1

Benevento, mercato in uscita in stan-by: ancora tanti gli elementi da cedere

Partenza ritiro Benevento

Non solo le operazioni in entrata, con l’affare Kishna su tutti destinato a concretizzarsi all’inizio della prossima settimana, ma il Benevento è ancora molto ingarbugliato sul fronte uscite e allo stato attuale restano ancora tanti gli elementi da cedere da qui alla fine di questa sessione di calciomercato. Come ben noto ormai da diversi giorni fanno parte di questa lista, oltre ad Agyei, Jakimovski e Kanoute, anche Padella, De Falco, Melara, Lopez e Cissé. A questi bisogna aggiungere Piscitelli, fresco di rinnovo ma sempre con la valigia pronta, e i baby Cotticelli e Donnarumma. Per i primi tre, allo stato attuale, non si registrano richieste e il sondaggio fatto dal Cosenza nei giorni scorsi per Agyei è andato via via scemandosi, con i silani che proprio nella giornata di ieri hanno ufficializzato l’arrivo dell’esperto Mirko Bruccini dalla Lucchese. Discorso leggermente diverso per gli altri cinque, con le due promozioni consecutive che rappresentano un vantaggio non di poco conto alfine di trovare una nuova sistemazione. Su Padella resta forte il pressing della Ternana, del Cesena e del Brescia, così come non è tramontato l’interesse del Matera per Andrea De Falco. Il club lucano è sempre alla ricerca di un elemento di qualità in mezzo al campo e mister Auteri l’ha individuato da tempo nel centrocampista anconetano. Cissé, invece, fa gola alla Virtus Entella, con Novara e Parma che proveranno sino all’ultimo ad ostacolare il club ligure. Lascerà il Benevento anche Walter Lopez, inizialmente inserito nella lista degli incedibili, per poi sentirsi dire che non rientra più nel progetto tecnico giallorosso. Anche lui, da qui al 31 agosto, riuscirà a trovare una nuova sistemazione tra i cadetti. Una categoria alla quale punta anche Fabrizio Melara, anche se per l’esterno di Santa Marinella non ci sono state finora molte richieste.

Resta da chiarire anche il futuro di Riccardo Piscitelli, con la società che dovrà decidere se tenerlo come terzo portiere, ma non inserirlo in lista perché occuperebbe un posto over, o fargli vivere una stagione da protagonista in qualche squadra di serie C. Nel caso in cui si optasse per la prima opzione, essendo un portiere, può essere inserito in lista in qualsiasi momento, a patto però che prenda il posto di un altro estremo difensore. Così come già accaduto con il baby Salvatore Tazza, rientrato dal biennio vissuto con la Primavera del Bologna e ceduto in prestito alla Reggina per fargli vivere la prima esperienza da professionista, sarà girato con la stessa formula anche Alessio Donnarumma che interessa alla Juve Stabia e allo stesso Matera. Probabile che da qui alla fine di questa sessione di calciomercato la società decida di cedere sempre in prestito anche Andrew Gravillon, sul quale è stato fatto un investimento non di poco conto ed essendo chiuso da Lucioni, Camporese, Costa e Djimsiti, sarebbe più opportuno dirottarlo altrove a patto però che giochi con una certa continuità. C’è poi il portiere Antonio Cotticelli e anche per lui la dirigenza dovrà prendere una decisione nel breve termine e decidere se mandarlo per un’altra stagione in prestito, rinnovandogli il contratto sino al 2019, o liberarlo facendogli firmare la rescissione contrattuale.