rappresenta la base dell’operazione rimonta.

Ad essa va aggiunta un’altra caratteristica ed è quella della consapevolezza, con quest’ultima che ha mosso i primi passi nelle ultime vittoriose uscite e che di fatto consente di non perdere la bussola nei momenti di difficoltà che una partita può presentare. Come accaduto a Vicenza, in casa contro il Pordenone e al “Liberati” il Benevento non si è consegnato alle difficoltà sopraggiunte e ciò, complici anche le qualità tecniche di diversi singoli, ha contribuito in tutte e tre le circostanze a conquistare l’intero bottino. Per migliorarla fondamentale è il lavoro quotidiano e proprio attraverso il lavoro dovrà arrivare il primo vero acuto contro un’altra cosiddetta grande del campionato.

La Strega, infatti, contro le attuali squadre che occupano la prima parte della classifica ha vinto soltanto due volte (Ascoli e Cittadella) e un successo contro il blasonato Monza, reduce dalle importanti vittorie sul Brescia e il Frosinone e in serie positiva da dieci turni, avrebbe notevoli benefici sulla consapevolezza del ritrovato gruppo giallorosso che, in modo del tutto automatico, diventerebbe un reale contendente per i due posti con accesso diretto alla serie A e attualmente occupati da Pisa e Brescia.




Benevento, Vogliacco: “Siamo sempre più squadra”

Conclusa la gara che ha regalato una storica vittoria al Benevento, il difensore Alessandro Vogliacco ai microfoni di “OttoChannel.tv” ha commentato il successo di stasera e giunto al termine di una giornata che gli ha regalato soprattutto l’immensa gioia di diventare papà. Ecco le sue dichiarazioni: “Grazie a tutti per gli auguri e ringrazio la mia compagna per avermi regalato questa gioia straordinaria. Siamo contentissimi di quello che stiamo costruendo, siamo sempre più squadra e vogliamo continuare ad essere protagonisti. Lavoriamo bene perché tutti sentiamo la responsabilità e tutti vogliamo essere protagonisti”.

Barba e Glik – “Avere due compagni come loro è importantissimo. Cerco di “rubare” da loro il più possibile e sono degli ottimi professionisti, così come lo sono anche tutti gli altri elementi della rosa”.

Match contro il Brescia – “Quella di lunedì è una sfida stimolante e siamo curiosi di vedere a che punto è il nostro percorso di crescita”.




Benevento, Vogliacco: “Siamo consapevoli di essere forti”

Conclusa la partita che ha permesso al Benevento di conquistare un punto nonostante l’inferiorità numerica per oltre un’ora, Alessandro Vogliacco ha commentato la gara ai microfoni di “OttoChannel.tv”: “Il Como non era una squadra da sottovalutare e sono contento di aver dato una mano alla squadra. Anche in dieci contro undici sentivamo che potevamo far male, peccato però che non siamo riusciti a portare la vittoria a casa. Siamo comunque contenti di aver conquistato un punto in una situazione molto delicata. Abbiamo la consapevolezza di essere forti e il mister finora ha inciso tanto. Lui lavora tanto per proporre un calcio propositivo e sentiamo quindi il dovere di giocare bene a calcio”.

Partita contro il Perugia – “Sarà una partita molto tosta e la affronteremo al 110% per farci trovare pronti perché dobbiamo tornare a vincere”.




Benevento, ufficiale Vogliacco in prestito secco dal Genoa

E’ arrivata anche l’ufficialità: mister Fabio Caserta abbraccia Alex Vogliacco, difensore centrale, 23 anni a settembre e dunque profilo che non grava sulla lista degli over. Il tecnico giallorosso lo ha già accolto nella conferenza che precede il primo impegno stagionale di domani in Coppa Italia contro la Spal e, come da noi anticipato nell’indiscrezione lanciata ieri, il genero di Sinisa Mihajlovic era già in città, beccato a fare shopping al centro commerciale Buonvento.

Oggi dunque la firma e primo ambientamento per lui che ha preso confidenza con compagni e strutture: mirino puntato all’Alessandria, esordio in campionato in programma domenica 22 agosto, nell’attesa che il club dirami i convocati per la sfida di domani al termine dell’ultimo allenamento. Il comunicato del sodalizio giallorosso e l’annuncio sui social:

“Il Benevento Calcio rende noto di aver raggiunto con il Genoa l’accordo per il trasferimento temporaneo del calciatore classe ’98 Alessandro Vogliacco. Il giovane difensore pugliese, cresciuto nel settore giovanile del Bari, giunge nel Sannio dopo aver collezionato 52 presenze in Serie B con le maglie di Padova e Pordenone. Vogliacco vanta anche una lunga trafila nelle nazionali giovanili, e 3 presenze con gli azzurrini nelle qualificazioni all’europeo under 21”.

https://www.facebook.com/BeneventoCalcioOfficial/posts/10159370683429605



Benevento, Vogliacco non deve escludere l’arrivo del terzino destro

A meno di venti giorni dalla fine del calciomercato sono ancora diverse le questioni da risolvere in casa Benevento e l’arrivo di Alessandro Vogliacco, dopo la repentina partenza di Montassar Talbi, contribuirà ad arricchire il pacchetto dei centrali difensivi. L’ex Pordenone, come abbiamo avuto modo di informarvi, è già in città e si è in attesa dell’ufficialità che andrà a sigillare il suo approdo in giallorosso. Si tratta di un giovane calciatore che all’occorrenza potrebbe essere utilizzato anche da terzino destro e in tal caso fungerebbe da vice Letizia, ma è proprio tale ragionamento che la dirigenza, unitamente allo staff tecnico, dovrà prendere con le cosiddette molle. C’è bisogno, infatti, anche di un sostituto naturale del terzino di Scampia e non va quindi ripetuto uno dei tanti errori commessi nel recente passato, con il fidarsi troppo della duttilità di Barba che ha portato al mancato acquisto di un terzino sinistro che andasse ad affiancare l’acerbo Foulon.

Serve, quindi, un altro terzino di piede destro o all’occorrenza, ipotesi remota, un altro centrale qualora Vogliacco venisse considerato da Caserta come l’alternativa di Letizia. A tal proposito resta in piedi, seppur Gasperini continua ad utilizzarlo con una certa frequenza, la pista che conduce a Enrico Del Prato dell’Atalanta e anche lui, così come Vogliacco, qualora l’operazione dovesse andare realmente a buon fine non andrà a pesare sulla lista dei diciotto calciatori over 23.

Oltre a quello del terzino, un eventuale altro ingresso nel reparto difensivo è strettamente connesso a Kamil Glik. Qualora, infatti, il polacco dovesse essere ceduto partirà la caccia al sostituto, ma l’elevato ingaggio dell’ex Torino frena qualsiasi squadra interessata a lui e non è affatto escluso che la batteria definitiva dei centrali difensivi possa essere quella attuale e quindi formata da Glik, Vogliacco, Barba e Pastina. A loro quattro va aggiunto il convalescente Antei e le prossime settimane saranno utili a comprendere se il difensore romano verrà inserito o meno nella lista definitiva da presentare il giorno successivo alla conclusione del mercato.