1

DDL Zan, Potere al Popolo: “Grave che De Pierro difenda De Luca”

Con profondo sconcerto apprendiamo le parole del capogruppo PD Francesco De Pierro, il quale, nell’evidente tentativo di difendere le recenti dichiarazioni del Presidente della Regione De Luca sul DDL Zan, ha biasimato chi in queste ore sta ironizzando sulle parole del Presidente (con tutta probabilità riferendosi soprattutto a qualche collega di partito), sostenendo che ciò renda “un cattivo servizio alla Campania e al Partito Democratico che deve parlare a tutte le sensibilità culturali, come si conviene a una formazione politica plurale e inclusiva.” Ad affermarlo in una nota è la rappresentanza sannita di Potere al Popolo.

L’altro ieri il Presidente de Luca ha mandato al diavolo chi reputava necessario prevedere una giornata di sensibilizzazione sull’omotransfobia nelle scuole primarie – come attualmente previsto dal DDL Zan – dichiarando che lui sarebbe favorevole a prevederne una verso la fine del ciclo della scuola secondarie di II grado. Non è chiaro cosa intenda De Pierro per “pluralità ed inclusività” nel ventunesimo secolo. Tuttavia è evidente quanto la sua posizione sulla scuola pubblica sia legata ad una visione retrograda di società in cui non si può parlare di cosa sia la società reale perché qualcuno si offenderebbe. De Pierro e De Luca dovrebbero sapere che nelle scuole campane ci sono già docenti in grado di elaborare sessioni e percorsi didattici che istruiscono gli studenti di ogni ordine e grado ai concetti di diversità, inclusione ed uguaglianza. Infatti, nelle scuole italiane si parla di rispetto delle diversità già da tanti anni.

Probabilmente i politici citati qui sopra non se ne sono accorti perché troppo impegnati a fare sparate nei salotti televisivi o a insultare i cittadini via dirette Facebook invece di impegnarsi a garantire un servizio scolastico di qualità a tutti i cittadini“.




Afghanistan, ‘Welcome Refugees’: il Sannio is your home

È una corsa contro il tempo, migliaia di persone, soprattutto donne e bambini, in queste ore stanno scappando dall’Afghanistan, dove dallo scorso 14 agosto sono ripiombati, nel più assordante silenzio, i talebani che hanno conquistato Kabul senza incontrare alcuna resistenza lungo la via che, di fatto, ha rimesso in piedi l’Emirato Islamico dell’Afghanistan.

Donne e bambini, sono coloro che in tutto questo gran casino, rischiano di più la vita. Era il 17 agosto quando il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, scrisse sul suo account social: “Come le altre comunità italiane ed i loro sindaci, anche Benevento è pronta a manifestare, in concreto, la propria solidarietà ai profughi afghani“. Dopo l’appello del Sindaco Mastella, è arrivata una notizia da Castelpoto, dove il Sindaco Vito Fusco, annunciava che: “Nell’ambito del progetto “Resolute Support Mission” della Nato, Castelpoto ospita una famiglia afghana che ha collaborato con il contingente italiano ad Herat. Una scelta che si inserisce nel percorso tracciato da Anci che ha prontamente risposto alla crisi afghana offrendo la disponibilità ad ampliare la rete SAI(sistema accoglienza e integrazione) gestita direttamente dai comuni. La nostra comunità si arricchisce di questa presenza che ci porta a riflettere sull’importanza della politica estera e delle missioni internazionali nella difesa dei diritti umani“.

Questa mattina a Napoli, prima dell’alba, sono arrivate 87 persone che, come ha scritto il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca: “Si tratta di 20 famiglie afgane provenienti da Kabul, soprattutto donne e bambini (29 bambini di cui due neonati e 27 donne). Gli 87 cittadini in fuga dall’Afghanistan hanno trovato ospitalità presso il Covid Residence dell’Ospedale del mare di Ponticelli, rimodulato dall’ASL Napoli 1 Centro proprio per garantire loro il necessario confort e la massima assistenza nel corso del periodo di quarantena“.

Dopo il periodo di quarantena prevista, le 20 famiglie saranno accompagnate presso i centri SAI del Sannio e dell’Irpinia. A dichiararsi pronto all’arrivo dei profughi di Kabul è lo Sai di Montefalcone di Val Fortore, che sul profilo social scrive: “Noi siamo pronti!! Il Sannio è pronto ad accogliere le famiglie afghane in arrivo, ed anche noi faremo il nostro“.




Trasporto gratuito per gli studenti, Errico: “Dal 25 agosto la campagna abbonamenti”

“Anche per il prossimo anno scolastico, ormai alle porte, ci sarà l’abbonamento gratuito per il trasporto per gli studenti finanziato dalla Regione Campania”. Ad annunciarlo è Fernando Errico delegato del Presidente De Luca per la Na-Ba. “Pochi giorni fa ho sentito il presidente della commissione trasporti in Regione Campania, Luca Cascone, – continua Errico – al quale ho esortato di velocizzare il pagamento degli abbonamenti gratuiti studenti dello scorso anno alle aziende Tpl, ed ho avuto rassicurazioni in merito sulla celerità dell’operazione”.

Fernando Errico poi sottolinea che “Quest’anno, ottenere l’abbonamento gratuito studenti è diventato ancora più semplice, veloce e digitale…basta avere un indirizzo e-mail e un cellulare…oltre, ovviamente, ad essere in possesso di un certificato ISEE in corso di validità e senza annotazioni.  Un’iniziativa davvero innovativa – conclude Errico – e la Campania è stata la prima Regione in Italia a varare questa misura di grande civiltà e sono convinto che il Presidente De Luca continuerà a mantenere questo impegno concreto”. 

