1

Festa delle Stelle al Merito Sportivo, premiati anche Barba e Gori

Dopo il rinvio dello scorso anno a causa della pandemia, nel pomeriggio di oggi l’Aula Magna dell’Università “Giustino Fortunato” è tornata ad ospitare la Festa delle Stelle al Merito Sportivo. L’importante appuntamento, organizzato dal Coni di Benevento, è giunto alla ventiseiesima edizione e ogni anno ci tiene a premiare dirigenti sportivi, tecnici, atleti e società per i risultati conseguiti, per la diffusione dei “Valori dello Sport“, nonché per la promozione delle attività e della cultura sportiva. Tra i premiati anche due tesserati del Benevento Calcio: l’ex portiere e attuale collaboratore tecnico Piergraziano Gori e il difensore Federico Barba. A “Ghigo”, il presidente del Panathon di Benevento, Danila Vitale, ha conferito il premio Stile e Professionalità. “Ricevere questa targa mi inorgoglisce – ha commentato l’ex portiere – e rappresenta un’ulteriore conferma che il Benevento e questa città rappresentano da anni ormai per me la mia seconda casa. Grazie a tutti”.

Al difensore e studente dell’UniFortunato, in quanto è iscritto al primo anno del corso di laurea di Diritto ed Economia delle Imprese, il professore Paolo Palumbo ha invece consegnato il Fortunato d’Oro. Il numero novantatré giallorosso, subito dopo aver ricevuto la targa celebrativa, si è soffermato sul momento delicato che sta attraversando la squadra, attesa domenica dalla trasferta di Pisa. “Le ultime due sconfitte bruciano molto, però sono dell’idea che stiamo facendo un percorso comunque positivo e dobbiamo continuarlo. Riguardo, invece, alla mia esperienza all’UniFortunato ci tengo innanzitutto a ringraziare il magnifico rettore dell’università e il professore Palumbo. Far conciliare lo studio e il calcio non è semplice, ma poter studiare a distanza è una grande risorsa e con i sacrifici si ottengono i risultati”.

Moderato dal giornalista Alfredo Salzano e dal delegato provinciale del Coni, Mario Collarile, tra i premiati dell’evento odierno anche il giornalista Billy Nuzzolillo, con il collega che dal confermato delegato allo Sport al Comune di Benevento, Enzo Lauro, ha ricevuto il Gladiatore Sannita.

L’elenco completo dei premiati
Stelle di Bronzo: Giovanni Caturano per l’Automobile Club d’Italia e alla Magic Team 92 per la Pallacanestro
Stelle d’Argento: Pierluigi Boscia per la Pallamano, Antonio Buonocore per il Pattinaggio a rotelle e al Club Ginnastico Benevento
Stella d’Oro: Giuseppe Maio per l’AIA-FIGC
Medaglia di Bronzo al Valore Atletico: Giuseppe Camerlengo per le Armi Sportive
Medaglia d’Argento al Valore Atletico: Rosario Rubortone per le Armi Sportive;
Premio speciale cronometrista Under 103: Nicola Pocino
Gladiatore Sannita: Billy Nuzzolillo
“Fortunato d’Oro”: Federico Barba
Premio Stile e Professionalità, consegnato dal Panathon di Benevento: Piergraziano Gori




All’Unifortunato le prospettive dell’educatore socio-pedagogico nelle disabilità

Ha riscosso grande interesse il secondo appuntamento del “Ciclo di seminari per studenti e laureandi sulle professioni: definizione, ambiti di applicazione e sbocchi occupazionali” organizzato dall’Università Giustino Fortunato.

Nell’incontro di venerdì si è discusso della professionalità socio-educativa nell’area delle disabilità alla presenza del Direttore dell’Istituto dei Sordi di Torino, dott. Enrico Dolza. La presidente del Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione dell’UniFortunato, Laura Sara Agrati, ha introdotto l’incontro richiamando le novità sul piano professionale e formativo dei recenti provvedimenti normativi in merito il profilo e gli ambiti di intervento in ambito sanitario – L. 145/2018, dl n. 96/2019.

Il dott. Dolza ha illustrato le numerose aree di intervento dell’Istituto da lui diretto e sottolineando l’opportunità offerta dal ICF – International Classification of Functioning – come piattaforma comune di collaborazione tra figure del ‘caring’. L’ospite ha, inoltre, offerto agli studenti e agli uditori una significativa testimonianza personale: come da educatore sia diventato giovane direttore dello storico centro di assistenza e iscrizione dei sordi grazie ad esperti che lo hanno formato dal punto di vista umano e professionale.

La partecipazione degli studenti e l’interazione finale ricca di domande sono indicatori del desiderio dei giovani di conoscere il profilo professionale dell’educatore e le potenziali opportunità di lavoro.




Unifortunato, “Shoah: memoria, didattica e diritti”

Giovedì 29 ottobre si terrà il primo degli incontri della seconda edizione del Laboratorio universitario interdisciplinare ‘Shoah: memoria, didattica e diritti’, organizzato dall’Università Giustino Fortunato, uno dei pochi atenei in Italia a proporre un corso specifico su questo argomento. 

