1

L’ex Maschio: “Il momento è delicato, ma credo fortemente nella salvezza”

Foto: Ottopagine.it

Oltre al giornalista Domenico Passaro, nella diretta di ieri di “Non so stare senza te” è intervenuto anche Antonio Maschio, con l’ex centrocampista del Benevento che ha esortato tutto l’ambiente a stare accanto alla squadra in questo momento della stagione assai complicato. Ecco una parte del suo intervento: “La squadra, tutto sommato, sta disputando un campionato in linea con quello che è l’obiettivo da centrare. Purtroppo le recenti sconfitte stanno compromettendo quanto di buono fatto soprattutto nella prima parte, ma credo che la Strega abbia tutte le carte in regola per mettersi alle spalle questo periodo assai complicato. A Benevento non ho avuto il piacere di vincere campionati, ma i due anni e mezzo trascorsi nel Sannio sono stati una tappa fondamentale della mia carriera. La città e i tifosi mi sono rimasti nel cuore e Benevento sarà sempre la mia seconda casa. Ho lasciato tanti amici e quando posso è sempre un piacere tornarci”.

Lacrime di gioia – “Ero allo stadio in occasione della prima promozione in A del 2017 e quelle mie lacrime di gioia al fischio finale sono state anche per me una liberazione. So quanto i tifosi giallorossi hanno sofferto negli anni e vedere tutta quella gente piangere per un traguardo inaspettato ha inevitabilmente toccato anche me. La piazza sannita merita di restare a lungo in serie A”.

Coesione – “Il Benevento, ripeto, può superare questa fase negativa, ma affinché ciò accada è fondamentale che ci sia unione tra tutte le componenti principali (società/stampa/tifosi). La squadra è chiamata a fare un’impresa, ma senza questa fondamentale unità d’intenti tra i vari elementi tutto si complicherebbe ancora di più”.

Vicinanza all’amico Vanacore – “Con Antonio non ho avuto il piacere di condividere l’esperienza di Benevento, dato che nell’estate 2004 lui andò via e io arrivai. Con lui sono molto amico e ci confrontiamo quotidianamente. Antonio sta combattendo contro questo maledetto virus, ma sono convinto che riuscirà a sconfiggerlo con tutta la sua forza. Come tanti altri non merita di vivere una situazione del genere e in questo periodo è fondamentale stare accanto alla sua famiglia”.




Benevento, quello di Iago Falque è un vero incubo: terzo stop della sua esperienza sannita

Foto Getty Images

La sfortuna sembra proprio che da qualche anno si sia accanita su di lui e anche l’esperienza sannita di Iago Falque, complice gli infortuni che periodicamente lo costringono a fermarsi, si sta rivelando poco proficua. Il galiziano, infatti, pur essendo stato acquistato dal Benevento soltanto sul finire della scorsa sessione estiva/autunnale di calciomercato, ai piedi della Dormiente ha già dovuto affrontare due periodi di stop che l’hanno costretto a non essere a disposizione di Inzaghi in ben undici gare di campionato. Con il problema a un polpaccio avvertito a metà della scorsa settimana il numero di partite di serie A saltate dal galiziano è salito inevitabilmente a dodici e purtroppo è destinato a lievitare ulteriormente, dato che sarà indisponibile anche per il derby di domenica al “Maradona” e quasi certamente anche per i successivi impegni contro il Verona e lo Spezia. Una vera e propria maledizione che ha portato, nel tardo pomeriggio di ieri, il calciatore ad affidarsi a Instagram per manifestare il proprio disappunto e tanti sono stati i messaggi di incoraggiamento da parte degli attuali compagni di squadra.

Fatto sta che con l’ennesimo stop della sua finora breve esperienza nel Sannio, seppur ancora molto lontana la prossima sessione di calciomercato, accresce la possibilità che la sua avventura in giallorosso possa concludersi al termine del campionato e tale possibilità è avvalorata anche dalla formula con la quale è arrivato dal Torino. L’ex tra le altre di Genoa e Roma, infatti, è stato prelevato dal club del presidente Cairo con la formula del prestito secco e con il Benevento che verserà nelle casse granata un bonus in caso di salvezza.




