Triestina-Benevento 1-1: invenzione di Lanini e la Strega strappa il pari

L’avventura play off del Benevento ha inizio dal “Nereo Rocco” di Trieste con la truppa di Gaetano Auteri che affronta la compagine giuliana nell’andata del primo turno nazionale. I padroni di casa, reduci dal pari contro la Giana Erminio e che le ha permesso di qualificarsi, hanno chiuso la stagione regolare al quarto posto con sessantaquattro punti e prima di Bordin sulla panchina alabardata si è accomodato Attilio Tesser, con l’esperto allenatore esonerato lo scorso 4 febbraio.

Le scelte – Bordin schiera il suo undici con una sorta di 3-4-2-1, con il terzetto difensivo Struna, Malomo e Rizzo davanti ad Agostino. A centrocampo Germano e Petrasso sono gli esterni, con l’ex Vallocchia e Correia in mediana e la coppia Minesso-D’Urso a supporto di Radan. Si schiera a specchio il Benevento, con Auteri che ripropone Pinato sulla trequarti a supporto del tandem offensivo Ferrante-Lanini. Al centro della difesa c’è Capellini, con Berra e Viscardi a fare da braccetti. Improta e Simonetti sono, invece, gli esterni del centrocampo che vede in mezzo la coppia formata da Talia e Nardi.

La gara – Ritmi alti sin dalle prime battute e al 16′ per i padroni di casa ci prova Correia, la cui conclusione da fuori area si spegne sul fondo. Al 18′ risponde il Benevento con Talia che avanza palla al piede e il suo tentativo dal limite finisce abbondantemente fuori. Al 21′ altra ripartenza del Benevento, con Pinato che serve sulla sinistra Ferrante che da buona posizione calcia il pallone nella curva dei tifosi locali. Al 25′ i padroni di casa la sbloccano: Vallocchia serve Redan che con una conclusione neanche tanto potente beffa Paleari. Sulle ali dell’entusiasmo per il vantaggio al 28′ gli alabardati con Petrassi vanno anche vicini al raddoppio e il suo tentativo su punizione finisce di poco oltre la porta. Il Benevento è totalmente in bambola e al 30′ altra azione insistita della troupe di Bordin che si conclude con un tiro di Germano, deviato da Berra, che si stampa sul palo. Al 34′ è, invece, la traversa a salvare la Strega, con la potente conclusione di Vallocchia dalla distanza che si stampa sulla parte alta della porta. Al 36′ Redan riceve palla dalla sinistra da Petrassi e il suo tiro è bloccato da Paleari. Al 39′ timido sussulto del Benevento e il tentativo di Improta dopo una serie di rimpalli è bloccato da Agostino.

Nella ripresa gli alabardati partono sempre all’attacco e al 2′ la conclusione di D’Urso finisce fuori. Al 15′ per provare a scuotere un po’ i suoi Auteri mette Ciciretti al posto di Ferrante e tra i padroni di casa il portiere Agostino si infortuna e al suo posto entra Matosevic. Al 29′ in campo tra i giallorossi anche Perlingieri che prende il posto di Talia e di conseguenza Pinato arretra a centrocampo. Al 31′ sussulto del Benevento e magia di Lanini che con una perfetta conclusione a giro realizza il gol dell’1-1. Al 36′ triplo cambio tra i giallorossi ed entrano in campo Agazzi, Bolsius e Meccariello con quest’ultimo che torna a giocare a distanza di otto mesi dal terribile infortunio di Torre del Greco. Cambi anche tra i padroni di casa con Ciofani e Anzolin al posto di Struna e Petrasso. Nel recupero la Strega ci prova prima con Perlingieri e poi con Improta e in quest’ultima circostanza Matosevic si rifugia in angolo. Il portiere di casa si ripete qualche istante dopo e questa volta su Ciciretti. Nell’ultimo minuto di extratime la Strega va anche in gol con Pinato, ma il gol viene annullato per un fallo di Bolsius su Rizzo. È l’ultima emozione della serata con la Strega che esce dal “Rocco” con un pari e negli istanti successivi al triplice fischio Pinato, contrariato per il gol annullato, rimedia il rosso diretto. Sabato sera al Benevento basterà un altro pareggio per ottenere il pass per i quarti di finale.

Tabellino
Triestina (3-4-2-1)
: Agostino (15′ st Matosevic); Struna (37′ st Ciofani), Malomo, Rizzo; Germano, Vallocchia, Correia, Petrasso (37′ st Anzolin); Minesso (22′ st El Azrak), D’Urso (22′ st Ballarini); Redan. A disp.: Diakite, Gunduz, Lescano, Jonsson, Fofana, Celeghin, Crosara, Moretti, Pavlev, Vertainen. All.: Roberto Bordin
Benevento (3-4-1-2): Paleari; Berra, Capellini, Viscardi; Improta, Talia (29′ st Perlingieri), Nardi (36′ st Agazzi), Simonetti (36′ st Meccariello); Pinato; Ferrante (15′ st Ciciretti), Lanini (36′ st Bolsius). A disp.: Manfredini, Giangregorio, Masciangelo, Karic, Kubica, Marotta, Ciano, Rillo, Starita, Carfora. All.: Gaetano Auteri
Arbitro: Mattia Caldera della sezione di Como
Assistenti:
Marco Matteo Barberis della sezione di Collegno e Matteo Cardona della sezione di Catania
IV Ufficiale:
Marco Emmanuele della sezione di Pisa
Var:
Marco Serra della sezione di Torino
Avar:
Daniele Minelli della sezione di Varese

Marcatori: 25′ pt Redan (T), 31′ st Lanini (B)

Note: terreno di gioco in ottime condizioni. Ammoniti: Nardi (B), D’Urso (T), Redan (T), Ballarini (T). Espulsi: Pinato (B) rosso diretto per proteste. Angoli: 1-3. Recupero: 1′ pt, 5′ st.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.