1

Carcere e multa per chi usufruisce dei servizi Sky senza pagare il canone

sky-600x400Tempi duri per chi utilizza Sky senza pagare il canone. Rischia il carcere e una multa chi guarda i programmi criptati di Sky senza pagare il canone: per la Cassazione penale con la sentenza 46443/17, pubblicata il 10 ottobre 2017, dev’essere sanzionata penalmente, ai sensi dell’articolo 171 octies della Legge sulla Protezione del Diritto d’Autore (L. 633/41), la condotta di chi installa in casa un decoder collegato alla Lan domestica e all’impianto satellitare così da rendere visibili i canali televisivi dell’emittente a pagamento in assenza della smart card originale. Inoltre, il reato si concretizza con qualsiasi modalità venga elusa la protezione dei programmi criptati perché ciò che conta è l’intento fraudolento di chi vuole godere della visione senza pagarne i servizi. Nella fattispecie i giudici della terza sezione penale della Suprema Corte hanno confermato la duplice condanna inflitta sia in primo grado dal Tribunale di Palermo che dalla Corte d’appello del capoluogo siciliano nei confronti di un cittadino che si era difeso anche innanzi alla Cassazione ritenendo che i giudici territoriali avessero fondato il verdetto di colpevolezza sul sistema del card sharing, ravvisabile in presenza del Kit sharing consistente in un decoder e in una smart card collegata, come l’imputato avesse potuto accedere alla visione dei canali Sky in assenza di una smart card, mai rinvenuta presso la propria abitazione, senza tenere conto della versione fornita dallo stesso, che aveva affermato di aver acquistato i codici di decodifica sul web. Per gli ermellini, a nulla vale questa giustificazione: la condotta di chi utilizza dispositivi che consentono l’accesso ai servizi criptati come la televisione satellitare, è «espressamente sanzionata» dall’articolo 171 octies Lda indipendentemente dalle concrete modalità con cui l’elusione venga attuata, evidenziandone la finalità fraudolenta nel mancato pagamento del canone applicato agli utenti per l’accesso ai suddetti programmi. E ciò anche al di là del fatto che l’utilizzo del sistema truffaldino sia privato o pubblico.

“E’ una sentenza esemplare – commenta Fioravante Bosco (Uil Av/Bn) – che costituisce un precedente che desterà senz’altro allarme tra quanti continuano con svariati sistemi a decriptare il segnale delle TV a pagamento. Molti cittadini che utilizzano tali logiche devono rendersi conto che rischiano che la fedina resti macchiata per sempre”.

fioravante-bosco-uil




Grande entusiasmo a Benevento tra Sky e la sfida contro il Verona

c__data_users_defapps_appdata_internetexplorer_temp_saved-images_14199727_1110051445746868_6066944686866684667_n

