“Faccio una proposta: non vedo perché se facciamo noi una manifestazione ci possono essere 300 persone mentre allo stadio debbano esserci gli spalti vuoti. Perché non ci possono essere mille persone in un campo da 15mila posti?”.

Lo chiede lanciando una sua personale proposta il sindaco Mastella in merito all’eventuale ripresa del campionato, aggiungendo “bisogna stare attenti che poi non si torna indietro. Speriamo che più squadre non vengano colpite ferocemente dal virus”. Il sindaco, nelle sue idee, pensa a un migliaio di spettatori negli impianti sportivi “distribuiti secondo criteri di serenità e tranquillità. Avvenga lo stesso in ogni parte d’Italia. Chi ci va? Gli abbonati ed è giusto che questi facciano a turno in modo tale che possano andare tutti”.

Critico anche quando si parla di rapporti tra squadre, calciatori e TV: “Quando sento parlare del rapporto contrattuale che verrebbe meno tra squadre con Sky e Dazn, perché non sono incazzato pur io con loro che ho fatto l’abbonamento e non mi fanno vedere le partite? Allora pur io dovrei rinunciare alle TV se ognuno denuncia l’altro e le squadre danno meno soldi ai calciatori. Perché io dovrei pagare la quota che pago rispetto alle TV? Mi pare una stronzata incredibile”.

Infine la chiosa sul presidente Vigorito: “L’ho sentito nei giorni più difficili, io poi son sempre quello che viene ascoltato nei giorni difficili, in quelli buoni un po’ di meno”.