1

Telese, l’Upupa d’oro ha premiato i sanniti meritevoli

Lo scorso 25 aprile a Telese Terme sono stati assegnati i riconoscimenti dell’Upupa d’oro, la kermesse nata dal compianto ingegnere, poeta e cantante lirico Giuseppe Pellerito, giunta alla quinta edizione, che premia personalità sannite e campane che si sono distinte nel campo dell’Arte, della Scienza, dell’Impresa. Un premio all’impegno, all’innovazione, alla capacità di dare rilievo al territorio, valorizzandone storia e tradizioni.

Riconoscimenti per attività imprenditoriali nate dal nulla e che hanno sapientemente aiutato al rilancio dell’economia di zona, sono andati a Vincenzo Benevento, che con l’azienda Erbagil di Guardia Sanframondi ha puntato su un settore non proprio in voga, quello della cosmesi sostenibile; al telesino Sergio Buttà, che anni fa, con la nascita dell’Alphabyte, diede lavoro a nuovi giovani che si sono poi inseriti nel settore informatico; a Filomena Grimaldi, fondatrice della Libreria Controvento di Telese, per l’innovativa esperienza nel settore librario da lei perseguito; ancora, a Emilio Di Biase, che ha riscoperto la tradizione dei prosciutti di Pietraroja, oggi esportati in tutto il mondo.

Premiati anche Nicola Gentile, ceramista e poeta di San Lorenzello, per la sua capacità di far conoscere antiche maioliche e diverse tecniche artistiche, e il telesino Antonio Alterio, per l’intensa attività solidale e sociale, nell’aiuto delle famiglie più bisognose, che ha altresì avuto il merito di far entrare Telese nel circuito nazionale dei Borghi della Lettura, e che sta tenacemente lavorando affinché la rete si allarghi con l’ingresso di altri comuni sanniti.