1

[FOTO] Inaugurata la nuova sala di medicina legale, autopsie in tempi brevi

Una nuova area di Medicina Legale con annessa sala autoptica per dotare Benevento e il Sannio di un servizio di cui finora non disponeva: è questo il frutto della sinergia tra azienda ospedaliera “San Pio” e Procura che ha portato all’inaugurazione, questa mattina, dei locali che consentiranno agli esperti di poter usufruire di un punto di confronto e di analisi nelle indagini post-mortem. Un servizio che consentirà di ridurre i tempi delle indagini e che si auspica possa essere implementato con la dotazione, da parte dell’ospedale, di medici legali che siano di supporto alle attività della Procura di Benevento.

Se lo augura il procuratore Aldo Policastro: “Spero che l’azienda ospedaliera si doti di medici legali propri da poter utilizzare per la nostra attività, per espletare le perizie e le consulenze in tempi rapidi”. Fa seguito il dg Mario Ferrante: “Ci attrezzeremo per avere medici legali a disposizione sia dell’azienda ma anche della Procura, così possiamo dare un servizio di qualità e di eccellenza”. Direttore generale che ha accolto le istanze della magistratura: “Il procuratore mi ha manifestato questa criticità, si è data dignità a un’attività che ha risvolti medico-legali e di civiltà”. In effetti gli inquirenti sanniti si rivolgevano per espletare le proprie perizie agli ospedali di Giugliano e di Avellino, coi quali erano stati siglati dei protocolli in precedenza: “Devo ringraziare il dg che si è impegnato in tempi rapidi, ponendo termine a una situazione di disagio per la Procura. Oggi – ha detto Policastro – abbiamo una struttura all’avanguardia, civile e dignitosa e che consente di intervenire in modo rapido, efficace e in sicurezza, con un utilizzo accorto e rapido per velocizzare anche i tempi di restituzione delle salme alle famiglie. Ciò consentirà ai medici legali di agire con maggiore professionalità e grazie anche a un’area dov’è possibile consultarsi con consulente di parte e della procura”.

Al suo interno, spiega Ferrante, vi è situata una sala riunioni per le operazioni peritali dei medici legali, una sala autoptica “nuova e moderna, con tutti i crismi per poter fare anche autopsie per malati di covid. Prima eravamo costretti a farle ad Avellino”. E per tutte una serie di attività peritali che prima erano assenti. Nello specifico due tavoli operatori dotati delle più moderne strumentazioni per l’esecuzione di esami autoptici, anche potenzialmente ad alto rischio biologico, una sala con due celle frigo, delle quali una per le salme di persone decedute a causa del covid-19, poi un ufficio attrezzato per le operazioni peritali e un locale per la vestizione dei sanitari e il restyling delle sale dolenti, di cui quattro per le salme non affette da covid e una per quelle in cui è stata riscontrata la malattia.