Benevento, i tifosi non demordono: “La salvezza è un’impresa possibile”

La sconfitta di venerdì è stata come una pillola difficile da mandare giù, con il Benevento che al Mapei Stadium ha confermato i progressi registrati nelle ultime settimane, ma si è dovuto arrendere dinanzi a un super Consigli che ha negato in più di una circostanza il gol del meritatissimo pareggio alla Strega e di fatto regalato altri tre punti al Sassuolo. A pesare però sul risultato finale anche l’occasione sciupata da Lapadula nel primo tempo, con l’ex Lecce che a due passi dalla porta ha sciupato clamorosamente l’appuntamento con il gol. Tra i tifosi il rammarico per come è andata è tangibile, ma allo stesso tempo accresce la consapevolezza che la strada intrapresa è quella giusta per arrivare alla salvezza. Tifoseria giallorossa che, inoltre, partecipa commossa al dolore per l’improvvisa scomparsa dell’ex Gennaro Falzarano e la Curva Sud nella giornata di ieri ha esposto anche uno striscione dinanzi al “Vigorito” in segno di vicinanza alla famiglia dello sfortunato ragazzo. “Venerdì la sfortuna ci ha perseguitati – dichiara subito Angelo De Iannianche se con un po’ più di cattiveria l’avremmo addirittura vinta. Nonostante ciò resto fiducioso, questa squadra fa ben sperare e sono sicuro che a gennaio la società provvederà a rafforzare ulteriormente l’organico a disposizione di Inzaghi. Per provare a centrare la salvezza senza grossi affanni ritengo, infatti, necessario l’acquisto di qualche altro calciatore e conoscendo il presidente Vigorito sono certo che non si tirerà affatto indietro e farà un ulteriore regalo a noi tifosi”.

L’amarezza per la sconfitta contro i neroverdi ha tolto addirittura il sonno a Paolo Florio: “Prima della partita ero certo in un pareggio ed effettivamente con il passare dei minuti, anche dopo aver subìto l’1-0, questa convinzione in me è accresciuta sempre di più. Nel secondo tempo ho avuto l’impressione che i ragazzi stessero giocando al tiro al bersaglio, ma dopo la traversa di Iago Falque e con un Consigli in serata di grazia ho capito che non l’avremmo pareggiata neppure se avessimo avuto Cristiano Ronaldo. Non nascondo che nella notte il pensiero è andato spesso alla partita e ieri mattina sui gruppi dei tifosi su Facebook mi è sembrato comunque giusto ringraziare la squadra per la grande partita disputata. A questa squadra forse manca un “Pablito” Rossi o un “SuperPippo” Inzaghi, ma in vista delle prossime imminenti gare bisogna coccolare gli attaccanti attualmente in rosa. Sono convinto che il Benevento delle ultime quattro partite e con un po’ di fortuna ha tutte le carte in regola per salvarsi”.

“Perdere una partita senza subire neanche un tiro in porta è difficile da digerire e questo purtroppo è anche il bello del calcio”. A sostenerlo è Fortunato Esposito e anche lui ci tiene comunque ad elogiare la squadra per quanto fatto venerdì: “La prestazione è stata degna di una squadra che merita di stare in serie A e la sfortuna, abbinata all’imprecisione, ha portato all’immeritata sconfitta. Mi ritengo abbastanza soddisfatto di quanto fatto finora dalla Strega, che ha sbagliato soltanto la partita contro lo Spezia. Il cammino è difficile, ma questo lo sappiamo e sono sicuro che la società a gennaio interverrà nei ruoli in cui manca qualcosa. Numericamente parlando a questa squadra manca un terzino, ma credo che ci sia bisogno soprattutto di un’altra prima punta e forse di un’alternativa a Schiattarella, anche se Ionita a Parma in quella posizione ha giocato la miglior partita. Forse questi elementi la società, avendo ipotecato la serie A a febbraio, li avrebbe dovuti prendere in estate, anche se non va dimenticato che la stessa società ha dovuto pensare anche a scongiurare il pericolo della cancellazione della scorsa stagione. Resto dell’idea, sarà anche per il troppo amore verso la Strega, che ci salveremo e dopo la prestazione di venerdì a Reggio Emilia ne sono ancora più convinto. Certo non sarà semplice, ci sarà da lottare fino alla fine, ma ce la faremo”.

A chiudere l’analisi sulla gara persa contro il Sassuolo e sull’ormai prossimo calciomercato ci pensa Vincenzo Tretola: “Aver perso una partita come quella di venerdì in cui abbiamo fatto trenta tiri è davvero brutto. La gara contro il Sassuolo ha evidenziato nuovamente che il nostro punto debole è la mancanza di un attaccante in grado di sfruttare al meglio ogni occasione da rete. Le aspettative su Lapadula sono alte, ma a Reggio Emilia ha fallito nuovamente una ghiotta occasione da rete e anche da Caprari mi aspettavo qualcosa in più, in quanto dal momento in cui è rientrato dalla squalifica non ha inciso, come invece ha fatto nelle prime gare. Positivo, invece, è stato il rientro di Iago Falque e la traversa colpita dall’ex Torino è stata la fotografia della serata sfortunata. Adesso però bisogna pensare alle prossime imminenti partite e con lo spirito di squadra mostrato nelle ultime gare abbiamo buone possibilità di centrare la salvezza. Un obiettivo che andrà raggiunto anche con l’apporto di Viola e Moncini e in vista di gennaio non disdegnerei un ritorno di Diabaté. Il maliano, riallacciandomi a quanto detto, ha dimostrato di avere quelle caratteristiche che attualmente mancano al nostro attacco. Credo che la società, inoltre, interverrà anche in difesa e a tal proposito, oltre a Diabaté, mi piacerebbe tanto rivedere a Benevento anche Tosca”.




