Si rinnova presso il Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi (DEMM) dell’Università del Sannio l’appuntamento con Strategy@Work, ciclo di testimonianze aziendali organizzato dai professoriGilda Antonelli, Angelo Riviezzo, Vincenza Esposito eMatteo Rossi.

Come tutte le altre attività didattiche e seminari dell’Ateneo sannita, anche il ciclo di testimonianze aziendali, tradizionale appuntamento per gli studenti dei corsi di Economia, sia triennali che magistrali, è stato prontamente ripensato e organizzato per essere erogato e fruito on-line.

Quest’anno è stata dedicata particolare attenzione alle azioni strategiche e operative che le imprese stanno mettendo in campo per adattarsi e reagire all’imprevedibile crisi che stiamo vivendo e, con l’occasione, riflettere sulle difficoltà ma anche sulle opportunità che si sono create. L’idea è cercare di stimolare negli studenti una riflessione attenta e partecipata.

Tutte le testimonianze sono previste alle ore 16 sulla piattaforma webex teams. Il 7 aprile sarà, inoltre, possibile seguire l’evento in streaming sul canale Facebook dell’ateneo.

Il ciclo è partito il 1° aprile con la testimonianza di Gesesa, azienda del Gruppo multinazionale ACEA, che gestisce i servizi idrici nella provincia di Benevento. L’appuntamento si è aperto con l’intervento del direttore del Dipartimento DEMM Massimo Squillante che ha introdotto Emilio Porcaro, responsabile della Gestione delle Risorse Umane di Gesesa. Nella conversazione con gli studenti e i docenti presenti il manager, oltre ad illustrare i modelli di gestione strategica ed organizzativa della sua impresa, ha condiviso le riflessioni su come e quanto la crisi pandemica abbia accelerato i processi di change management nella sua organizzazione; processi per alcuni aspetti già prospettati e auspicati in passato, ma accelerati e accettati con minori resistenze oggi. E non solo nella direzione di un radicale e repentino ricorso allo smart working, ma anche rispetto alla più ampia legittimazione che dipendenti e manager riconoscono a metodo logiequaliil project management per l’efficace gestione delle emergenze e dell’innovazione.

Si proseguirà con il seminario pubblico in live streaming sul canale Facebook Unisannio martedì7 aprile con la testimonianza di Birra Peroni, con un’introduzione sull’azienda e la sua storia di oltre 170 anni e poi un approfondimento delle azioni messe in campo per sostenere le comunità in cui opera in questo delicato momento. Birra Peroni, pur non essendo più di proprietà italiana, da sempre ha valorizzato la presenza nel nostro Paese, contribuendo alla crescita economica e restituendo ricchezza alle comunità locali, a partire dagli agricoltori. Ne discuteranno Silvia Aloe, che, con più di 15 anni di esperienza nel mondo della comunicazione e degli eventi, è PR & Communication Manager in Birra Peroni e Daniela Brignone, storica e archivistad’impresa, che è curatrice dell’Archivio Storico e Museo Birra Peroni, e discuterà di come la cultura venga utilizzata in questo momento di crisi come veicolo di “continuità” dell’attività aziendale.

Mercoledì 15 aprile sarà la volta di Flavour of Italy Group, società fondata da Maurizio Mastrangelo e Marco Giannantonio, due imprenditori italiani che nel 2004 hanno avuto l’idea di promuovere la cultura italiana in Irlanda partendo dalla valorizzazione dell’enogastronomia. Oggi, a sedici anni dalla sua nascita, il gruppo annovera diverse divisioni che operano con successo nei settori dell’enogastronomia, della cultura e dei viaggi, coniugando tradizione e innovazione e promuovendo la più autentica cultura dell’ospitalità italiana in Irlanda. E’ possibile vedere la loro storia visionando il docu-film “E’ come stare a casa” disponibile al link https://vimeo.com/358836627 Password: pinocchio.

Con i due imprenditori dialogherà anche Fabrizio Giorgilli, autore, insieme ai due, del libro edito dalla Rubettino “Oltreil business”, che propone una diversa concezione della “profittabilità” del business, ponendo “la persona” quale elemento portante dell’attività di impresa.

L’ultima testimonianza è in programma mercoledì 29 aprile con la partecipazione di Decathlon, azienda specializzata nella produzione e nella distribuzione di attrezzature e abbigliamento sportivo,che offre servizi per più di 80 sport e 240 pratiche sportive. L’emergenza Covid 19 rappresenta un grande problema per gli amanti dello sport abituati a condividere l’energia della pratica in palestra o all’aperto, poiché non riescono a portare avanti le proprie abitudini. Decathlon ha lanciato il progetto#AllenaticonDecathlon: un evento su facebook, al fine di costruire una community nella quale le persone possono trovare gli allenamenti di tutti gli sport, dialogare con altre persone, postare foto e relazionarsi con Decathlon e partner esterni. In questo modo riescono a mantenere una forte interazione con i clienti raggiungendo una copertura di oltre 68.000 persone e più di 2.000 partecipanti con un sentiment molto positivo sia verso il brand che verso i partner. Di questa iniziativa e del modello di crescita aziendale discuteranno Leslie Marin, Sport Team Leader Fitness e responsabile comunicazione e servizio clienti e Gianmarco Lorefice, Store Leader Decathlon Benevento.

Comunicato stampa