1

Sannio Music Fest, Teatro Romano trascinato dalle note di Rea, Moriconi e Golino

Sono bastate poche, pochissime note per liberare, al Teatro Romano di Benevento, quella magia che solo brani intramontabili come quelli di Mina sanno sprigionare.

Dalle dita incantate di grandi del jazz come Rea, Moriconi e Golino, infatti, si sono diffuse in un’arietta tutt’altro che afosa, un susseguirsi di brani ineguagliabili come Grande grande grande, Insieme, Le mille bolle blu, Amor mio e tanti tanti altri ancora. Al solo cogliere le prime note il pubblico non è riuscito a non lasciarsi tentare e, rotto il silenzio, qua e là si è sentito il canticchiare spensierato ed appassionato che rallegra il cuore e distende gli animi.

Un grande concerto dunque quello cui ieri sera hanno assistito gli spettatori della rassegna ‘Sannio Music Fest #21’ che, con il prossimo concerto del 16 luglio, volge al termine. Con lo spettacolo ‘Tempo di Chet’, il …. Paolo Fresu, infatti, chiuderà la tanto apprezzata kermesse dedicata al jazz con un portentoso concerto eseguito insieme con Dino Rubino e Marco Bardoscia. Un dialogo a tre voci di grande impatto emotivo e intellettivo che si compone del suono caldo e della mente creativa di Fresu; delle linee potenti e coinvolgenti del contrabbasso di Bardoscia e del pianismo elegante e vibrante di Rubino.

Il trio è stato voluto in questa forma dallo stesso Fresu per l’avventura teatrale del progetto ‘Tempo di Chet – La versione di Chet Baker’ prodotto dal Teatro Stabile di Bolzano diretto da Walter Zambaldi e per la regia di Leo Muscato. Tutte le musiche, composte da Fresu, sono prodotte dal trio e appaiono anche sul cd ‘Tempo di Chet’ pubblicato da Tǔk Music, etichetta discografica del trombettista sardo dedicata ai nuovi talenti italiani.

Comunicato stampa




Cammariere al Teatro Romano inaugura la rassegna jazz di “Sannio Music Fest #21”

Presentata questa mattina, presso lo showroom di “Pedici arredamenti” la rassegna jazz per “Sannio Music Fest #21”. Sono intervenuti Michele Solimano, direttore artistico, Ferdinando Creta, direttore dell’area archeologica del Teatro Romano ed il sindaco di Benevento, Clemente Mastella. Michele Solimano (Napoli jazz club) ha illustrato nel dettaglio i quattro appuntamenti che si svolgeranno nella splendida cornice del Teatro Romano. Aprirà la rassegna Sergio Cammariere, il 18 giugno alle 21 che proprio da Benevento riprenderà a suonare dal vivo.

Tosca in “Morabeza tour” ci sarà il 24 giugno, sempre alle 21 e il 1 luglio “Un evento esclusivo” annuncia Solipano. Saliranno sul palco del Teatro Romano Danilo Rea (pianoforte), Massimo Moriconi (contrabbasso) e Alfredo Golino (batteria) per “Una rivisitazione in chiave jazz dei più famosi pezzi di repertorio di Mina”. Gran finale, invece, il 16 luglio, con un omaggio Chet Baker, con Paolo Fresu. I biglietti sono acquistabili presso le tabaccherie Collarile o su Go2.it, ticketone.it e napolijazz.it.

Grande soddisfazione anche da parte del direttore del Teatro Romano, Ferdinando Creta nell’ospitare questa rassegna alla quale seguiranno altrettante rassegne musicali di qualità. “L’emozione è che il teatro vive” ha affermato durante la conferenza stampa, ribadendo l’importanza delle numerose collaborazioni, locali e non, che riempiono di cultura e bellezza il teatro. Anche Clemente Mastella ha mostrato apprezzamento per il lavoro svolto dal direttore dell’area archeologica: “Il Teatro Romano è un elemento fondamentale grazie a Ferdinando Creta”. Il sindaco, poi, oltre a plaudire alla manifestazione, auspica si possa ripetere anche negli anni successivi. L’incontro è stato moderato da Francesco Carluccio.