Da ‘Live is Life’ al minuto 10: ecco come verrà ricordato Maradona

La Lega Serie A e tutte le Società renderanno omaggio a Diego Armando Maradona in occasione della prossima giornata di campionato attraverso una serie di iniziative: lo ha reso noto la Lega tramite un comunicato ufficiale. Ecco come verrà ricordato il leggendario Pibe de Oro su tutti i campi del massimo campionato italiano e al “Vigorito” nel match di domani che vedrà di fronte Benevento e Juventus, squadra contro la quale Maradona ha segnato uno dei gol più belli della storia.

RISCALDAMENTO
Durante il riscaldamento delle squadre sarà trasmesso sui maxischermi degli stadi il famoso video con Maradona che palleggia nel prepartita di una gara europea contro il Bayern Monaco nel 1989, sulla musica di “Live is life”;

LUTTO AL BRACCIO
Tutti i calciatori scenderanno in campo con una fascia nera al braccio sinistro;

MINUTO DI RACCOGLIMENTO
Sarà effettuato prima del calcio d’inizio di ogni partita un minuto di silenzio, con giocatori e ufficiali di gara schierati attorno al cerchio di centrocampo;

IMMAGINE SUL MAXISCHERMO
Durante il minuto di raccoglimento sarà proiettata sui maxischermi un’immagine di Maradona;

VIRTUALIZZAZIONE SUGLI SPALTI
Durante il minuto di raccoglimento, sugli spalti, laddove abitualmente è riprodotto virtualmente il logo della Serie A TIM, sarà proiettato il messaggio “CIAO DIEGO”;

COMMEMORAZIONE AL MINUTO 10
Dal minuto 10’00” di ciascuna gara della 9ª giornata della Serie A TIM, sui maxischermi dello stadio verrà nuovamente proiettata l’immagine di Diego Armando Maradona, per un ultimo omaggio che durerà un minuto.




Benevento, 24 convocati per la Roma: out Barba, Viola e Moncini

Resi noti i convocati del Benevento per il match di domani sera contro la Roma, con il tecnico Filippo Inzaghi che ha incluso nella lista 24 calciatori. Non figurano tra i convocati gli infortunati Barba, Viola e Moncini. Unitamente a loro tre non saranno della gara i fuori lista Volta e Del Pinto. Prima convocazione stagionale, invece, per Tello, con il colombiano che ha smaltito l’infortunio che l’ha costretto a saltare le gare finora giocate.

L’elenco dei convocati
Portieri: Gori, Lucatelli, Manfredini, Montipò.
Difensori: Caldirola, Foulon, Glik, Letizia, Maggio, Pastina, Tuia.
Centrocampisti: Dabo, Hetemaj, Improta, Insigne, Ionita, Schiattarella, Tello, Basit.
Attaccanti: Iago Falque, Di Serio, Sau, Lapadula, Caprari.




Benevento, dal sito ufficiale un indizio relativo allo sponsor delle magliette

Lo scorso martedì i tifosi del Benevento, attraverso i canali social della società giallorossa, hanno avuto modo di visionare le nuove maglie da gioco che accompagneranno gli stregoni in serie A. Sulle maglie, indossate per l’occasione da capitan Maggio, Glik, Viola e Lapadula, non era raffigurato nessuno sponsor e questo ha portato a pensare che l’IVPC, un po’ come accaduto tre stagioni fa con “La Molisana”, avrebbe dato spazio a un altro marchio.

Ciò, però, non accadrà, in quanto sul sito ufficiale del Benevento è stata aggiornata la sezione rosa, con gli attuali calciatori che indossano la prima maglia da gioco. Su di essa è ben visibile la scritta Ivpc e una delle principali aziende del presidente Oreste Vigorito andrà, quindi, a braccetto con la Strega in questa avventura di serie A che sta per partire.




Benevento, ufficiale l’arrivo di Caprari. Dabo sarà il prossimo?

Dopo la frenata dei giorni scorsi, che ha lasciato presagire a una mancata conclusione della trattativa, Gianluca Caprari è da oggi un nuovo calciatore del Benevento. L’attaccante romano arriva dalla Sampdoria e come si legge nel comunicato diramato dal club giallorosso, le due società si sono accordate sulla base di un prestito con diritto di riscatto.

