1

Conservatorio, visita istituzionale del Questore Giobbi

Questa mattina il Questore della provincia di Benevento Dirigente Superiore della Polizia di Stato Edgardo Giobbi si è recato in visita ufficiale al Conservatorio Statale di Musica Nicola Sala per incontrare i vertici istituzionali ove ad accoglierlo sono stati il Presidente Antonio Verga e il Direttore Giosuè Grassia.

Il Questore Giobbi si è intrattenuto con i vertici istituzionali in un lungo e cordiale colloquio anche per programmare una serie di iniziative in stretta collaborazione con l’Istituto musicale sannita, la cui  collaborazione con le istituzioni è stata sempre di estrema collaborazione e disponibilità. Accompagnato dal Presidente e dal Direttore il Questore della provincia di Benevento è stato accompagnato in visita agli ambienti di Alta Formazione Artistica e Musicale e ha potuto ammirare la attrezzata sala di registrazione Mike Mosiello con apparecchiature di elevata tecnologia e innovazione e il prezioso organo a canne ubicato nella sala Bonazzi. Successivamente il gradito ospite si è recato al Teatro san Vittorino, dove il Questore Giobbi ha potuto ammirare la perfetta organizzazione all’interno della pregevole struttura architettonica al cui interno sono presenti frammenti di affreschi di epoca medioevale. La visita si è conclusa con una passeggiata lungo il Corso Garibaldi, con una sosta all’ingresso della Chiesa di santa Sofia patrimonio Unesco e al teatro Comunale, da anni chiuso alla fruizione della città.

Nel lungo colloquio del Questore con il Presidente ed il Direttore è stata anche progettata per fine novembre una collaborazione per la celebrazione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999.

Comunicato Stampa




Debutto della “Samnium Symphony Orchestra” al Teatro Romano con il pianista sannita Borzillo

Si è tenuta questa mattina, all’intero del sito archeologico del Teatro Romano di Benevento, la presentazione della tournée dell’orchestra giovanile “Samnium Symphony Orchestra” diretta dal maestro Arturo Armellino. Prima tappa proprio in città ed al Teatro romano, con il pianista Luigi Borzillo, il 15 luglio. L’appuntamento avrà inizio alle 19.30 con un’anteprima letteraria cui seguirà uno dei concerti pianisti più eseguiti al mondo, celebre per la sua grandezza monumentale di Tchaikovsky. Luigi Borzillo è una giovane promessa sannita che, successivamente, eseguirà Mandelssohn.

“Questo concerto riveste una doppia finalità- spiega il direttore del “Nicola Sala”, Antonio Verga – Quella di carattere artistico di altissimo livello perché si esibiranno 40 giovani provenienti da 15 nazioni e di 3 continenti, Europa, Asia e Americhe. Sono stati selezionati da una giuria di qualità di 27 musicisti internazionali, presieduta dal maestro Leone Magiera. Avremo anche un concerto straordinario anche dal punto di vista sociale, perché gran parte del costo del biglietto sarà destinata all’associazione “Amref” dei fratti “Fatebenefratelli” per i malati dei paesi lontani”. Una finalità artistica e sociale motivo per cui il Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento ha ritenuto di patrocinare l’evento.

“Nei giovani è radicato il desiderio di fare musica, insieme, attraverso una coesione totale di un essere coinvolti che poi era lo spirito musicale- racconta il direttore della “Samnium Orchestra” Arturo Armellino- Questo è un progetto è iniziato in pieno lockdown. Eravamo sostenuti dall’Europa e appena partiti sono immediatamente arrivate le richieste per poter partecipare a questo progetto internazionale. Hanno aderito circa 64 paesi da tutto il mondo. Ne abbiamo scelti 40 e il giorno 15 faremo insieme questo grande concerto”. Un nuovo progetto si esibirà nello splendido scenario del Teatro Romano, ancora una serata di bella musica, di talenti e di sinergie territoriali.

Dopo il concerto del 15 luglio, la “Samnium Symphony Orchestra” proseguirà la sua tournée ad Ostia il 17 luglio ed il 19 luglio ultima tappa a Vienna, presso il “Musikverein”.




Conservatorio “N. Sala” al tavolo virtuale indetto da Cur Campania, per il piano vaccinale

Lunedì 1 marzo il Presidente del Cur Campania Vincenzo Loia,   ha  Convocato i Componenti del Comitato Universitario Regionale della Campania   in composizione allargata ai Presidenti delle Istituzioni Afam della Campania. L’unico punto all’ ordine del giorno riguarda il Piano Vaccinale Covid-19.

Dalla legge di riforma di Conservatori e Accademie, 21 dicembre 1999, n. 508, che ha istituito il settore AFAM – Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica), di livello universitario , i Presidenti degli Istituti Afam  non avevano mai partecipato alle riunioni del CUR Campania, costituiti in applicazione del DPR del 27 gennaio 1998, n.25.

Dopo gli inviti rivolti per un maggior raccordo tra le sette Università Campane ed i cinque Istituti Afam operanti in Campania, il Rettore di Salerno, quale Presidente pro-tempore del Cur Campania, ha inteso convocare oltre ai Componenti del Comitato Regionale, anche i Presidenti dei quattro Conservatori operanti in Campania ed il Presidente dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli, per discutere, sia pur in via telematica in osservanza alla normativa vigente per il contenimento della pandemia, in ordine al  Piano Vaccinale Covid-19.

“Ringrazio il Presidente del Cur Campania  Vincenzo Loi – dichiara il presidente del Conservatorio di Musica di Benevento Antonio Verga –  per l’apertura ad un settore, quello delle Arti e della Musica,  particolarmente colpito in questa pandemia, che nel sistema regionale conta oltre 8.000 studenti iscritti.

Quello del Rettore Loi è solo un primo, anche se significativo,  passo in avanti rispetto alla normativa vigente, che spero venga adeguata dal legislatore il prima possibile, per permettere – precisa il presidente Verga –  di affrontare con immediatezza ed univocità di intenti le problematiche di sviluppo, produzione e ricerca legate alle attività del sistema universitario che non può operare in modo frammentario e disarticolato. Al riguardo intendo rivolgere un invito al Ministro dell’Università Cristina Messa – conclude il presidente Antonio Verga – affinchè vengano compiuti tutti gli sforzi possibili per  coinvolgere nel piano vaccinale in atto, oltre al personale operante per il quale sono stati già immessi in piattaforma gli elenchi nominativi, anche gli studenti universitari, al fine di imprimere le necessarie accelerazioni per la ripresa in presenza ed in piena sicurezza,  tutte le attività formative, didattiche e laboratoriali, oramai non più rinviabili per  un rilancio ed una normalizzazione della quotidianità delle varie attività d’istituto.”

Comunicato Stampa