1

[FOTO] Perifano: “Scriviamo insieme il futuro”

È il gran finale di una lunghissima campagna elettorale e se da una parte c’è il sindaco uscente Clemente Mastella, dall’altra Luigi Diego Perifano crede fortemente alla possibilità di diventare il nuovo primo cittadino di Benevento. Nel tardo pomeriggio odierno l’avvocato beneventano ha tenuto il discorso di chiusura al Rione Libertà e il suo intervento sul palco di piazza San Modesto è stato preceduto da quello di Angelo Moretti, con il leader della coalizione ArCo che ai cittadini presenti ha detto di voltare pagina. “Questo è il Rione che decide le elezioni se fatte da uomini e donne liberi. In tutti questi palazzi che ci circondano dovrebbero esserci cantieri per l’ecobonus e quindi per le energie rinnovabili, ma essi non ci sono. Quando dicono che il lavoro lo porteranno da fuori dicono grandi balle, perché il lavoro ce l’abbiamo in casa e si chiama ecobonus che scadrà nel 2023. Se vogliamo creare il lavoro al Rione Libertà non dobbiamo più fare la telefonata a qualcuno e chi per quarant’anni vi ha detto che il lavoro lo si ottiene con una telefonata vi ha detto una balla enorme. Il lavoro è la capacità di guardare cosa ci offre la storia di oggi e noi dobbiamo essere la città che pensa al futuro. I tetti di questo Rione chiedono energie da fonti rinnovabili, ma non si capisce perché non ci sono. La storia però deve cambiare e dal 19 ottobre questa città con Luigi Diego Perifano sindaco guarderà finalmente al futuro”.

Terminato il suo intervento di apertura, sul palco è salito Luigi Diego Perifano, con il candidato sindaco che ha voluto fortemente chiudere questa seconda fase della campagna elettorale al Rione Liberta. “Abbiamo chiuso la prima fase a piazza Castello e adesso per noi era doveroso rendere omaggio allo straordinario popolo del Rione Libertà che ci ha tributato una grande vicinanza. Ho preso un impegno con la città e incontrare le persone, stringermi con loro la mano, le pacche sulle spalle rappresentano i momenti più belli di questa lunga campagna elettorale. La loro voglia di essere protagonisti e partecipi di un momento di svolta è senza ombra di dubbio ciò che più mi ha colpito. Non è facile contenere l’emozione di questa piazza, ci abbiamo messo la faccia e abbiamo fatto una bella campagna elettorale. Adesso ho una sola preoccupazione ed è quella di non deludere la città e quindi la mia gente qualora dovessi diventare sindaco. La politica vera è l’abbraccio della comunità e voglio essere il sindaco di tutti i beneventani, anche di quelli che non mi voteranno”.

Futuro della città – “Siamo al rush finale e la scelta spetta ai beneventani. Personalmente ho la coscienza tranquilla perché ho sempre parlato il linguaggio della compostezza e della serietà. Il nostro obiettivo è quello di raccogliere il consenso dei beneventani per guardare avanti. È stata una campagna elettorale in cui troppo spesso si è tentato di far riferimento alle vicende del passato, ma noi abbiamo bisogno di una prospettiva che guardi al futuro con ottimismo. Abbiamo bisogno di credere che questa comunità possa risollevarsi e la gente ci ha trasmesso un’energia bellissima, ma con un mandato specifico ed è quello di guardare avanti. Apriamo, quindi, insieme il futuro e risolleviamoci dalla condizione in cui siamo precipitati negli ultimi cinque anni”.




Il ‘Piano Cultura’ di Perifano: “Settore strategico per il rilancio della città”

“Sia nel programma di governo che nella mia campagna elettorale ho dato ampio spazio alla cultura. L’ho fatto perché essenziale a qualsivoglia progetto di rilancio e sviluppo della Città. Ma anche perché occorre una svolta rispetto al recente passato. E dunque non ci sono dubbi sul fatto che acquisirà centralità anche nella mia azione di governo”. Così in una nota il candidato sindaco Luigi Diego Perifano.

“Ho apprezzato e condiviso il ‘Manifesto culturale’ realizzato da alcuni operatori del settore e ho fatto mie le loro attese, le loro proposte, le loro aspirazioni. Un processo di condivisione naturale, direi, visto che partivamo da un presupposto comune: occorre diversificare e ampliare l’offerta culturale, riaprendo spazi chiusi e creandone di nuovi. In quest’ottica, per andare subito nel concreto, parto proprio dal ribadire una proposta a me cara perché capace di tenere assieme cultura e rigenerazione urbana. Riguarda l’ex Manifattura Tabacchi di via XXV Luglio, al rione Ferrovia e a pochi passi dalla Stazione Centrale. Si tratta di uno spazio enorme, in parte voglio farne una struttura congressuale, per intercettare convegni di caratura regionale e nazionale e determinare indotto economico per la Città, un’altra parte diventerà la sede delle Officine dell’Arte e della Creatività, luogo destinato alla produzione culturale e artistica in tutte le sue forme: musica, danza, teatro, cinema. E ancora ospiterà un incubatore di imprese creative al fine di sostenere e accompagnare la nascita di esperienze imprenditoriali, con l’ausilio di un partner specializzato nel settore della cultura.