L’entusiasmo è alle stelle nel capoluogo sannita. La sfida dal sapore di A contro il Verona, la corazzata che a detta di tutti deve stravincere il campionato cadetto, ha fatto salire l’hype della torcida giallorossa a livelli altissimi. Più di 7.000 i tifosi che saranno presenti domani al Vigorito, tra abbonati e biglietti staccati nelle ricevitorie del Sannio, ma si punta ad arrivare a quota 10.000. Circa 200 i tifosi provenienti dal Veneto. A condire la storica sfida di domani, la presentazione ufficiale di Sky del campionato di B 2016/17 nell’ambito del ‘Road Show’ che fa tappa nelle 22 città partecipanti al secondo campionato italiano. Nella giornata di ieri, benvenuto ufficiale in B, da parte del direttore Corcione, della bellissima Diletta Leotta e di Maurizio Compagnoni, che al teatro De Simone, ricco di passione e di euforia, hanno presentato il ricco programma di Sky riguardante la Serie B, in esclusiva per due anni sulla piattaforma più famosa in Italia. Presenti in rappresentanza del Benevento Calcio il presidente Vigorito, mister Baroni e capitan Lucioni, insieme al sindaco Clemente Mastella in rappresentanza dell’amministrazione beneventana. Un ambito nuovo, suggestivo, emozionante e palpitante, quello di Sky e della sua B in esclusiva per tutti gli abbonati, nel quale Benevento e il Benevento Calcio si sono pienamente inseriti. Presentata la seconda maglia mentre per la prima si aspetterà la sfida di domani, l’incontro è stata anche un’occasione per approfondire il tema riguardo il Benevento Calcio e le sue ambizioni. Soprattutto, un occhio di riguardo alle bellezze di Benevento e ai suoi prodotti. Una giornata che nessuno sportivo sannita dimenticherà. Giornata che, si spera, domani sia ulteriormente indimenticabile. Baroni in conferenza ha detto di non temere il Verona sebbene loro siano una seria candidata alla promozione in A. Bisogna giocarsela a viso aperto, col supporto del pubblico, ed uscire a testa alta come fatto contro il Carpi a Modena. Le indicazioni dagli ultimi allenamenti sono comunque molto positive: rientra De Falco dalla squalifica ed è un ritorno essenziale per i giallorossi, Del Pinto ha smaltito l’affaticamento che lo ha costretto a saltare il match contro il Carpi, Cissé è finalmente arruolabile ma di certo non al meglio, Cragno torna dagli impegni con l’under 21 di Di Biagio. L’unica tegola è quella di Puscas che salterà l’incontro dopo l’operazione al metacarpo fatta lunedì successiva all’infortunio subito con l’under 21 rumena. Benevento si può dire finalmente al completo e pronto ad affrontare il Verona di Pecchia con l’imbarazzo della scelta tra i titolari. Baroni dovrebbe confermare la formazione scesa in campo contro Spal e Carpi, con la sola novità De Falco a centrocampo. Il regista dovrebbe essere affiancato da Chibsah, ma il mister potrebbe optare anche per una coppia di metodisti inserendo al posto del ghanese, Buzzegoli. Del Pinto dovrebbe accomodarsi in panchina ma non si esclude neanche un suo utilizzo, rinnovando la coppia storica che ha conquistato la promozione con Auteri. Va verso la conferma la coppia difensiva Padella-Lucioni, solida e compatta nelle prime due uscite in campionato. Pecchia che, invece, ha diramato l’elenco dei convocati in vista della seconda trasferta in Campania: come previsto, non convocato Pazzini che è ancora infortunato, inserito Maresca arrivato in settimana a Verona dopo essersi svincolato dal Palermo. Difficile che, però, scenda in campo al Vigorito. Attenzione al figlio d’arte Ganz, che rievoca brutti ricordi ai tifosi sanniti (quello sfortunato Benevento-Como del maggio 2015), aiutato sugli esterni da Luppi e Siligardi, con Gomez che potrebbe entrare a gara in corso, salvo sorprese dell’ultimo minuto. A centrocampo occhi puntati su Romulo, col giovane Bessa a fare da regista, in panchina Valoti. Difesa confermata anche per i gialloblù, dopo l’1-1 di Salerno che ha concentrato le attenzioni di tutti sulla retroguardia veronese. Pecchia vuole i tre punti, consapevole che a Benevento l’entusiasmo del pubblico, l’euforia per l’ottimo inizio di campionato e la solidità della squadra, rendono il match ostico e duro da affrontare. Sono questi i fattori che gli scaligeri dovranno smentire su ogni campo di B, e Pecchia lo sa bene. Per questo ogni test è importante ai fini della promozione diretta. Consapevole di avere tra le mani una corazzata, il bottino pieno è (quasi) doveroso da centrare in terra sannita. Pronta anche la Curva Sud che, con un comunicato, ha informato tutti i tifosi giallorossi che verrà creata una coreografia ad inizio partita. Insomma, gli ingredienti ci sono tutti. Benevento si appresta a vivere un pomeriggio storico con la gioia e anche l’incoscienza di chi calca da poco palcoscenici degni di nota. Ore 15:00, Benevento-Verona. Il big match della 3^ giornata di Serie B.
Le probabili formazioni:

Benevento (4-2-3-1): Cragno; Venuti, Padella, Lucioni, Lopez; De Falco, Chibsah; Ciciretti, Falco, Melara; Ceravolo.
In panchina: Gori, Camporese, Bagadur, Gyamfi, Pezzi, Del Pinto, Buzzegoli, Jakimovski, Pajac, Cissé. All.: Baroni

Verona (4-3-3): Nicolas; Pisano, Bianchetti, Caracciolo, Souprayen; Fossati, Bessa, Romulo; Siligardi, Ganz, Luppi.
In panchina: Coppola, Vencato, Cherubin, Maresca, Valoti, Zaccagni, Cappelluzzo, Fares, Gomez, Troianiello. All.: Pecchia