1

La new wave napoletana ha un cuore sannita, quello del producer Nathys: in uscita ‘Maria’

Il suo compito è quello di scegliere e far indossare l’abito migliore all’artista, un “sarto della musica” che al posto del tradizionale taglia e cuci si adopera al computer con software specifici per assemblare, modellare e unire i vari elementi che danno vita alla “prod”. E’ questo il succo del lavoro di Anthony Calicchio, in arte Nathys, 25enne beneventano beatmaker, musicista, sound engineer e dj, si può dire producer “a tutto tondo” o “a 360 gradi”, come ama definirsi. Dalla base al mastering, in sostanza il suo è un lavoro in studio a tempo pieno che negli ultimi anni ha vissuto una rapida evoluzione, crescita nonché riconoscibilità con l’avvento della trap, diramazione hip hop che ha finito pure per influenzare sottoculture del Belpaese insediandosi anche nel consolidato mondo neomelodico della napoletana tradizione così ancorata ai propri regimi e vecchi retaggi.

Archiviati fiati, trombe e sinth, la new wave è quel misto di autotune e campionamenti che si rifà al passato ma che può anche essere miscelato per un risultato dal sapore di crossover. Lo sguardo è diretto al futuro, ma la poliedrìa di Nathys non gli preclude sfide da affrontare a cuore aperto. Come ‘Maria’, singolo in uscita venerdì 29 gennaio che vede il featuring tra Francesco Da Vinci (figlio di Sal) e Ivan Granatino, “un brano dalle sonorità trap molto particolari che ricordano un po’ il Messico, un po’ Santana. Penso sia una delle migliori produzioni che abbia realizzato quest’anno, quindi sono impaziente di farvela ascoltare!” afferma Nathys, entusiasta per il nuovo progetto ma anche per quelli a venire. “Il 2021 – infatti – sarà pieno di uscite, con più di un album prodotto da me e diverse collaborazioni con big della scena attuale italiana”.

Finora ha lavorato con svariati artisti che si rifanno tutti a quella scena metropolitana-underground partenopea, oltre a Marco Calone, Francesco Da Vinci e Ivan Granatino anche Livio Cori, Peppe Soks, Eris Gacha, Tsunami, Sal Da Vinci, Ciro Rigione e Paky G. Inizia a produrre dall’età di 18 anni e l’insieme dei suoi lavori ha totalizzato più di sette milioni di visualizzazioni solo su YouTube e oltre tre milioni su Spotify. Il suo esordio nel 2019 producendo con Janax “Chopin” di Peppe Soks. Inizia poi un progetto con Francesco Da Vinci che lo porta a produrre diversi singoli nel 2020 tra cui NMNF, Nu Vase Tuoje ft. Livio Cori, Luntan a me ft. Sal Da Vinci, Te Vojo Vere e Baby C’est La Vie ft.Marco Calone. Parallelamente intraprende un progetto anche con il rapper ErisGacha, dando vita a No Puedo Amarte, Malavida e Sul tutt e duje.

Per Marco Calone ha realizzato recentemente Quando staje sola tu, brano che è quasi a due milioni di visualizzazioni in poco più di due mesi. “Con lui mi sono messo in gioco, in quanto per me è un nuovo mondo quello neomelodico e nonostante ciò abbiamo dato vita a questo brano con sonorità che rispecchiano sempre il mio modo di produrre” spiega il producer sannita. Che conia un neologismo quando è chiamato a spiegare la sua veste migliore: “Mi sento “poliedricamente schematico”, cioè io ascolto un po’ tutto, non ho preferenze di genere. Oltre che ascoltare musica generale so produrre un po’ tutto! Partendo dall’hip pop passando al rock, funk, indie, pop urban, trap e così via dicendo. Non mi sono mai posto dei limiti in quanto mi piace sperimentare e mettermi in gioco su nuovi fronti”.

“Attualmente – ha aggiunto – lavoro con diversi artisti che attuano diversi generi musicali. C’è chi fa rap, reggaeton, pop urban, pop, trap e nonostante ciò riesco ad esprimere la mia personalità sonora in diversi generi”. Nathys, come detto, si occupa della musica “a 360 gradi. Partendo dalla realizzazione della base musicale, finendo con la lavorazione delle voci dell’artista che successivamente verranno registrate sulla base. Il mio mestiere è quello di vestire bene l’artista che ho davanti, facendogli una base su misura che in primis rispecchi la sua personalità artistica ma allo stesso tempo sia al passo con i tempi e che abbia una mia impronta musicale. Solitamente cerco sempre di essere in continuo aggiornamento sul suono in quanto il mercato musicale cambia frequentemente, quindi ci tengo sempre a stare al passo con i tempi. Cerco sempre di far sentire la mia impronta in tutte le produzioni che faccio. La scelta dei suoni, le effettistiche e il metodo di composizione che utilizzo fanno si che quando ascolti una base percepisci ad occhi chiusi che è stata realizzata da me”. Un’impronta tutta beneventana nel cuore della nuova scena napoletana e non solo, perché le ambizioni, per un anno di rinascita, sono generosamente alte.

LINK SOCIAL E CONTATTI
EMAIL: Nathysbeats@gmail.com
INSTAGRAM
SPOTIFY
FACEBOOK