1

Ato rifiuti, il Tar respinge il ricorso del centro-destra mastelliano. Il Pd: “Siamo al giro di boa”

partito democratico

“L’odierna sentenza del TAR, che ha rigettato il ricorso del centro-destra mastelliano sull’elezione dell’Ato Rifiuti, rappresenta un giro di boa essenziale affinché l’organo deputato alla gestione di questo importante comparto si avvii, finalmente, alla piena operatività”: anche la Federazione provinciale Pd Benevento si esprime sulla questione, dopo il presidente di Ato rifiuti Giovanna Tozzi.

“Certo, non ci sfugge l’irresponsabilità di coloro i quali, per mere pretese partitiche e battaglie di posizionamento politico, ne hanno sino ad oggi strumentalmente ostacolato la messa a pieno regime. Si è fatta melina sperando che il soccorso de giudice amministrativo ribaltasse il tavolo. Si sono anteposte pretese di bassa bottega invece di impegnarsi nell’organizzazione di un ente cui spetta l’erogazione di un servizio pubblico fondamentale per i cittadini. Un servizio cui sono legate anche notevoli opportunità per il territorio sannita.

L’azione politica non dovrebbe mai perdere di vista l’interesse generale, ma tant’è. Oggi che le responsabilità sono emerse in modo chiaro e netto, invitiamo a recuperare il tempo perso nel rincorrere cavilli e arzigogoli.

Ci si metta da subito a lavoro affiancando la presidente Tozzi, cui va tutto il nostro sostegno, e con rinnovato spirito istituzionale si ri-parta avendo a cuore l’interesse esclusivo dei cittadini e degli utenti sanniti”.




Ato rifiuti, respinto il ricorso al Tar. Tozzi: “Niente più scuse, ora al lavoro”

asia porta a porta igiene urbana differenziata

Il presidente dell’Ato rifiuti di Benevento Giovanna Tozzi commenta la sentenza del Tar che ha respinto il ricorso presentato dalla lista ‘Sannio Pulito’ composta da Mastella, Forza Italia ed Udc.

“Il Tribunale amministrativo ha confermato la regolarità delle procedure elettorali per i componenti del consiglio Ato. Siamo sempre stati sicuri della correttezza delle operazioni ma abbiamo atteso con il necessario rispetto la sentenza ed il pronunciamento ribadisce queste ragioni.

Chiuso definitivamente tale capitolo sul fronte delle elezioni e della giustizia amministrativa, adesso non ci potranno essere più scusanti per tergiversare nell’avvio dei lavori dell’organismo.

In questi mesi i consiglieri eletti con la lista ricorrente non hanno mai partecipato alle sedute convocate, fatta eccezione per una in cui è stato aperto l’interpello per il direttore generale,  sostenendo di attendere l’esito del giudizio del Tar.

Ora che anche questo è arrivato sarà indispensabile procedere celermente verso la nuova gestione del comparto rifiuti sul territorio.

Ho già provveduto nei giorni scorsi a convocare una seduta del Consiglio Ato per il 5 dicembre, con all’ordine del giorno la nomina della commissione che dovrà valutare i curricula pervenuti tramite l’interpello ai Comuni per  ricoprire la figura di direttore generale.

Questa figura risulta infatti propedeutica alla piena ed effettiva operatività dell’organismo.

Auspichiamo quindi che già a questa seduta partecipino tutti i componenti, facendo prevalere responsabilità istituzionale a interessi di parte ed iniziando a lavorare intensamente  per recuperare il tempo perduto. Comunità e territori, per quanto concerne il comparto rifiuti, vivono problematiche significative ed attendono risposte importanti.

Ribadiamo comunque l’apertura al confronto ed al dialogo politico con tutti i consiglieri dell’Ato rifiuti – conclude Giovanna Tozzi – nell’ottica della condivisione delle scelte per i territori”.