Bisogna seguire questi 3 step per ricevere l’abbonamento direttamente sullo smartphone per l’inizio delle attività didattiche.
1. Crea l’account sulla piattaforma Unicocampania, inserendo i dati anagrafici che vengono richiesti. Si tratta di una  nuova piattaforma, diversa da quella utilizzata negli scorsi anni; quindi, anche se si è  già registrati, bisogna comunque CREARE UN ACCOUNT. Per gli  studenti  minorenni, l’account deve essere creato da un genitore o tutore. Con il proprio account, il genitore può  richiedere l’abbonamento gratuito studenti per ciascun figlio. 
2. La prima operazione da fare, una volta entrati nella piattaforma, è CREARE UNA TESSERA (vale a dire, compilare la pratica). Occorre inserire i dati di residenza, istituto o facoltà e valore ISEE e la  documentazione richiesta.
3. A partire dal primo settembre, una volta ricevuta l’approvazione della pratica, si potrà procedere al pagamento. Se si tratta di un rinnovo, il sistema, automaticamente, riconosce il codice fiscale e propone il pagamento di 10 euro. Se, invece, è la prima volta che si fa la richiesta, sarà dovuto anche il pagamento della cauzione di 40 euro. Il pagamento potrà avvenire – come sempre – o online con carta di credito o tramite rivendite SISAL. E la card?  Ecco la rivoluzione. Non serve più! Bisogna Scaricare l’APP Unico Campania e, inserendo le credenziali fornite per la tessera, si troverà  il proprio abbonamento “caricato” automaticamente sul proprio smartphone. Basta solo attivarlo e presentare il QR a richiesta del personale di controllo o ai varchi di accesso con lettori abilitati. Non bisogna più andare a ritirare l’abbonamento, né di ricaricarlo. Tutto molto più facile ed innovativo. Il link della piattaforma di registrazione sarà comunicato a partire dal 25 agosto, inutile dunque registrarsi ora sulla piattaforma attualmente online.

Comunicato Stampa




Antonella Pepe: “Bene De Luca su alleanza Pd-M5S”

“L’alleanza tra il Pd e il Movimento Cinque Stelle è indiscutibile. Con queste parole, pronunciate ieri a Napoli alla Festa dell’Unità e riportate oggi dalla stampa, il presidente Vincenzo De Luca ha riconosciuto la bontà della svolta operata dal M5S con la leadership di Giuseppe Conte”. Così in una nota stampa Antonella Pepe, coordinatrice della segreteria provinciale del Partito Democratico.

Siamo, evidentemente, d’accordo con De Luca – prosegue la giovane dirigente del Pd-. Le sue dichiarazioni, infatti, danno ulteriore forza alla linea politica perseguita dalla federazione sannita del Partito Democratico che già lo scorso gennaio, recependo l’invito dell’allora segretario nazionale Zingaretti – invito poi ribadito da Letta – ha avviato il percorso di collaborazione con il Movimento Cinque Stelle. Percorso che ha già determinato un primo importante risultato: la candidatura a sindaco di Benevento di Luigi Diego Perifano, proposta su cui si sono ritrovate diverse altre forze politiche e civiche presenti sul territorio”.

Con il suo intervento – prosegue la giovane dirigente del Pd -, De Luca si è spinto persino oltre, auspicando un percorso di unificazione delle due forze politiche per arrivare alla costruzione di un solo partito riformista e progressista. Vedremo gli sviluppi nel prossimo futuro. Un dato, però, è già evidente: l’unico centrosinistra possibile passa per l’alleanza tra Pd e M5S. Lo dice Roma, lo dice Napoli, lo dice Benevento. Ed è su questa certezza – conclude Antonella Pepe – che bisogna lavorare per aprire una nuova stagione politica e amministrativa”.




Errico: “Fare squadra per il Recovery Fund e i Fondi Europei”

“Ormai sono mesi che parliamo di Next Generation, Recovery Fund, fondi europei ecc che sembrano lontane da noi e dai nostri territori ma che, in realtà, costituiscono un concetto molto vicino. È un’occasione storica. Le Amministrazioni comunali, altri Enti ed i territori sono chiamati ad accettare queste sfide: ognuno deve sentirsi parte attiva. Bene dunque le intese istituzionali tra diversi attori su temi strategici perché insieme si va lontano e si raggiungono i traguardi. Un singolo Comune da solo non può incidere sul Recovery Fund, per questo dobbiamo ragionare in termini di area vasta se vogliamo rilanciare il nostro Sannio”. Ad affermarlo in una nota è Fernando Errico, Delegato del Presidente De Luca per la Na-Ba 

Sinergia anche per la realizzazione dell’Alta Velocità Na-Ba dove è necessario un approccio che guardi unitariamente alle aree interne del Sannio e dell’Irpinia. Una infrastruttura che connetterà due aree, quella campana e quella pugliese, che da sole rappresentano oltre il 40% della produzione meridionale. Attualmente sono in fase di realizzazione le tratte Napoli-Cancello, Cancello-Frasso, Frasso -Telese e Apice-Hirpinia. Già aggiudicate e in fase di progettazione esecutiva le tratte intermedie. L’Hirpinia-Orsara e la Orsara-Bovino, infine, sono a gara. Tutti lotti che entro la fine del 2021, inizio 2022 si conta di cantierizzare. 

Non è escluso – conclude Errico – che la ‘scorciatoia’ del Recovery prevista dal Governo possa già garantire la prima accelerata. Pertanto per la definizione e l’attuazione di uno sviluppo sostenibile attraverso la gestione dei fondi della Programmazione Europea 2021-2027 e delle risorse stanziate dal Recovery Fund bisogna fare squadra con progetti credibili e concreti”.