All’ombra dell’Arco di Traiano ritrova il suo amico, nonché compagno di squadra ai tempi del Pescara, Gianluca Lapadula, con quest’ultimo acquistato nella giornata di mercoledì a titolo definitivo dal Genoa.

A questi ultimi due arrivi potrebbe aggiungersi nelle prossime ore anche quello di Bryan Dabo, centrocampista di proprietà della Fiorentina e in uscita dal club gigliato. I toscani, inoltre, sono prossimi ad ufficializzare l’arrivo di Giacomo Bonaventura, con l’ex Milan inseguito anche dal Benevento fino a qualche giorno fa.




La Serie A slitta di una settimana: il ritorno della Strega è fissato il 19 settembre

C’è la data che segnerà il ritorno del Benevento in Serie A: è il weekend del 19 settembre. Così si è espresso il Consiglio di Lega in corso a Milano per decidere le date della stagione 2020/21.

Slitta dunque di una settimana, rispetto alla prima data del 12 settembre, l’inizio del massimo campionato italiano. Ciò significa che subirà modifiche anche il calendario relativo alle soste natalizie, con la possibilità di giocare anche il 3 gennaio.

Se l’orizzonte relativo al calendario pare pian piano schiarirsi, quello legato invece alla riapertura degli stadi resta strettamente collegato all’andamento epidemiologico e ai protocolli stringenti: Gravina non è proprio ottimista, anche stando alle impressioni del ministro Spadafora. La speranza dei tifosi della Strega è che si possa tornare quanto prima al “Vigorito” in maniera trionfale.

IN AGGIORNAMENTO




Benevento, c’è anche l’ufficialità: il ritiro precampionato sarà in Austria

Con il successo di ieri sera ad Ascoli è calato il sipario sulla strepitosa, nonché irripetibile, stagione 2019/2020 del Benevento, ma in casa giallorossa si pensa già alla prossima. Come ben noto, infatti, gli stregoni saranno in serie A e la macchina organizzativa per il prossimo torneo è al lavoro già da tempo e in giornata è arrivata anche l’ufficialità relativa alla location che ospiterà il ritiro precampionato della truppa di Inzaghi.

I giallorossi per la prima volta in novant’anni di storia svolgeranno in consueto ritiro estivo oltreconfine e la località che ospiterà capitan Maggio e compagni sarà la cittadina austriaca di Seefeld in Tirol, nel distretto di Innsbruck-Land. Lì gli stregoni saranno dal 17 al 30 agosto e soggiorneranno presso l’Hotel Hocheder.

Il comunicato del Benevento Calcio: “Il Benevento ha scelto Seefeld in Tirol, nel distretto di Innsbruck-Land, quale meta per il ritiro precampionato 2020/21. Il club sannita soggiornerà presso l’Hotel Hocheder da lunedì 17 a domenica 30 agosto. Durante il periodo di romitaggio estivo, gli allenamenti si svolgeranno presso gli impianti sportivi di ultima generazione annessi alla struttura ricettiva. Il calendario delle amichevoli, attualmente in via di definizione, sarà comunicato successivamente”.




Curva Sud: “No alle sfilate in piazza, ma coloriamo di giallorosso ogni angolo della città”

La Curva Sud del Benevento, attraverso una nuova nota pubblicata sulla propria pagina Facebook, ha ribadito la propria contrarietà a qualsiasi forma di sfilata in piazza quando ci sarà la certezza della serie A. Gli ultras giallorossi invitano però sin da adesso a colorare di giallorosso, con qualsiasi vessillo, ogni angolo della città.

Il testo integrale: “Facendo seguito al comunicato emanato nei giorni scorsi, invitiamo tutti a colorare la città con qualsiasi vessillo giallorosso appeso sui propri balconi. Un modo per sottolineare l’appartenenza a questi colori, i quali si apprestano ad approdare ancora una volta nel grande calcio. Vi informiamo che la Curva Sud, attraverso degli addetti, girerà in lungo e in largo per valutare i balconi più belli e colorati, ai quali verrà assegnato un omaggio. Cogliamo l’occasione per ribadire il concetto relativo alle celebrazioni della serie A: per rispetto a chi non ce l’ha fatta e nei confronti di chi versa in gravi difficoltà, ci asteniamo da forme di festeggiamenti in piazza o caroselli. Il Benevento Calcio, in tutte le sue componenti, verrà ugualmente omaggiato dalla Curva Sud, la quale ha già in mente come rendere il giusto onore ai protagonisti di una cavalcata trionfale”.