1

Il Milan esonera Montella e chiama Gattuso in vista del Benevento: Ringhio e De Zerbi, domenica round 2

Gattuso e de Zerbi

È di nuovo Gattuso contro De Zerbi. Sarà Benevento-Milan. La Strega, in attesa del monday night di scena stasera all’Atleti Azzurri d’Italia contro l’Atalanta, dà un’occhiata già alla prossima sfida, quella del lunch match domenicale (e suggestiva) contro il Milan al “Vigorito”.

I Diavoli Rossoneri, dopo lo scialbo 0-0 di ieri contro il Torino, e dopo zero gol segnati in quattro partite casalinghe consecutive (non vince a San Siro dal 20 settembre), ha deciso di esonerare Montella, partito con una squadra totalmente diversa, formata in una sessione di mercato sontuosa considerando le cifre folli sborsate per acquistare giocatori come Bonucci, Musacchio, Rodríguez, Conti (infortunato fino a marzo), Kessie, Biglia, Calhanoglu, Borini, Kalinic e André Silva. Un salto di qualità per la squadra costruita da Mirabelli e Fassone che, però, si scontra con la dura realtà del campo e dei risultati che non arrivano. L’era Montella finisce, a Benevento comincerà quella di Rino Gattuso, una bandiera del passato recente rossonero.

L’arrivo di Gattuso sulla panchina del Milan porta subito con la mente al 12 giugno 2016, quando Ringhio col suo Pisa si giocò il passaggio in Serie B contro il Foggia. In Toscana finì 4-2 per i padroni di casa, al ritorno in un clima infuocatissimo, Gattuso venne colpito alla testa da una bottiglietta proveniente dalla tribuna. Ne esce fuori una rissa, condita da invasioni di campo di alcuni tifosi locali, nella quale De Zerbi non le manda a dire a Gattuso, i due battibeccano e vengono allontanati per non venire alle mani. Il Pisa conquistò la promozione in Serie B, De Zerbi perse la panchina foggiana. Il resto poi lo conosciamo, fino ad oggi: Gattuso vs De Zerbi, domenica il round 2 in uno scenario completamente diverso. Si accettano sorrisi e strette di mano.