Otto gli incontri del laboratorio universitario, coordinato dal Prof. Paolo Palumbo, Straordinario di diritto ecclesiastico e canonico dell’Unifortunato, che si svolgeranno da ottobre a maggio, con la presenza di illustri relatori e testimoni, per fornire strumenti approfonditi per interpretare il genocidio ebraico e creare gli anticorpi contro la discriminazione, l’odio, l’ingiustizia e le disuguaglianze. 

L’iniziativa ha molte particolarità, come ricorda il Rettore,Giuseppe Acocella: “è un vero e proprio insegnamento universitario erogato agli studenti dell’ateneo, aperto anche delle scuole superiori e alla cittadinanza, e si sviluppa attraverso la modalità laboratoriale, con un approccio interdisciplinare, con esperti di pedagogia, diritto, filosofia, sociologia, per vedere come diversi saperi scientifici hanno ragionato e ragionano su questo tema. 

La partecipazione di tanti studenti che hanno aderito al laboratorio consente di mantenere viva una memoria che altrimenti corre il rischio di cominciare a scolorire e testimonia che il laboratorio tocca aspetti fondamentali per la convivenza civile, a partire da quello relativo alle giuste coordinate del principio di legalità”.

Collaborano al progetto del laboratorio, i docenti dell’Unifortunato delle cattedre di Diritto ecclesiastico, Didattica, Storia della pedagogia, Fondamenti del diritto europeo, Filosofia, Sociologia, Psicologia, nonché esperti e studiosi di altri atenei ed associazioni.

Alle attività didattiche si assoceranno anche testimonianze, presentazioni, e un percorso sulla “Benevento ebraica”. 

Lo scopo, ha sottolineato il coordinatore del corso, Paolo Palumbo: “è permettere allo studente di avere gli strumenti interpretativi e le capacità critiche per una conoscenza approfondita della storia del genocidio ebraico, delle persecuzioni razziali e delle politiche pubbliche della memoria. 

L’iniziativa mira anche a mostrare l’uso delle fonti documentarie, per rendere gli studenti consapevoli della complessità delle interpretazioni storiografiche sul tema e per sviluppare un linguaggio disciplinare appropriato; le tematiche che saranno affrontate, infine, testimoniano l’importanza di offrire spunti nuovi di lettura e riflessione a partire dalla Shoah”.

Al ciclo di incontri del laboratorio prenderanno parte anche studenti degli ultimi anni delle scuole superiori. 

Gli incontri si terranno tutti in modalità online e sono aperti anche ad esterni interessati. Per partecipare e ricevere le credenziali di accesso alle aule virtuali è necessario inviare una mail di richiesta a p.palumbo@unifortunato.eu.

Il percorso è valevole anche per la formazione dei docenti (Piattaforma Sofia n. id 49977)

Comunicato Stampa




“Il diritto all’oblio tra deontologia e informazione”, se ne parlerà il 22 novembre

“Il diritto all’oblio tra deontologia e informazione”: è questo il tema scelto per il corso di formazione professionale dei giornalisti che si terrà a Benevento venerdì 22 novembre presso l’Aula Magna dell’Università “Giustino Fortunato”, in viale Raffaele Delcogliano, n° 12, dalle ore 09.30 alle ore 13.30.

Il
corso rientra nell’ambito della formazione continua dei giornalisti curata
dall’Ordine dei Giornalisti della Campania ed è stato organizzato in
collaborazione con l’Associazione Stampa Sannita e l’Unifortunato.

Interverranno: Ottavio Lucarelli (presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania), Giovanni Fuccio (presidente Associazione Stampa Sannita) e Angelo Scala (docente di Diritto processuale Civile).

Ai partecipanti al corso saranno assegnati 6 crediti formativi. Le iscrizioni sono aperte fino al 20 novembre.

Comunicato stampa




Università Giustino Fortunato, welfare e mercato: analisi sociale, economica e giuridica

L’Università Giustino Fortunato organizza la sua prima Conference Call di carattere internazionale in collaborazione con l’Università straniera della Santissima Concezione del Cile. 

La call, dal titolo “Welfare e mercato: un’analisi sociale, economica e giuridica”, vede la partecipazione di oltre 50 docenti e studiosi provenienti da Università ed Enti di Ricerca di tutto il mondo, che interverranno nelle due giornate di studio organizzate presso la sede di Benevento dell’Università Giustino Fortunato, in programma per il 18 ed il 19 ottobre.

L’iniziativa, che si colloca nel panorama internazionale della ricerca – ha dichiarato la prof.ssa Ida D’Ambrosio, delegata alla ricerca dell’UniFortunato – nasce per ampliare ed approfondire il dibattito sulle trasformazioni dello Stato sociale in Italia. 

Il progetto guarda in particolare alle misure e alle iniziative di secondo welfare realizzate nel nostro Paese, che si contraddistinguono per la loro forte connotazione territoriale e l’impiego di risorse non pubbliche provenienti da attori privati, parti sociali ed organizzazioni del Terzo Settore. 

L’attenzione – ha proseguito la Prof. D’Ambrosio – è focalizzata sul complesso intreccio che si sta delineando nel mondo tra le misure volte a tutelare i noti rischi della società industriale e le misure tese ad affrontare la gamma dei nuovi bisogni che caratterizzano la società multietnica e post-industriale, con una riflessione, svolta in chiave interdisciplinare, sulle dinamiche in atto a livello locale, nazionale e internazionale.

Comunicato stampa