Sin dall’immediato, poi, lavorerò per creare un ‘Sistema Cultura’. Immagino un protocollo d’intesa utile a mettere in relazione, in maniera permanente, tutti gli enti che operano nel settore: Assessorato alla cultura, Fondazione Città Spettacolo, Università, Conservatorio, Curia, Associazioni Culturali. Tutti insieme dovranno costruire un vero e proprio ‘brand’ Benevento da proiettare fuori dai confini provinciali e regionali”

“Da più parti, inoltre, mi viene chiesto degli eventi. La mia volontà è chiara: la Città non può animarsi solo per poche settimane estive. Occorre una programmazione più ampia, diversificata per periodi e per tematiche. Grazie al Bct abbiamo acquisito una visibilità importante tra i festival che si occupano di cinema e televisione. Ma sui concerti possiamo fare molto di più vista la bellezza e l’unicità di alcune nostre location. Soprattutto, poi, bisognerà assolutamente recuperare il teatro, per decenni fiore all’occhiello della nostra offerta culturale. Un ruolo strategico nella programmazione lo rivestirà la Fondazione Città Spettacolo che andrà rilanciata affidandone la guida a competenze riconosciute del settore: un primo indispensabile passo per rilanciare la rassegna settembrina.

Infine, – conclude Perifano – sul piano promozionale evidentemente bisogna cambiare marcia. Un ‘canale pubblicitario’ che fino a ora è stato completamente ignorato è quello rappresentato da internet e dai social. Attiveremo un portale web (associato a profili instagram, twitter, facebook) che promuova il nostro patrimonio storico, artistico e culturale. In esso troveranno spazio il calendario degli eventi e manifestazioni che si tengono in città, visite virtuali a musei, monumenti, ecc. (anche in 3D e realtà aumentata)”.




Ballottaggio, le iniziative di Libera in campagna elettorale

In occasione dell’appuntamento elettorale del ballottaggio che si terrà nelle giornate del 17 e 18 Ottobre, il Coordinamento provinciale di Benevento dell’associazione Libera – Nomi e Numeri contro le mafie intende richiamare l’attenzione del corpo elettorale e dei candidati Clemente Mastella e Luigi Diego Perifano sulle tematiche e le iniziative promosse dall’associazione durante la campagna elettorale, racchiuse nel documento denominato “Cento Passi in Cento Giorni – Un patto conto la corruzione, il clientelismo e le camorre”.

Il documento si caratterizza di sei proposte di delibere da realizzare nei primi cento giorni di amministrazione. Le tematiche sollecitate, anche sul piano culturale ed educativo, sono racchiuse in sei macro aree così denominate: 1) Trasparenza per il pieno riutilizzo sociale ed istituzionale dei Beni confiscati alla criminalità organizzata; 2) Educazione, memoria e comunità; 3) Memoria civile; 4) Trasparenza, corruzione e clientelismo; 5) Usura-Racket e gioco d’azzardo; 6) Politiche sociali.

Le caratteristiche delle sei proposte deliberative sono bene esplicitate e dettagliate nel menzionato documento. Si tratta di sei concreti gesti amministrativi che i Candidati alla carica di primo cittadino hanno già accettato di realizzare. L’attuazione delle stesse sarà il primo appuntamento del monitoraggio civico da parte della società responsabile. In tal senso ci si porrà sempre con atteggiamento costruttivo, responsabile, ponendo attenzione alle giuste osservazioni che il neo sindaco vorrà condividere con l’associazione.

L’altro elemento che il coordinamento provinciale di Libera ha posto all’attenzione degli elettori e dei candidati e che ripropone con forte vigore anche in questa occasione, è il numero verde Linea Libera 800 582727. Un servizio gratuito e riservato di accompagnamento alle vittime della criminalità organizzata, vittime estorsione ed usura, vittime di reati elettorali di scambio politico-mafioso. È opportuno ribadire il servizio offerto da Linea Libera in questa occasione perché lo stesso è funzionale ad accompagnare alla segnalazione ANAC anche tutti coloro che riscontrano fenomeni di opacità e corruzione anche di carattere elettorale che possono turbare il democratico svolgimento della campagna elettorale. In tal senso ci auguriamo di assistere ad un andamento sempre corretto della competizione elettorale così da non inquinare il principio basilare della partecipazione e della vita democratica del nostro paese.

