Unità Materno – Infantile, il consigliere Abitabile: “Finalmente un segnale forte dall’amministrazione...

Unità Materno – Infantile, il consigliere Abitabile: “Finalmente un segnale forte dall’amministrazione Romano”

“L'azione di minoranza ha avuto un ruolo di sollecito e di sprono importante”

SHARE

“Dall’amministrazione Romano è finalmente giunto un segnale forte e tangibile sulla vicenda Materno-Infantile. Un’azione di governo sensata e ragionevole che, pur non risolvendo in via definitiva la problematica sanitaria legata al poliambulatorio comprensoriale sito in San Salvatore Telesino, rappresenta una prima concreta proposta”, così il consigliere di minoranza Alfonso Abitabile commenta la decisione della Giunta comunale di opporsi al trasferimento dell’Unità Materno – Infantile da San Salvatore Telesino a Guardia Sanframondi.

“Come sottolineato negli scorsi giorni dal consigliere di minoranza Alfonso Abitabile con lettera aperta destinata al Sindaco Romano nonché agli Ass. Votto (Sanità) e Gaetano (Rapporti con Enti Sovracomunali), nella delibera comunale del 26.02.19 – con la quale il Comune mette a disposizioni nuovi ed accomodanti locali a servizio del Comprensorio Materno-Infantile in condizioni di totale gratuità –  si evincono non solo i disagi per gli utenti ma le conseguenze negative sull’efficacia degli stessi servizi sanitari offerti se la paventata idea di trasferimento dovesse effettivamente realizzarsi.
Allo stesso modo si evince quanto evidenziato dallo stesso consigliere nella lettera aperta: se è vero che le missive del Sindaco al D. G. Picker non hanno ricevuto risposta alcuna, al contempo è altrettanto indubbio come nessun’azione di sollecito sia stata mai esperita, e come il tentativo di risoluzione aprioristica del problema sia andato perento.  Ad oggi la consapevolezza di un simile mea culpa, di una non tempestiva e imponente presa di posizione istituzionale c’è; ma tale lacuna è stata in parte ripianata con la formalizzazione  della disponibilità a concedere gratuitamente i locali di cui alla delibera” si legge all’interno della nota.

“È doveroso ritenere, al netto della chiara e strategica non considerazione amministrativa, come l’azione di minoranza abbia avuto un ruolo di sollecito e di sprono importante, al fine di addivenire ad un gesto di governo doveroso. E fungere al contempo da apripista ad una cosciente ed impegnata presa di posizione istituzionale da parte del governo Romano, a cui si è oggi associata anche la richiesta del Comune di Telese col sindaco Garofano.
A questo punto speriamo in giusti ripensamenti del D. G. Picker, affinché trionfi il buon senso. E a vincere siano i cittadini, coi loro bisogni. Almeno stavolta”, conclude Abitabile.