1

Bct, ultimo appuntamento in grande stile. Standing ovation per l’Ofb ed un grande Silvio Orlando

“Pierino e il lupo” al Teatro Romano, chiudono la V edizione del Bct. Una vivace e talentuosa “Orchestra Filarmonica di Benevento”, diretta dal maestro Francesco Lanzillotta, si è esibita nello splendido Teatro cittadino raccogliendo ovazioni meritate per lo spettacolo. “Invenzioni Rapsodiche” ha dato il via alla serata in note:

“Questo brano lo ha scritto un compositore che è vivo e sono io”, ha ironicamente spiegato il maestro Lanzillotta che poi ha proseguito: “Un omaggio all’Orchestra Filarmonica di Benevento, della durata di 5 minuti. Nella musica esiste un’arte, quella della variazione. Prendere una melodia, scrivere un pezzo, variando questa melodia in tutti i modi possibili e immaginabili, fino ad ottenere un brano compiuto- chiarisce- In questo caso la variazione non è fatta sulla melodia ma sullo stile”. Un’apertura che si è composta di jazz, improvvisazione, per poi ritornare all’idea di musica colta. A seguire la “Sinfonia n.1 in re maggiore op.25” di Sergej Prokofiev che ha firmato anche “Pierino e il lupo”, il gran finale narrato che ha visto sul palco Silvio Orlando che ha dato voce alla storia. Una serata per grandi e piccini che hanno affollato il Teatro Romano e applaudito alla bravura crescente della nostra giovanissima Filarmonica.

Silvio Orlando, napoletano ma ” con il cuore sannita”, ha trascorsi nella musica, è vincitore dei premi più importanti della storia del cinema ed interprete di film cult e serie tv, è stato affiancato sul palco dalla sua nipotina. Un’iterazione scherzosa con lei ed il pubblico, ha presentato i personaggi della storia impersonati dai suoni degli strumenti. Una serata piacevole, all’insegna dell’arte, ha certamente regalato ai più grandi un tuffo nel passato ed al pubblico dei piccoli, un’occasione unica in teatro. Serata conclusa con omaggi da parte delle istituzioni ad Orlando e al direttore Lanzillotta. La sottile e raffinata ironia dello stesso Silvio Orlando l’ha fatta da padrona nel post concerto, nel botta e risposta con il primo cittadino e l’assessora impegnata nella promozione “Unesco”, concludendo “La vita è bella perché è varia! Un grazie va soprattutto a voi che siete venuti a farvi contagiare- ha esclamato Orlando- Di un contagio buono.

Di risate, di felicità, di intelligenza, di idee e di quelle bellissime vibrazioni che solo in un teatro si possono avere” ed infine : “Non capita spesso, ma quando capita è bellissimo”. Intanto il Teatro Romano si è confermato in perfetta sintonia con gli ospiti. Una bellezza senza tempo, discreta e raffinata, che come sempre ha aggiunto quel tocco finale di magia a completamento di una degna chiusura di rassegna. La direzione generale dei musei e nella persona di Ferdinando Creta, procedono a passo spedito nella proposta di valorizzazione di un’area archeologica sempre più luogo di cultura da vivere. “Benevento Cinema e Televisione”, diretta da Antonio Frascadore, anche quest’anno ha dato di prova di capacità e bravura, pronta già ad impegnarsi alla prossima edizione con nomi altisonanti, tra passato e presente, per mettere d’accordo un grande pubblico variegato.