1

Bando Servizio 118, il Prefetto convoca incontro tra Asl e Uil

uil 118Il sit in di protesta dei lavoratori del 118, organizzato dalla Uil Fpl e tenutosi lo scorso 29 maggio, ha raggiunto un primo risultato.
Infatti il Prefetto di Benevento ha convocato il direttore generale dell’Asl di Benevento e i rappresentanti della Uil Fpl per un incontro da tenersi il 14 giugno alle ore 12.
Va ricordato che davanti all’impossibilità di incontrare il Direttore Generale Picker durante il sit in, i lavoratori si spostarono sotto la Prefettura.
“Il Prefetto ha dimostrato grande sensibilità nei confronti dei lavoratori – esordisce il segretario della Uil Fpl, Giovanni De Luca – e di un servizio che riveste la massima importanza per le popolazioni del Sannio. Siamo amareggiati, nel contempo, che per avere un po’ di attenzione ci siamo dovuti rivolgere al Prefetto. Attenzione e sensibilità che ci aspettavamo dal dottor Picker. Confidiamo comunque che da questo incontro si possano finalmente ottenere le risposte che aspettiamo”.
Le anomalie presenti nel bando sono essenzialmente tre: il mancato chiarimento del Contratto Colletivo Nazionale di Categoria che sarà adottato, la certezza del mantenimento dei livelli occupazionali e il mancato accenno all’inquadramento giuridico di trattamento economico.
“Per quanto riguarda il Contratto Collettivo da utilizzare non c’è alcun accenno nel bando – spiega De Luca –  e quindi non sappiamo quale tipo alla fine potrebbe essere adottato”.
Il mantenimento dei livelli occupazionali è il secondo punto a preoccupare lavoratori e sindacato. “Non viene specificato – continua il segretario territoriale della Uil Fpl – che i lavoratori attualmente impegnati nel Servizio potranno essere certi del mantenimento del posto nel caso che il nuovo assegnatario abbia l’idea di avere necessità di minor personale”.
Infine, ulteriore problema è quello dell’inquadramento economico. “Se il budget dovesse rivelarsi inferiore alle necessità  – conclude il segretario della Uil Fpl – chi ci assicura che lavoratori con contratto a tempo pieno non si vedranno ridurre il numero delle ore e quindi lo stipendio?”.




Scontro Uil-ASL, De Luca: “Soddisfatti del sit in tenutosi ieri”

giovanni de Luca “Sinceramente ci aspettavamo di essere convocati per discutere serenamente del bando relativo al Servizio 118, così come richiesto svariate volte – esordisce il segretario territoriale della Uil Fpl, Giovanni De Luca – Invece abbiamo solo ottenuto una risposta sprezzante a mezzo stampa dal direttore Picker. Avrebbe potuto inviare anche a noi la nota di risposta. È stata una caduta di stile, che nulla a che vedere con le sue funzioni istituzionali, bensì con il proprio modo di agire”.
In ogni caso c’è soddisfazione per il sit in tenutosi ieri (29 ndr) per difendere i diritti acquisiti dai lavoratori del 118 in scadenza di contratto. “La manifestazione ha fatto colpo e in più – continua De Luca – abbiamo avuto il riconoscimento da parte della Prefettura della bontà delle nostre preoccupazioni”. Tornando alla lettera di Picker si chiarisce il ruolo del sindacato nel Bando. “Illustrissimo Direttore Generale la Uil Fpl non ha mai pensato di sostituirla in questo anche se probabilmente sarebbe stata ampiamente all’altezza. Stilare il bando di gara è compito suo. Credo venga retribuito proprio per organizzare i servizi per gli utenti di questo territorio”. I lavoratori invece sono delusi dall’atteggiamento del manager. “Capiamo che la sua risposta possa anche essere dovuta a una mancanza di serenità, può accadere. Però ricordiamo – continua De Luca – che i dipendenti del 118 non perdono mai la loro serenità nell’espletamento dei compiti. I lavoratori, per dirla tutta, compiono il loro dovere con professionalità e rischio e quindi si aspettavano e si aspettano una considerazione ben diversa da quella che lei ha loro riservato offendendoli”. Continuando De Luca specifica che “la Uil Fpl sta chiedendo garanzie di un posto di lavoro, sta chiedendo l’applicazione di un contratto di lavoro dignitoso, sta chiedendo solo di mettere in atto per questi lavoratori le certezze previste dalle leggi in materia e dal codice sugli appalti”.
Infine, De Luca ricorda “che anche certamente i cittadini sono delusi per questo comportamento. In ultimo la vogliamo ringraziare per il contratto a perdere che ci sta donando che potrà consentire all’azienda che si aggiudicherà l’appalto di dare il benservito a lavoratori onesti quando riceveranno la lettera di licenziamento per riduzione di personale. Grazie direttore per averci risposto prontamente. I cittadini, i lavoratori e la Uil Fpl hanno capito da che parte sta”.




Servizio 118, Picker: “Bando tutela qualità del servizio e lavoratori”

asl“Questa mattina uno sparuto gruppo di lavoratori del 118, capeggiato da una sigla sindacale, ha messo in scena una chiassosa e scomposta manifestazione presso la sede della Asl in via Oderisio, con presunte e pretestuose rivendicazioni relative al bando di gara per l’affidamento del servizio 118. Non più tardi dello scorso venerdì 25 maggio i termini della questione erano stati esposti con estrema chiarezza in una nota indirizzata dal direttore generale, Franklin Picker, direttamente alla sigla sindacale in questione”: lo scontro sul bando del servizio 118 continua ed è botta e risposta tra Uil e ASL.

“C’è un bando – ha commentato Picker – che prevede precise clausole di salvaguardia: riteniamo di aver stilato una proposta che garantisce la qualità del servizio e la retribuzione dei lavoratori. Abbiamo previsto un costo annuo per postazione che è sensibilmente maggiore rispetto a quello che esiste nelle altre ASL di questa Regione. L’unica impugnativa del bando è stata promossa dall’attuale gestore del servizio, vale a dire Misericordia, con ricorso al TAR Campania. Nessuna organizzazione sindacale ha ritenuto di impugnare il provvedimento, che risale allo scorso 15 marzo. Allo stato quindi la questione è al vaglio dei giudici amministrativi, con udienza fissata al prossimo 19 luglio.
Prima di allora, e della successiva sentenza, qualsiasi incontro, discussione, approfondimento, qualsiasi piazzata, risulta fine a se stessa e non ha ragione di essere, ma resta nell’ambito di sterili chiacchiere, quando non addirittura possibile manipolazione delle aspettative dei lavoratori.
La Direzione dell’ASL ritiene che il bando sia stato redatto nel pieno rispetto del codice degli appalti e delle linee di indirizzo dettate dall’ANAC. Nessun bando, ovviamente, può essere oggetto di trattativa sindacale”.