Degustazioni guidate, spettacoli, musica e arte. Vinalia è ormai diventato un punto di riferimento del calendario eno-gastronomico del Sannio, capace di unire la qualità del buon vino alla quantità della proposta commerciale.

Giunto alla sua 26esima edizione, l’evento guardiense anche quest’anno sta attirando uno straordinario flusso di estimatori, turisti e curiosi. Il merito del successo è legato sicuramente alla qualità della proposta eno-gastronomica, ma non solo. Il “quid” in più della manifestazione è dato dall’apporto artistico della rassegna “VinArte” che si snoda per le strade del borgo e dallo “Showcooking” nel piazzale delle armi del suggestivo castello medievale.

Ben 12 le cantine che compongono il “percorso del gusto” (La Guardiense, Cantina Morone, Vigne Storte, Il Sabba, Az. Agricola Pietrefitte, Torre Venere, Bicu de Fremundi, I colli del Sannio, Cantine Sebastianelli, Cantina di Solopaca, Az.Agricola Scompiglio e Masseria Vigne Vecchie) e che offrono al visitatore la possibilità di degustare vini per tutti i palati; dal rosso al bianco, passando per delicati rosati. Di tanto in tanto wine bar e stand con “cibo di strada” ad arricchire un percorso coinvolgente. In piazza mercato e via Roma due palchi spettacolo dai quali ogni sera si libera buona musica.

La rassegna, quest’anno dal titolo “Canto della durata”, proseguirà fino al 10 agosto e si inserisce nell’ambito internazionale di Sannio Falanghina, Città Europa del Vino 2019. Il successo della manifestazione si può giudicare facilmente dal crescente afflusso di visitatori che per questa edizione sta sfiorando giornalmente cifre record, tanto che trovare un parcheggio è davvero una missione in quel di Guardia Sanframondi.