Le pagelle: Ciciretti e Simonetti decisivi! Bene anche Paleari e Capellini

La Strega ribalta il match a Francavilla Fontana e sbanca il “Giovanni Paolo II”: decisivi i gol di Ciano – il secondo consecutivo – e la zampata nel finale di Simonetti, su assist di Ciciretti. Auteri fa due vittorie in due partite e fa volare la Strega a 36 punti. Di seguito, tutte le valutazioni dei calciatori giallorossi:

PALEARI 6,5: Nella prima frazione para in due tempi il tiro di Ingrosso, rivelando una presa piuttosto insicura – un po’ il leitmotiv della sua partita. Nella ripresa, però, è un gatto, anche un po’ fortunato, sul tap-in ravvicinato di Macca: prima tiene a galla i suoi, poi si ripete con un plastico tuffo sulla botta da fuori dello stesso Macca.

BERRA 6: Disputa un primo tempo di grande solidità, in cui si oppone magistralmente col corpo ad ogni sortita avversaria. Soffre un po’ nella ripresa: perde Macca in occasione della migliore opportunità dei padroni di casa (non sfruttata), poi rimedia un giallo nel recupero. La media lo vede ugualmente sufficiente.

CAPELLINI 6,5: É certamente il migliore del pacchetto arretrato. Spicca per una prodigiosa chiusura su Artistico al 25’, che salda il parziale pari. Continua a buoni ritmi anche nella seconda frazione, confezionando una delle migliori prestazioni stagionali.

PASTINA 5,5: Catapultato in campo quasi senza preavviso dopo due mesi d’assenza. Il ritmo-partita gli manca e si vede: da due suoi affondi a vuoto il Benevento rischia l’imbucata.

IMPROTA 5,5: Nell’occasione capitatagli al 17’, in cui manca l’impatto col pallone a porta ormai sguarnita, pareva poter fare di più: gli è mancato un pizzico di cattiveria. In generale, un piccolo passo indietro rispetto alle ultime gare in cui pareva un pendolino arrembante.

AGAZZI 5,5: Fluidità di gioco e verticalità non sono il suo forte. Arranca molto nella prima frazione, nella quale perde una moltitudine di possessi. Si rifà parzialmente nella ripresa, emergendo specialmente fase di interdizione e risultando comunque prezioso per gli equilibri difensivi della compagine giallorossa. (Dall’80’ KARIC s.v.)

PINATO 5,5: Più in ombra rispetto alla gara contro la Turris, nella quale era risultato il perno tattico della Strega. Poco coinvolto: corre un po’ a vuoto fino al cambio. (Dal 57’ TALIA 5,5: Con il suo ingresso, offre maggiore dinamismo al centrocampo della Strega. È impreciso, però, nella gestione di un paio di possessi offensivi; causa, inoltre, la punizione da cui nasce il gol della Virtus.)

MASCIANGELO 6: Solo un grandissimo assist per il gol di Ciano lo salva da un’insufficienza certa. In occasione del gol dei pugliesi, infatti, è parso poco lesto e reattivo dopo la respinta della barriera, quasi favorendo sbilencamente il gol di Artistico. (Dall’80’ SIMONETTI 7: Dieci minuti più recupero gli bastano per incidere e fare la differenza. Imbucata di Ciciretti e girata vincente a sorpresa del duttile classe 2001, particolarmente apprezzato dal tecnico. Decisivo.)

CIANO 6: Pronti-via e spara alto un’ottima occasione da buona posizione. Fatica, poi, per tutto il resto della gara: l’impressione è che patisca sensibilmente i carichi più pesanti sui quali Auteri ha incardinato la propria preparazione atletica: la condizione non è al meglio e si vede, poiché gli mancano guizzi e lucidità. La zampata vincente del pari, però, è la sua: al posto giusto al momento giusto; secondo gol consecutivo.

MAROTTA 5,5: Tanta corsa e parecchi attacchi alla profondità: il sacrificio è indiscutibile, ma il risultato stavolta non è buono. Evanescente al tiro, impreciso nel dialogo. Elemento avulso: sostituito anzitempo. (Dal 57’ BOLSIUS 5,5: Altro ingresso poco incisivo. Spreca un’ottima occasione a meno di dieci minuti dalla fine, poi gira a vuoto sul fronte offensivo peccando di mordente. Ancora una volta rimandato.)

FERRANTE 5,5: Un unico squillo al 24’, con un bel mancino da fuori parato da Forte. Dopodiché, spazia tanto nel trio offensivo, agendo quasi da esterno, ma non risulta mai concretamente pericoloso. (Dal 78’ CICIRETTI 7: Dopo il match con la Turris, un’altra gara in cui si iscrive a referto. È da una sua giocata che nasce il gol-vittoria della Strega: serve l’assist decisivo a Simonetti. Ora lo si può dire: sta diventando un fattore.)

AUTERI 6,5: Sarà un caso – non lo è -, ma con i suoi cambi la Strega risolve la partita: assist di Ciciretti e gol di Simonetti. La sua squadra continua a sembrare facilmente sbilanciabile per via di un 3-4-3 privo di saldi equilibri in mezzo al campo, nel quale ogni possesso perso a centrocampo rischia di essere pagato caro. I risultati, però, lo premiano: due vittorie su due; applausi.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.