Comunicato Stampa




Ballottaggio, Perifano ringrazia Viespoli per il sostegno

“Ringrazio il senatore Pasquale Viespoli per aver annunciato il proprio sostegno alla mia candidatura e per le belle parole spese nei miei confronti. In questi giorni mi è capitato di leggere lunghe e fumose note, spesso condite da tanto rancore ma da poca valenza politica: a Viespoli è bastata una breve dichiarazione, qualche riga, per centrare il punto della questione”. Così in una nota il candidato sindaco Luigi Diego Perifano.

“Al ballottaggio – prosegue – la scelta è se rompere o meno con un sistema che ha ingessato sia la vita amministrativa che politica della Città, e se aprire, o meno, una nuova stagione di governo. Sono elezioni amministrative, si guarda alla persona e ai programmi, non certo alle questioni ideologiche. E Viespoli, nella sua esperienza da Sindaco, ha sempre posto l’accento sulla centralità del territorio piuttosto che sulle formule politiche.

Peraltro – continua Perifano – bene ha fatto Viespoli a sottolineare anche un altro aspetto: c’è un solo sistema di potere in campo in queste elezioni ed è quello schierato da Mastella. Il “tutti contro di me” che evoca il sindaco uscente è una frottola: con lui si sono schierati Italia Viva, il Psi, Forza Italia, i fuoriusciti del Pd, I fuoriusciti della Lega e trecento candidati che sono il frutto dello sforzo compiuto da Comune, Provincia, Asi, Dirigenti della sanità, esponenti del Consiglio regionale. Un potere enorme che non è servito, però, a raggiungere la sbandierata vittoria al primo turno, e che ora teme di essere spazzato via. E noi questo dobbiamo fare, con l’aiuto di tutti i beneventani vogliosi di scrivere una pagina nuova”.

Aggiunge Perifano: “Occorrono idee e progettualità, occhi diversi per guardare a una società in continua trasformazione. Servono nuovi programmi e nuovi interpreti: l’intesa raggiunta con Angelo Moretti risponde a questa esigenza, mentre Mastella è rimasto al 2016, ha spostato indietro le lancette dell’orologio e continua a recriminare contro “quelli di prima ” (…pur avendone accolti tanti nelle sue liste) per invischiare il dibattito elettorale nel racconto del passato. Ma il passato è passato. Punto. Noi guardiamo avanti. E vinte le elezioni formeremo un governo di svolta, con una squadra nuova, con nuovi volti e nuovi protagonisti, nella quale troveranno spazio energie, competenze ed esperienze pronte a misurarsi con la sfida del cambiamento. Il resto – conclude Luigi Diego Perifano – è solo inciucio, pettegolezzo, chiacchiericcio”.




Ballottaggio, PER assicura il proprio appoggio a Perifano

Il ballottaggio chiama a scegliere tra i due candidati a sindaco più votati. La cultura politica e civile di PER le Persone e la Comunità non contempla inviti all’astensione o
all’indifferenza. Allo stesso tempo è noto che PER sente di far parte di quel campo di forze del centrosinistra. Ed è in questo campo che PER affronterà il secondo turno assicurando il proprio appoggio al candidato Luigi Diego Perifano in vista del ballottaggio del 17 Ottobre.

La nostra valutazione sui trascorsi 5 anni dell’amministrazione uscente è negativa nel merito e nel metodo. Nel merito abbiamo perso più di tremila abitanti ma si è continuato a costruire consumando suolo e facendo perdere del 10% il valore delle case. Sono mancate politiche attive per contrastare la disoccupazione a tassi
doppi della media regionale. La Tari è diventata la terza più alta d’Italia, l’igiene della città è peggiorata, i fiumi non sono deputati e nessuna politica di economia circolare ha trovato spazio in agenda. Nessuna politica di welfare è stata attuata per attenuare la forte emigrazione sanitaria. Dopo 5 anni ancora Il 50% degli abitanti beve acqua con tetracloroetilene e migliaia di cittadini delle contrade non sono stati raggiunti dalla rete idrica. Nessuna proposta di politica espansiva è stata programmata per migliorare l’andamento del bilancio comunale in perdita ed I poveri sono cresciuti del 50%, così come il disavanzo di 9 milioni € ha aggravato un bilancio in verifica di dissesto. È peggiorata la percezione di insicurezza nei luoghi di socializzazione dei giovani e delle famiglie.

Nel Metodo dell’amministrazione uscente non possiamo condividere lo stile istituzionale divisivo che ha caratterizzato questi 5 anni. Il cambio di 19 assessori, le minacce paventate contro l’Organismo Straordinario di Liquidazione, l’intervento dell’ANAC su alcune delibere dubbie, il diniego ad un referendum sulla governance dell’acqua avanzata da oltre tremila cittadini, il linguaggio aggressivo contro Associazioni Civiche, di volontariato ed avversari politici, ci convince che il sindaco uscente non ha il profilo del sindaco di tutti. Da quando la rete politica PER le Persone e la Comunità è scesa in campo ha sempre stimolato la città invece ad una visione costruttiva della comunità, pur nei distinguo delle idee e dei valori, inclusiva delle diversità, in vista del bene di tutti.

Il nostro appoggio alla candidatura a Luigi Diego Perifano, insieme a tutta la coalizione ArCo è motivata dall’aver trovato un’intesa programmatica su 10 punti che sentiamo prioritari per il bene della città e che hanno trovato spazio nell’agenda politica:
1 𝐏𝐢𝐚𝐧𝐨 𝐬𝐭𝐫𝐚𝐭𝐞𝐠𝐢𝐜𝐨 𝐞 𝐩𝐫𝐨𝐠𝐞𝐭𝐭𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐞𝐜𝐢𝐩𝐚𝐭𝐚
2 𝐏𝐢𝐚𝐧𝐨 𝐝𝐢 𝐦𝐚𝐧𝐮𝐭𝐞𝐧𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞, 𝐝𝐞𝐜𝐨𝐫𝐨 𝐞 𝐯𝐞𝐫𝐝𝐞 𝐮𝐫𝐛𝐚𝐧𝐨
3 𝐄𝐜𝐨𝐥𝐨𝐠𝐢𝐚 𝐢𝐧𝐭𝐞𝐠𝐫𝐚𝐥𝐞 𝐞𝐝 𝐞𝐧𝐞𝐫𝐠𝐢𝐞 𝐫𝐢𝐧𝐧𝐨𝐯𝐚𝐛𝐢𝐥𝐢.
4 𝐖𝐞𝐥𝐟𝐚𝐫𝐞 𝐝𝐢 𝐩𝐫𝐨𝐬𝐬𝐢𝐦𝐢𝐭𝐚̀, 𝐩𝐢𝐚𝐧𝐨 𝐢𝐧𝐟𝐚𝐧𝐳𝐢𝐚, 𝐚𝐝𝐨𝐥𝐞𝐬𝐜𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐞 𝐚𝐧𝐳𝐢𝐚𝐧𝐢

  1. 𝐃𝐞𝐥𝐞𝐠𝐚 𝐚𝐥 𝐥𝐚𝐯𝐨𝐫𝐨, 𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐟𝐨𝐫𝐦𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐞 𝐚𝐥 𝐫𝐞𝐝𝐝𝐢𝐭𝐨 𝐝𝐢 𝐜𝐢𝐭𝐭𝐚𝐝𝐢𝐧𝐚𝐧𝐳𝐚
  2. 𝐀𝐬𝐬𝐞𝐬𝐬𝐨𝐫𝐞 𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐭𝐫𝐚𝐝𝐞
    7 𝐍𝐮𝐨𝐯𝐚 𝐯𝐢𝐬𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐜𝐞𝐧𝐭𝐫𝐨 𝐬𝐭𝐨𝐫𝐢𝐜𝐨 𝐭𝐫𝐚 𝐜𝐮𝐥𝐭𝐮𝐫𝐚 𝐞 𝐭𝐮𝐫𝐢𝐬𝐦𝐨
    8 𝐂𝐚𝐧𝐭𝐢𝐞𝐫𝐞 𝐬𝐮𝐥𝐥𝐞 𝐜𝐢𝐭𝐭𝐚̀𝐬𝐨𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 (𝐪𝐮𝐚𝐫𝐭𝐢𝐞𝐫𝐢/𝐭𝐞𝐚𝐭𝐫𝐢, 𝐩𝐢𝐚𝐳𝐳𝐞 e parchi.
    9 𝐑𝐢𝐠𝐞𝐧𝐞𝐫𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐮𝐫𝐛𝐚𝐧𝐚 contro la tendenza all’ulteriore consumo di suolo.
    10. 𝐏𝐨𝐥𝐢𝐭𝐢𝐜𝐡𝐞 𝐝𝐢 𝐠𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞, protezione e linguaggi.

Agli elettori chiediamo di sostenerci ancora, di votare insieme a noi Luigi Diego Perifano.

Comunicato Stampa